none_o

 

 


Questa volta Finalmente domenica! la scrive Bruno Ferraro, il nostro inviato speciale a Auckland, nel caso ci fosse qualche appassionato/a velista tra i lettori e le lettrici di questa rubrichetta o, se non ci fosse, per gli amanti di spiagge e di isole vulcaniche.

Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Mercato Di Pisa
none_a
di Andrea Epifori
none_a
le modalità di distribuzione sono totalmente online
none_a
Perché, a marina di pisa quanto costa? Poi a marinadipisa .....
Salve a tutti.
3 mesi di lockdown chiusi in casa .....
Beh' se questi post sono pubblici e firmati con nome .....
Povero il mio PD in che mani è caduto.
La Cirinnà .....
Intervista a Paolo Ghezzi
none_a
Nardini (Pd): "Il mitico scooter è inimitabile"
none_a
A cura di: Pensieri Vivaci (Pino Vincenzo)
none_a
Assistenti civici, il prefetto Serra
none_a
Bando assistenti civici, scontro nel governo.
none_a
La giustizia al tempo del Covid 19
none_a
CascinaOltre
none_a
di Umberto Mosso (da leggere per gli schifiltosi)
none_a
La Mossa del cavallo
none_a
MdS Editore
none_a
Siamo nuovamente aperti, per voi!
none_a
Sabrina Banti
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Misericordie d'Italia
none_a
Triste evento a Pontasserchio
none_a
Pisaciclabilenotizie
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


di Marlo Puccetti
none_a
BRUNO FIORI, PRESIDENTE PISA OVEST
none_a
Si presentava alla gara con ben 27 atlete.
none_a
PISA OVEST
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Buona sera a tutti,
dopo il COVID 19, riprendiamo da dove eravamo rimasti, al 17 Febbraio 2020, quando all'imbrunire nella sede dell'ASBUC di Vecchiano .....
PRC Federazione di Pisa
BUONISPESA: Ai Comuni affidata la fatica di gestire una misura che non basta, serve innescare un circolo virtuoso

2/4/2020 - 16:46

“BUONISPESA: Ai Comuni affidata la fatica di gestire una misura che non basta, serve innescare un circolo virtuoso o sarà impossibile far bene “


A cura di
Coordinamento PRC Pisa
Pisa 1 aprile 2020
«Lo Stato c’è e nessuno sarà abbandonato». Con queste parole il premier Conte ha eccessivamente esaltato lo sblocco anticipato delle risorse destinate ai comuni e attinti direttamente dal fondo di solidarietà. Non si tratta, quindi, di nuove risorse destinate alla sussistenza delle tante famiglie in seria difficoltà, ma di un anticipo di somme già spettanti ai Comuni.
È lo stesso ministro Gualtieri che definisce la manovra «ossigeno immediato per i Comuni», i medesimi Comuni che sono stati per anni vittime del patto di stabilità e conseguenti tagli enormi sul piano economico-finanziario; Comuni che si trovano in queste ore investiti dell’impegno oneroso di organizzare la distribuzione dei buoni spesa ai propri cittadini bisognosi che ne faranno richiesta. Come poter svolgere al meglio il proprio ruolo di istituzione più prossima alla cittadinanza?

La richiesta del Governo è che i Comuni, dopo essere stati per anni svuotati di competenze e di risorse, diano una risposta tutta istituzionale a dei bisogni che, troppo spesso, sono sfuggiti dall’ambito istituzionale stesso.

Sono moltissime le famiglie in grave situazione di disagio economico e sociale che già prima dell’emergenza Covid19 erano escluse dalle diverse forme di aiuto per limiti culturali, linguistici, sociali o legali, perché senza cittadinanza o perché impossibilitati ad autocertificare i propri piccoli lavoretti al nero.

Oggi, nelle condizioni di restrizione che tutti conosciamo, queste situazioni sono aggravate ed è ancora più difficile per queste famiglie essere raggiunte dai Comuni già affaticati dalla gestione dei problemi ordinari ed eccezionali.

Troppe le famiglie che non potranno o non sapranno seguire il corretto iter delle richieste burocratiche, proprio in un momento in cui il personale dei Comuni, quasi inesistente proprio in questo settore, non è esente da restrizioni e limitazioni legate alla malattia.
Se i Comuni saranno in grado di portare a compimento questo impegno, ciò sarà purtroppo possibile solo tramite lo sforzo congiunto con le tante realtà già esistenti sul territorio, assistenziali e del terzo settore, pagando un prezzo altissimo in termini di sovranità gestionale e decisionale.

