none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Caro sig. Gio' la facevo migliore. E invece è solo .....
Hai ragione, sono un bischero a confondermi ancora .....
IDV Toscana
none_a
di David Barontini portavoce M5S di Cascina
none_a
Il nostro é un ordinamento garantista non giustizialista
none_a
“Magari che ci metta lo zampino il coronavirus…”
none_a
Umberto Mosso‎ #SEMPREAVANTI Pistoia e provincia.
none_a
di Renzo Moschini, ex parlamentare
none_a
di Giovanni Greco coordinatore CascinaOltre
none_a
Calci
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
di Maria Laura Antonelli/Agf
"Il Pd si sta grillizzando perché non ha identità", dice Calenda

8/2/2020 - 1:40

"Il Pd si sta grillizzando perché non ha identità", dice Calenda


Il leader di Azione sostiene in un'intervista al Giornale che i dem sono oramai al traino del Movimento 5 stelle 

“Il Pd parla il linguaggio dei Cinque stelle, e attua i provvedimenti dei Cinque stelle. E la cosa paradossale è che lo fa proprio mentre il partito grillino crolla e si disfa”. In un’intervista a Il Giornale il fondatore e leader della neonata Azione, Carlo Calenda, sostiene che i dem sono al traino dei 5 Stelle, perché nella realtà da un lato il Pd “ha sempre avuto dentro alcuni elementi dell’armamentario culturale grillino, dal giustizialismo alla diffidenza verso le imprese e dall’altro perché la sua strategia “è quella di abbracciarli per poterne assorbire i voti”. Ma il risultato per il Pd è il rischio di “grrllizzarsi”.
Il paradosso tra il Conte1 e il Conte2, per Calenda, è che allora “la Lega era molto meno forte, ma il governo sembrava guidato da Salvini”, ora invece “il M5s è debolissimo ma il governo sembra guidato da loro”. Quanto al premier, secondo il leader di Azione, Conte ricorda molto “il protagonista di Oltre il giardino, Chance il giardiniere”, cioè “uno che dice assolute banalità sentite in televisione, tipo ‘dopo l’autunno viene l’inverno’, ma il Pd ci scorge dentro profonde e sofferte verità”.

 
Del resto, dice ancora Calenda, “Conte è il premier ideale per questa operazione-abbraccio del grillismo: un contenitore ben vestito, con la pochette e la pronuncia blesa, ma completamente vuoto”. Nel senso che “ci puoi infilare quel che ti pare, dal progressismo mondiale ai decreti sicurezza di Salvini, e lui è sempre lì contento”.
Ma cos’è che spingerebbe il Pd ad esser così remissivo nei confronti dei 5 Stelle? Alla domanda, Calenda risponde dicendo che riguarda la “sua mancanza di una vera cultura politica ben definita. Dall’89 ad oggi, hanno inseguito ogni voga del momento: il comunismo, ma anche la Terza via, ma anche l’abbraccio col popolarismo, ma anche il flirt col populismo”. Cioè, i dem “non hanno mai trovato una bussola, e del resto se nel tuo pantheon tieni insieme il comunista Berlinguer e l’anticomunista feroce JFK che bussola vuoi avere?”, si chiede. Per poi rispondersi: “La loro tentazione è sempre quella di sostituire la politica con la morale, lo stesso humus del grillismo”

Fonte: Maria Laura Antonelli/Agf
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: