none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
vivi solo il presente dei tuoi interventi sulla VdS, .....
Quando io da buon soldatino ed iscritto al partito .....
Leggo ora di questa polemica su Bersani e dico la mia. .....
I noti problemi legati al coronavirus hanno acceso .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Associazione culturale "Nati per scrivere"
none_a
Villa di Corliano, 4-10 ottobre
none_a
Corso di Scrittura Creativa
none_a
Pisa, 3 ottobre
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Le compagnie di trasporto marittime sembra abbiano deciso di investire in porti diversi da Livorno
DARSENA EUROPA: Gli Amici di Pisa chiedono attenzione per la costa pisana

21/12/2019 - 8:53



                                                                  Pisa, 21 Dicembre 2019,2020 in stile pisano
DARSENA EUROPA: Gli Amici di Pisa chiedono attenzione per la costa pisana
Le compagnie di trasporto marittime sembra abbiano deciso di investire in  porti diversi da Livorno
 
In questi giorni abbiamo appreso  dai giornali diverse notizie:
- MSC,GIP, Spinelli non hanno avanzato un’offerta d’investimento nella costruenda Darsena Europa
-l’operatore  marittimo  Hapag-Lloyd ha  basato a Genova l’headquarter della divisione Sud Europa
-l'inaugurazione della  piattaforma Maersk di Vado (Savona)  per un sistema unico ligure con tre piattaforme per i containers
- Rete Ferroviaria Italia (RFI) investirà 26 milioni  per i collegamenti ferroviari della  Piattaforma  Maersk di  Vado ligure.
Sembrerebbe quindi che le compagnie di trasporto marittimo abbiano ormai preso delle decisioni  su quali porti investire e Livorno non è fra questi. Si concretizzano quindi  le preoccupazioni di alcuni  operatori livornesi per i tempi di realizzazione del progetto Darsena Europa: 
“una Piattaforma più piccola con una banchina da 750 metri ed una da 250 consentirebbe in ogni caso una operatività doppia di quella attualmente conseguita dal terminal TDT” (Darsena Toscana) e che “ la movimentazione dei container non è detto che diventi il settore trainante del porto e altri settori come specialmente i ro-ro, le auto nuove ed il forestale devono essere seguiti con grande cura data la loro incidenza sul traffico totale”.
L’attrattività dei porti è condizionata  anche dalla facilità del collegamento  ferroviario con il corridoio europeo Scandinavia-Mediterraneo, che sarà raggiunto a Prato sia da quello di Livorno che da quello di La Spezia; quest’ultima però potrà collegarsi facilmente anche da Parma via Pontremoli, dove la RFI ha intenzione di potenziare la linea.
Ribadiamo quindi la nostra preoccupazione per i rischi di erosione del Calambrone e Marina di Pisa e di inquinamento delle acque dell’Area Marina Protetta delle Melorie che potrebbero far perdere la “Bandiera blu” alla nostra costa a causa del gigantismo del progetto Darsena Europa, per il quale  iniziano anche ad evidenziarsi problemi di finanziamento e di redditività. Siamo pronti ad una protesta sul litorale.
Chiediamo attenzione alla costa pisana sia per erosione che per l’inquinamento.
Proponiamo, quindi  che sarebbe il caso di investire sulla costa con  infrastrutture di comune interesse:
 -ripristinare l’interfaccia Ferrovia-Aeroporto sfruttando l’investimento previsto per il By pass di Pisa migliorandolo con una interfaccia per l’Aeroporto per collegarlo da Est alla linea di Firenze
-  progettare un corridoio tirrenico ferroviario di Alta Velocità che potrebbe essere una strategica alternativa nazionale all’unica dorsale appenninica per evitare che in caso di incidente (vedi le preoccupazioni per i ponti dopo il recente terremoto nel Mugello) l’Italia sia tagliata in due.
                                                                                  
                                                                       Il Presidente Amici di Pisa
                                                                       Stefano Ghilardi
 
 
    

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




23/12/2019 - 19:07

AUTORE:
Virgilio Barachini

Quando per circa 30 anni sono stato il Dirigente dell'Agenzia Marittima delle Ferrovie della Stato di Livorno alla fine del secolo scorso già si parlava della costruzione della Darsena Europa, fortunatamente senza possibilità di realizzazione. Oggi si torna alla carica, giustamente nell'interesse del Porto di Livorno, ma fregandosene dei terrificanti effetti che questa gigantesca struttura comporta per l'erosione del litorale pisano e per l'inquinamento dell'Area Marina della Meloria. In questa società fortemente egocentrica si parla tanto di collaborazione, ma in realtà ogni comunità tende a fare valere i propri interessi, per questo sostengo che noi Pisani non possiamo ignorare il progetto dei livornesi e dobbiamo cercare di impedire che questo distrugga il nostro arenile e inquini il nostro mare !

unioneinquilinipisa@virgilio.it