Un lavoro che comunque non sarà sufficiente se dovrà essere di lungo respiro, se non affiancato da una ricostruzione del valore istituzionale dei Comuni, dal momento che le strutture e le risorse destinate alle politiche sociali – in nome del patto di stabilità e del pareggio di bilancio – hanno subito pesanti tagli e ora si trovano a dover fronteggiare, senza nessun tipo di indicazione organizzativa un’emergenza di questo tipo, dove il rischio della carestia per chi sta peggio è già realtà.
L’anticipazione di fondi a pioggia da parte del Governo, non solo rischia in questo modo di non venire incontro alle esigenze reali delle persone in difficoltà, ma ci sembra assolutamente schizofrenico rispetto allo svuotamento di ruolo e di risorse degli ultimi anni.
È necessario denunciare che questo non basta: il senso di responsabilità degli enti locali e dei suoi lavoratori non basta più; servono urgentemente risorse da recuperare subito con la patrimoniale e non affidandosi a donazioni volontarie


+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




2/4/2020 - 20:32

AUTORE:
maomao

Per nostra fortuna voi non contate niente.

2/4/2020 - 19:19

AUTORE:
tovarish di SGT

...hai letto tutto o sei partito dal fondo e hai letto solo gli ultimi due righi ? Cotesto disco che hai messo gira ancora ?
Era bello, quando faceva comodo, essere comunista eh ?

2/4/2020 - 18:55

AUTORE:
Socialdemocratico e/o Liberaldemocratico

...con la patrimoniale; mi sembrate mi pà quando vedeva le arance avanzate e venivano gettate e il suo mondo "economico" si riduceva solo a quello: le avete a da' ma ai poveri e...così la povera gente che le produceva, rimetteva anche il costo della cassetta e del trasporto.
Rifondazione Comunista molto spesso (come è successo a SGT) si tira fuori dal governo della cosa pubblica perché da fuori si critica meglio.

Quando la politica si tirò fuori dalla responsabilità del governo (come fece Bersani che disse: non voglio vincere per poi governare sulle ceneri del governo Berlusconi)
Poi Bersani, Migliavacca e Verdini fecero il programma del governo Monti/Fornero...tanto Loro, i tecnici non perdevano i voti.
Mario Monti poi provò a dire; ma poi non ne fece di niente, di mettere una patrimoniale sulle grandi barche e...chi aveva il timone in mano di quelle grandi barche disse: Caro Mario, vedi con questa barca qui ad andare in Corsica, sulla Costa Azzurra o alle Azzorre è un baleno e così perdete anche gli introiti degli ormeggi oltre far lavorare i calafati di laggiù invece dei viareggini.

Poi vennero le elezioni politiche e si formò Italia Bene Comune, ma con la legge elettorale "porcata" mancò la maggioranza al senato e...da Italia Bene Comune per non sporcarsi le manine l'asinistra-sinistra si misero all'opposizione del governo Letta-Berlusconi e Scelta Civica di Monti ed anche dopo che Forza Italia lasciò perché si formò il Governo Renzi con gli scissionisti Alfano- Lorenzin i compagni de l'asinistra preferirono stare dalla parte
delle opposizioni a dar man forte alle critiche del miglior governo che si ebbe negli ultimi 20 anni per poi aver votato contro le riforme che comprendevano anche una legge elettorale come nei comuni dove i cittadini votanti danno la maggioranza di governo loro e non governi "Franchestain" come si son visti in questa legislatura dove purtroppo i nostri rappresentanti eletti sono stati costretti ad allearsi con chi durante la campagna elettorale si scornavano come caproni.
Carlo Cottarelli era già stato chiamato dal PdR per dar vita all'ennesimo governo tecnico; poi è andata come è andata; perché ora son tutti buoni e cari i quattro partiti di governo?
Certo in agosto dello scorso anno l'ex comunista amico dell'ex comunista Orban dal Papeete chiese pieni poteri per la mattina dopo la guazza e quando le calcagna battono nelle chiappe vuol dire che si è allungato il passo ed allora ai compagni della Sinistra Italiana e derivati gli sta bene avere "Speranza" di governo ...anche insieme a Di Maio e...questo è il passato, ma ricordiamoci compagni che nonostante la tragedia ed il fortissimo impegno delle forze governative attuali; ci sono due forti oppositori (l'altro è espatriato) e nonostante facciano proposte da prendersi con le molle, sono dati da Pagnoncelli & come prossima maggioranza governativa.

Niente sarà più come prima: ma i condoni di Salvini e.. Lameloni che propone l'elargizione di 1.000 euro mensili a tutti (compreso Tronchetti Provera che incassa 1850 euro l'ora, anche quando dorme) e la solita tassa sui ricchi e roba vecchia....anche il compano Xi Ginping ha detto ai suoi: arricchitevi tutti e cosi smettete di esser gelosi e...in pochi anni 850 milioni di Cinesi cambiando paradigma sono usciti dalla fame.
Poi han comprato l'Iner il Milan ed il Ristorante da Ugo sul ponte. ora siam messi tutti malaccio, ma poi si riparte più forti che prima e dipenderà tutto da noi e..non dai comici smessi che dominarono senza vincerla l'altra crisi.
Meditiamo compagni meditiamo!