none_o

Gioia e picconate, abbracci e idranti, sbarre che si alzano e fiumane di vessati che sfociano nella libertà, l'euforico stordimento prodotto dall'onda d'urto del treno della Storia quando passa sferragliando e fischiando così sonoramente da rendere impossibile non accorgersene: la notte della caduta del Muro di Berlino, 30 anni fa, fu tutto questo e definirla 'storica' è quasi riduttivo. Era il 9 novembre del 1989. ..

Circolo ARCI Migliarino
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Nella primavera del 2008 Rifondazione comunista, Partito .....
L’attuale deriva della crisi di sistema paese, .....
. . . . . . . . . . . ha avuto un enorme potenziale .....
Faccio ammenda volevo scrivere Cascina , ma non mi .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Parrocchia di Migliarino.
none_a
FIAB di Pisa.
none_a
Casanova di Terricciola, 9 novembre
none_a
Pisa, 30 novembre
none_a
Pisa, 7 novembre
none_a
Da Zero a Mille.
none_a
Circolo Il Fortino-Marina di Pisa
none_a
Lucca Comics & Games.
none_a
Val di Serchio
none_a
Val di Serchio
none_a
Cs campionato petanque
none_a
Situazione delle squadre della Val di Serchio
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
"Così a Dio piacque,
l'uovo da cielo cadde
e la gallina nacque!"
di Fernando Bezzi
IL GOVERNO CIRCOLARE CON IL CERINO RIMASTOGLI IN MANO.

5/11/2019 - 9:44

IL GOVERNO CIRCOLARE CON IL CERINO RIMASTOGLI IN MANO.

I provvedimenti sono sempre gli stessi, ma vanno e vengono come trottole. Niente per la crescita. Pd in coma profondo.

Dopo tante mutazioni, siamo forse arrivati al governo definitivo: il governo circolare. Nel senso che giovedì si decide una cosa, lunedì la si cambia, mercoledì la si ripristina. L’importante è che sia una sciocchezza, un divertimento. La nostra tassa sulla plastica sta facendo ridere il mondo intero, non serve a niente.
Chiunque abbia fatto almeno le elementari sa che la plastica non è eliminabile: sostituirla con bottiglie di vetro complica tutto, diventa molto più costoso e anche agli effetti ambientali è peggio.
Tutto questo dibattersi intorno al nulla ha però una ragione: non ci sono soldi e quindi il governo fa finta di fare, di battersi per un mondo green. Lo abbiamo già spiegato: la manovra è di 30 miliardi, ma 23 se ne vanno per sterilizzare l’Iva, 3-4 miliardi se ne vanno per spese già decise e non più rinviabili e quindi rimangono 3-4 miliardi, con in quali si può fare poco o niente.
Il governo circolare è infatti anche il governo del niente. Allora solleva polemiche su cose ridicole: la tassa sulle merendine con troppo zucchero o, appunto, sulla plastica. Oppure sulle auto aziendali in uso ai dipendenti (idea della grande economista Laura Castelli). Tutte stupidaggini per cercare di rimediare qualche soldo.
In questo clima dal dibattito parlamentare c’è da aspettarsi di tutto.
Di crescita, comunque, non si parla nemmeno più perché tanto non si fa. La Germania ha stanziato 50 miliardi per fare un po’ di green: noi, forse, la tassa sulla plastica.
Il problema vero è che intanto il debito pubblico avanza: fra meno di un anno, giugno 2020 avrà raggiunto una cifra simbolo, e cioè i 2500 miliardi.
L’economia continuerà a crescere sotto l’1 per cento ancora per molti anni, i giovani scappano dal sud, e quindi mezza Italia continua a desertificarsi.
Ma noi discutiamo come matti perché il governo ha autorizzato lo sbarco in qualche porto di 100 migranti, di cui solo 25 rimarranno in Italia. Stiamo offrendo uno spettacolo ridicolo. E anche un po’ angosciante. Salvini sembra uscito da una birreria di Monaco: nessuno in Europa ha personaggi del genere. Inventa migranti che non esistono, brandisce rosari e madonne come fossero clave. L’unica cosa che ha proposto e che ha fatto approvare è abbassare l’età pensionabile: nessuno nel mondo lo sta facendo. Solo noi.

E LA CIGLIEGINA SULLA TORTA ArcelorMittal molla Ilva.

E LASCIA QUESTO GOVERNO DI INCAPACI CON IL CERINO IN MANO.

AUGURI GENTE SIAMO FALLITI.
In tutto questo il Pd, liberato finalmente dal fastidioso Renzi, è entrato in una fase comatosa, e lì rimane. Finalmente in pace.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




6/11/2019 - 20:11

AUTORE:
Francesco T.

" Oppure sulle auto aziendali in uso ai dipendenti (idea della grande economista Laura Castelli)." Caro sig. Bezzi la tassa sulle auto aziendali non è un idea della Castelli. Nel resto d' Europa, quella che conta, le tasse su questo genere di auto ci sono e sono anche alte. Già nel 2014 l' OCSE diceva che solo l' Italia le aveva basse e che questo trattamento di riguardo non aveva ragione di esistere.
Pensi un po' a chi deve usare la sua e non può scaricare nulla.