none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . si fanno proposte al contrario?
Velocizzare .....
Ma se il Serchio facesse una piena seria con tutto .....
E' APPENA USCITO IL SOLE
SIAMO IN DIVERSI CHE PARLIAMO .....
. . . qui se c'è qualcuno che scappa mi pare che tu .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Abbracci e baci, il contesto emotivo influenza la gestualità sociale
SALUTE E BENESSERE

21/1/2020 - 13:09

Abbracci e baci, il contesto emotivo influenza la gestualità sociale

Un gruppo di ricercatori tedeschi ha dimostrato che, nonostante il lato prediletto sia quello della mano portante, c’è un altro fattore che influenza la preferenza laterale 
 
Nel momento dei saluti, quando abbraccia o bacia qualcuno, l’essere umano sceglie inconsapevolmente se sporgersi verso destra o verso sinistra. Nonostante il lato prediletto rimanga sempre quello della mano portante, è stato recentemente dimostrato che oltre alla preferenza motoria esiste un altro fattore in grado di influenzare questa gestualità sociale: il contesto emotivo.La scoperta si deve a un team di ricercatori della Ruhr-Universität di Bochum, dell’Heinrich-Heine-Universität di Düsseldorf e della Victoria University di Wellington (Nuova Zelanda).
Analizzati i risultati di precedenti ricerche
Per compiere lo studio, pubblicato sulla rivista Neuroscience and Biobehavioral Reviews, gli esperti hanno analizzato approfonditamente i risultati di scorse ricerche che avevano precedentemente confermato l’importanza della manualità nell’influenzare il gesto che da inizio a un abbraccio.Sono così riusciti a dimostrare che nonostante l’essere destrimani o mancini giochi un ruolo importante nella scelta, non è l’unico fattore determinante nella decisione comportamentale."Dal momento che i contatti sociali sono spesso associati a un movimento della mano, è ovvio che questo influenzi le preferenze laterali", spiega Sebastian Ocklenburg, autore principale dello studio.Le persone sono solite compiere le azioni più importanti utilizzando l’arto preferito. Non è un caso, per esempio, che le madri che cullano il proprio figlio tendano a effettuare il gesto con la mano sinistra, lasciando quella destra libera per svolgere funzioni più importanti e che necessitano di una manualità migliore.
L’influenza delle circostanze emotive
Gli esperti hanno tuttavia evidenziato che nelle situazioni caratterizzate da un maggior coinvolgimento emotivo la preferenza laterale si sposta verso sinistra. Questa decisione è assolutamente indipendente dal tipo di sentimento provato: sia esso positivo o negativo. Il cambiamento laterale avviene in quanto le emozioni sono elaborate dall’emisfero destro del cervello, che regola e gestisce il coordinamento e il movimento della parte sinistra del corpo. “Vi sono numerose prove dell'interazione e dell'interconnessione tra le reti motorie e le reti emotive nel cervello”, spiega il Dottor Ocklenburg. È dunque la combinazione tra la preferenza motoria e l’emotività del momento a determinare la scelta del lato verso il quale ci si sporge per baciare o per abbracciare.





+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: