none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Caro sig. Gio' la facevo migliore. E invece è solo .....
Hai ragione, sono un bischero a confondermi ancora .....
IDV Toscana
none_a
di David Barontini portavoce M5S di Cascina
none_a
Il nostro é un ordinamento garantista non giustizialista
none_a
“Magari che ci metta lo zampino il coronavirus…”
none_a
Umberto Mosso‎ #SEMPREAVANTI Pistoia e provincia.
none_a
di Renzo Moschini, ex parlamentare
none_a
di Giovanni Greco coordinatore CascinaOltre
none_a
Calci
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
di Enzo C. Delli Quadri
PERSONAGGI, POLITICA
Salvini e i giudici che rompono le scatole

20/1/2020 - 11:52

DI DRITTO E DI ROVESCIO
Pensando e scrivendo, vivo
PERSONAGGI, POLITICA

 

 
Salvini e i giudici che rompono le scatole

Così, con queste parole e senza girarci intorno, Il Capitano di folle oceaniche pronte a immolarsi per lui, si è rivolto alla sua gente: “I Giudici rompono le scatole a chi lavora”. Non ha detto che le rompono ai delinquenti, ai mafiosi, ai corruttori e ai corrotti, ma alla gente che lavora. E, grazie, a giornalisti compiacenti, le sue parole rimbombano nelle case di italiani ignari sottoposti a questo bombardamento eversivo. La magistratura commette errori, scantona, elude, fa pasticci ma è pur sempre un terzo potere dello Stato che deve agire in autonomia e indipendenza; non va additata ed esposta a un giudizio sommario della folla.
In questo attacco alla Magistratura c’è tutta la sua strategia antidemocratica: ieri, con una piroetta delle sue, dopo aver urlato che il suo comportamento a proposito della nave Gregoretti è stato simile a quello della Diciotti e chiesto di essere trattato allo stesso modo e, cioè, esentato dal doversi mettere a disposizione dei giudici per un giusto processo, ha capovolto il discorso, chiedendo ai suoi senatori leghisti, facenti parte della Giunta per le autorizzazioni a procedere contro il Ministro, di votare perché venga mandato a processo.
Una sceneggiata degna del miglior Totò, con la sua trasformazione da lupo ad agnello, da carnefice a vittima (processato, secondo lui, per aver difeso i confini della Patria). Sorvola, Salvini, sul fatto che ha obbligato una nave italiana con 140 disperati a bordo a restare per diversi giorni fuori da un porto italiano. Dove si possa riscontrare una difesa dei confini da una nave italiana è certamente un mistero.
Questa sparata contro i giudici fa seguito all’aggressione contro la Corte Costituzionale che pochi giorni fa ha giudicato inammissibile il referendum chiesto da 8 regioni a trazione leghista per un sistema elettorale maggioritario.
Se ci fosse onestà intellettuale in questo uomo e in chi gli fa da sponda, non si parlerebbe di lui che aggredisce i giudici ma del giudice Gratteri che, in Calabria, ha  condotto per tre anni l’operazione che ha portato all’arresto di 334 persone in Italia e all’estero e alla decapitazione di tutte le cosche che operano nella zona di Vibo Valentia – mettendo in evidenza gli intrighi tra ’ndrangheta, colletti bianchi e massoneria.
E pensare che, negli ultimi tempi, molti Media ci hanno propinato un Salvini non più battagliero ma moderato. Altro che svolta moderata. Salvini punta a travolgere con una spallata le procedure del diritto che frenano la sua ascesa al potere.

Non scherzava quando, ad agosto, chiese i pieni poteri.
Salvini che pretendeva un’assoluzione a furor di popolo dagli spalti di uno stadio, fuori dalle aule del tribunale, ora si presta al gioco del vittimismo chiedendo di essere processato in uno stadio adattato ad aula di tribunale insieme a tutto il popolo italiano.  Siamo alla chiamata alle armi contro tutti i democratici poteri dello Stato, in veste leghista ma non dissimile da quella nazista.

D’altra parte è a tutti noto come Salvini si sia preoccupato di occultare il filo-nazismo del suo ex portavoce Savoini (quello che teneva il ritratto di Hitler sulla scrivania de La Padania).


+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: