none_o

Servono forse convegni interminabili, ospiti illustri e location spaziali per ottenere partecipazione e divertimento? Servono mezzi illimitati, spazi dedicati, progetti faraonici per riunire persone e Associazioni per un progetto comune di alto livello? Talvolta, come è successo questo sabato, basta un piccolo spazio ed una piccola occasione per ottenere risultati eccellenti e oltre ogni aspettativa. 

Si sa che Colombo, il suo uovo, l'ha rotto!

Ma .....
Come spesso succede nessuno ci aveva pensato ( nemmeno .....
sicuramente la strizza in emilia romagna l'hanno sia .....
. . . . . . . . . . . . . per nascondere la strizza. .....
L'Associazione "La Voce del Serchio" ed MdS Editore
none_a
Abbracci e baci, il contesto emotivo influenza la gestualità sociale
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
A Palazzo Roncioni
none_a
Volterra, 9 febbraio
none_a
Poste Italiane
none_a
Pisa, 31 gennaio
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Pisa
none_a
FIAB Pisa
none_a
Con le “De Soda Sisters”
none_a
CSI Pisa
none_a
Le squadre di ValdiSerchio
di Marlo Puccetti
none_a
CSI -Centro Sportivo Italiano
none_a
Le squadre di ValdiSerchio
di Marlo Puccetti
none_a
Nella notte fredda e bianca
la Befana un poco arranca
urge ormai di farsi l'anca
e per questo sembra stanca.

Befanotto suo marito
è davvero inviperito
dice: .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
di Moschini
none_a
Migliarino, 20 dicembre ore 18.00 (ASBUC)
Incontro con Renzo Castelli e le sue opere più recenti

6/12/2019 - 18:38

In occasione dell'ultimo appuntamento per il 2019 di Progetto Libri l'Associazione "La Voce del Serchio" e i Soci della Sezione Valdiserchio-Versilia di Unicoop Firenze

incontrano il giornalista e autore Renzo Castelli

Venerdì 20 dicembre alle ore 18.00, presso la Sala Asbuc, Via S. D'Acquisto 1 , Migliarino
verranno presentati i volumi delle Edizioni ETS

"Bada lì" Parole, modi di dire, soprannomi e proverbi pisani"PISA 1937.XV  Correva l'anno.."

"PISA, il romanzo della città"



Introduce Sandro Petri, presidente ass. La Voce del Serchio

Letture a cura di Daniela Bertini, ass. Teatro Il Gabbiano

Al termine della presentazione ci sarà un brindisi augurale per i soci Coop e della Voce del Serchio 


L'AUTORE

Alternando alla sua lunga attività di giornalista quella di scrittore, Renzo Castelli (Pisa, 1937) ha pubblicato numerosi libri su argomenti diversi: sport, costume, storia, narrativa.
Con questo singolare reportage torna a posare lo sguardo sulla sua città, uno sguardo attento, curioso, commosso – talvolta anche ironico – per raccontarne i luoghi, le vicende, gli aneddoti, le esperienze vissute e mai dimenticate.

I LIBRI

"Bada lì"
439 modi di dire, 106 proverbi, 331 soprannomi: è il modo di rappresentare la città scelto questa volta da Renzo Castelli, già autore di numerosi libri su Pisa, la sua storia, il suo costume.

I motti qua ricordati rappresentano un'occasione per far rivivere al lettore emozioni mai dimenticate, un tentativo di ricostruire il passato facendone assaporare umori che molti hanno vissuto e spesso condiviso.

Come scrive il poeta, "non vorrei più pensare al passato ma lui non fa altro che pensarmi e volermi indietro".

Ma anche il presente ha il suo volto.

Ed ecco allora che, come "appendice" a questa mappa di parole pisane, figurano alcune frasi legate all'attualità colte al volo in città dal maggio all'agosto 2018, un sintetico campionario di espressioni che sottolineano la vis polemica e quel tratto umoristico che non ha mai fatto difetto ai pisani.

Cosicché, alla fine, la lettura di queste pagine non sembrerà così superficiale come l'autore stesso, forse, ci vorrebbe far credere.

"PISA 1937.XV  Correva l'anno.."
La scelta di raccontare un tempo tanto diverso dai nostri giorni è motivata dalla curiosità - che l'autore ha coltivato da tempo - di conoscere più da vicino come fossero la città, l'Italia e il mondo in un anno che fu quello della sua nascita.

Non è il racconto di vicende personali o familiari ma il tentativo di "decifrare" quei giorni e cercare di scoprire qualcosa di più della politica, del costume, dei fatti, degli umori di quel tempo che fu così particolare nella storia d'Italia.

L'autore è andato a frugare nella memoria dell'ormai esigua pattuglia dei superstiti, ha consultato documenti, libri, riviste, quotidiani fino a realizzare un mosaico dei 365 giorni che formarono il 1937.

Che era anche il XV di quella che fu definita «Era fascista».

Una ricerca che ci offre, oltre ai fatti della cronaca, anche il clima degli anni Trenta che, da soli, rappresentano un'intera epoca.

"PISA, il romanzo della città"
La vecchiaia - sosteneva Simone de Beauvoir - ti afferra all'improvviso. Cerchi allora di superare lo smarrimento pensando che tanto doveva accadere, che finalmente potrai leggere i libri che non hai mai potuto leggere, visitare le chiese e i musei che non hai mai potuto visitare.

Ma alla fine né l'una né l'altra cosa avvengono.

E quindi, cosa ti resta da fare?

Renzo Castelli risponde alla domanda raccontando Pisa attraverso trenta 'luoghi della memoria' nei quali, alla storia segnata da architetture e monumenti, si sovrappongono il costume, i personaggi, l'aneddotica popolare, le emozioni.

Da questa singolare ricerca scaturisce il racconto di una memoria collettiva e personale da leggersi come un romanzo: il romanzo della città.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: