none_o

Gioia e picconate, abbracci e idranti, sbarre che si alzano e fiumane di vessati che sfociano nella libertà, l'euforico stordimento prodotto dall'onda d'urto del treno della Storia quando passa sferragliando e fischiando così sonoramente da rendere impossibile non accorgersene: la notte della caduta del Muro di Berlino, 30 anni fa, fu tutto questo e definirla 'storica' è quasi riduttivo. Era il 9 novembre del 1989. ..

Circolo ARCI Migliarino
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Nella primavera del 2008 Rifondazione comunista, Partito .....
L’attuale deriva della crisi di sistema paese, .....
. . . . . . . . . . . ha avuto un enorme potenziale .....
Faccio ammenda volevo scrivere Cascina , ma non mi .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Parrocchia di Migliarino.
none_a
FIAB di Pisa.
none_a
Casanova di Terricciola, 9 novembre
none_a
Pisa, 30 novembre
none_a
Pisa, 7 novembre
none_a
Da Zero a Mille.
none_a
Circolo Il Fortino-Marina di Pisa
none_a
Lucca Comics & Games.
none_a
Val di Serchio
none_a
Val di Serchio
none_a
Cs campionato petanque
none_a
Situazione delle squadre della Val di Serchio
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
"Così a Dio piacque,
l'uovo da cielo cadde
e la gallina nacque!"
E la ministra Lezzi: "Il futuro sono i mitili"
L'Ilva pronta a chiudere. Ma per rilanciare il Sud il M5s punta sulle cozze

8/11/2019 - 8:42

L'Ilva pronta a chiudere. Ma per rilanciare il Sud il M5s punta sulle cozze

L'azienda: "Così a settembre ce ne andiamo". E la ministra Lezzi: "Il futuro sono i mitili"

Siccome era da un po' di tempo che Toninelli e la Castelli, campioni indiscussi di gaffe e figuracce, non regalavano qualche perla, ci ha pensato Barbara Lezzi a ristabilire la media.

La Lezzi, perito aziendale impiegata presso Orolforniture Sas di Lecce diventata ministro del Sud per indubbia competenza visto che è del Sud, aveva già dimostrato capacità nella disciplina, tipo quando aveva detto che il Pil italiano d'estate cresce perché la gente accende il condizionatore.

Un'altra quando sfidò chiunque «a stendere un asciugamano sopra un gasdotto», ignorando che il Tap passerà a 10 metri di profondità sotto la spiaggia pugliese. Quindi un talento naturale da cui aspettarsi nuove uscite brillanti. E infatti l'altro giorno a Taranto ne ha prodotta una notevole.
Lì c'è la questione dell'Ilva, su cui il M5S sta facendo più danni di un cataclisma. Prima hanno detto che l'avrebbero chiusa, poi hanno cambiato idea e hanno dato il via libera al bando, ora hanno ricambiato idea e - violando gli accordi con ArcelorMittal - non escludono la chiusura («Avverrà il 6 settembre, in assenza di una soluzione» annuncia l'ad di Arcelor Mittal Europa, Geert Van Poelvoorde), che i grillini però chiamano «riconversione economica del territorio» perché suona meglio. Ma tralasciando per un attimo la questione, veniamo alla geniale soluzione proposta dalla Lezzi.

Chiude l'Ilva, 14mila posti di lavoro tra dipendenti e indotto, 4,2 miliardi di investimenti già stanziati? Bè dai non facciamone un dramma, ci sono le cozze pelose che vengono su una meraviglia a Taranto.

Può sembrare una gag di Crozza, perciò riportiamo letteralmente la dichiarazione della ministra grillina: «È giusto che Taranto contribuisca al Pil nazionale, ma non solo con il siderurgico, può farlo anche con altri investimenti che guardino al futuro. È una bella città di mare di cui si parla solo per l'ex Ilva, ma ha, per esempio, una lunga tradizione nell'attività di mitilicoltura, che non può essere dimenticata».

Certo, al posto di un colosso industriale da 2 miliardi di fatturato, si fanno gli allevamenti di cozze, magari pure di vongole, e Taranto decolla. Con una spruzzatina di limone e un bicchiere di bianco secco sono il massimo, vuoi mettere con l'acciaio? Comunque il grande piano di rilancio grillino del Sud non comprende solo la coltivazione dei mitili. Una volta smantellata l'Ilva vogliono anche ristrutturare il centro storico di Taranto con fondi ad hoc e «micro progetti per il settore artigiano» incentivando «veri imprenditori che vogliono investire in uno sviluppo sano, duraturo e sostenibile». Facendo scappare l'unico gruppo industriale che al momento può tenere in piedi lo stabilimento, evento che avrebbe ricadute economiche spaventose - oltre ai miliardi di danni che chiederà ArcelorMittal per violazione dei patti - quantificate dallo Svimez così sugli anni in cui lo stabilimento è rimasto fermo perché sotto sequestro: 3-4 miliardi di euro persi per ogni anno, pari a circa due decimi di punto di ricchezza nazionale.


Alle supercazzole della Lezzi si aggiungono poi quelle di Gianpaolo Cassese, deputato M5s tarantino, soprannominato la «Boschi della Val D'Itria» perché disse che si sarebbe dimesso se una volta al governo Di Maio non avesse immediatamente chiuso l'Ilva. Cassese, imprenditore agricolo, ha detto che basta industria, Taranto deve diventare «città verde capitale del cleantech», che non si capisce cosa voglia dire ma suona bene. Insomma decrescita felice per il Sud, molto «clean» e accompagnata da un favoloso plateau di cozze pelose.



Fonte: Paolo Bracalini - Il Giornale, 27/06/2019
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




8/11/2019 - 15:54

AUTORE:
Pitagorico

Ci siamo scordati i 370 gradi dell'angolo giro Pugliese...

8/11/2019 - 15:20

AUTORE:
XXXL

Ogni ministro ha le sue responsabilità.
Poi ci sono alcuni che mettono (ancora) in dubbio se anche il Nazareno finito in croce fra i due ladroni avesse fatto dei danni miracolando la povera gente.

8/11/2019 - 13:54

AUTORE:
G.Paolo

Avete scelto un articolo recente 27.o6.19 per attaccare la ministra Lezzi. Niente di più recente?