none_o

Correva l’anno 1867 quando Henry Nestlè comunicò alla stampa di aver salvato la vita ad un bambino prematuro la cui madre non poteva allattarlo perché gravemente malata. Disse di averlo nutrito con un prodotto costituito da “latte svizzero intero con l’aggiunta di cereali cotti al forno con un procedimento speciale di mia invenzione”. Era nata la famosa farina lattea che procurò al signor Nestlè ingenti guadagni....

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . . . . . . . . . . . . Mattarella ha dato, con .....
Il vero problema attuale che dovrebbe attuare la politica .....
C'è un paesone, in Puglia, Lesina provincia di Foggia, .....
Fattori Tommaso 39. 667 Toscana a Sinistra 46. 270 2, .....
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
Marina di Pisa
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
Pisa, 20 settembre
none_a
Marina di Pisa, 18 e 19 settembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
di Umberto Mosso‎- Trapani
Hotel York, Rua das Janelas Verdes, Lisboa, fine agosto 1996.

14/3/2020 - 12:29

 SI VIAGGIARE.

 Hotel York, Rua das Janelas Verdes, Lisboa, fine agosto 1996.

  Un albergo con poche stanze e mobili originali ‘800 inglese. Un piccolo giardino pieno di fiori dove è servita la prima colazione all’ombra degli aranci. Non costava neanche molto, allora. Appena arrivato nella stanza mi guardo intorno. Dalla finestra un panorama di città, dentro mogano, tappeti, quadri con paesaggi portoghesi.

Apro un cassetto e trovo l’elenco telefonico di Lisboa. Mi viene subito l’idea e cerco. Ecco la T, Tabucchi Antonio c’è. E accanto al suo c’è anche nome e cognome portoghesi di una donna. Faccio il numero d’impulso e il telefono squilla tre o quattro volte. Una voce maschile mi risponde “pronto” in italiano, è lui, penso.

Buongiorno, mi chiamo Umberto Mosso e vengo da Roma, parlo con lo scrittore Antonio Tabucchi?

Mia moglie mi guarda con aria di rimprovero, sventolando la mano davanti alla fronte, come a dire sei matto?

Si, mi risponde la voce, e non aggiunge altro.

In quel momento mi rendo conto di avere fatto una cosa un po' stupida, inopportuna, ma l’impulso era stato forte. Volevo entrare, anche per pochi secondi, nella vita di quell’uomo che aveva regalato a me e a tanti storie bellissime e grandi emozioni.

Mi scusi se sono inopportuno, volevo solo ringraziarla per i suoi libri e dirle che vedrò Lisboa usando “Requiem” come se fosse una guida (ndr: scritto nel 1991 in portoghese). La ringrazio, sa che i lettori mi parlano quasi solo di Pereira?
Di Requiem e dell’uso che ne farà quasi mai. Spero non lo consideri un uso improprio, aggiungo, ma mentre lo leggevo ho avuto subito l’idea di venire qui e rifare esattamente quel percorso. Non in un giorno, ovviamente. Affatto improprio. E’ un percorso da fare non solo con gli occhi, mi dice. E se lei ha un suo Pessoa da incontrare al molo di Alcantara, dopo quel percorso non avrete bisogno di parlarvi per capirvi.
La ringrazio e mi scuso del disturbo.

Obrigado, e mi sembra che sorrida, buon viaggio.
Click.
Requiem è un libretto portentoso. Se siete stati a Lisboa, leggendolo vorrete tornarci per prendere il 28 da Sao Vicente da Fora fino a Prazeres, cenare alla Casa do Alenteju, in Rua de Sannt’Antao, bervi un caffè all’A Brasileira, in Chiado, e poi guardare il Teju e la sponda dell’Alenteju dal molo di Alcantara.
Se non ci siete stati fatelo. Magari dopo aver letto anche “Sostiene Pereira” e aver visto il film, bellissimo, di Roberto Faenza. Molto fedele al libro e con un Mastroianni straordinario. Il film inizia con una panoramica del Miradouro de Sao Pedro con sullo sfondo una delle vedute più belle di Lisboa. Una delle città più belle del mondo.
Ci sono tornato e ritornato, sempre più felice.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

da fb - Bruno Baglini:
Amico e compaesano di Antonio, dovevamo celebrarlo come ogni anno qui a Vecchiano, ma tutto è rimandato se...se va tutto bene come ben speriamo.

;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;

-Umberto Mosso:

 Si mantenete la celebrazione a quando si potrà, avete ragione di esserne orgogliosi

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




14/3/2020 - 13:08

AUTORE:
Bruno Baglini

https://youtu.be/5HE4jTjXWxs