none_o

Dopo tanta guerra che ci circonda, dopo tanti articoli e commenti un po’ di sana riflessione. Lo spunto è banale, un nero in una strada che si affanna ad indicare posti liberi alle auto in transito nella speranza di ricevere in cambio qualche euro. E la mente va e si allontana dalla guerra, almeno per un attimo.

BASE MILITARE A COLTANO
. . . . . finalmente la Provincia .....
La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....

Per tutte le guerre, passate e presenti: una poesia di Daniela Falconetti.


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.

di Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umbero Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Mara Carfagna, ministro per il Sud (a cura di BB, red VdS)
none_a
Dal blog di Fulvia Ferrero (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
Confesercenti Toscana Nord
La Toscana può riaprire anche subito grazie ai protocolli di sicurezza

7/5/2020 - 12:40


“Aprire subito e in sicurezza si può.

Noi siamo pronti con protocolli sanitari per tutte i settori commerciali. Protocolli che i nostri responsabili delle aree di Confesercenti Toscana Nord hanno consegnati ai sindaci per fare ancora più pressione verso la Regione affinchè ottenga dal governa una propria autonomia per le riaperture”.

Questo il pensiero del presidente Confesercenti Toscana Nord Alessio Lucarotti al termine di una tre giorni che ha visto l’associazione in un vero e proprio porta a porta con le amministrazioni comunali.

 

“L’incredibile colpo ricevuto in questi mesi di chiusura per piccole imprese del commercio sia fisso che ambulante, ristorazione, artigianato, accoglienza, rischia di diventare definitivo se non si definiscono subito tempi brevi e modalità sicure e sostenibili per la riapertura.

Non si può rimanere ancora chiusi per settimane, mesi in qualche caso, in altri ancora a tempo indeterminato come il comparto del turismo a cominciare dagli stabilimenti balneari.

La sicurezza e la tutela della salute sono la priorità assoluta.

Noi siamo pronti con protocolli per tutti i settori che possono garantire la riapertura da subito”.

 

Viareggio, Massarosa, Camaiore, Pietrasanta in Versilia, Lucca, Altopascio, Capannori in lucchesia, Pisa, Pontedera, San Miniato, Bientina, Vecchiano e San Giuliano nel pisano, sono solo alcuni delle amministrazioni che hanno ricevuto i protocolli di Confesercenti Toscana Nord.

 

Ancora il presidente: “Le imprese attendono una ripresa immediata per ripartire. In queste settimane hanno dimostrato senso di responsabilità garantendo servizi di qualità e in totale sicurezza. Aprire in sicurezza, quindi, si può.

Anche subito.

Occorre avere riferimenti normativi chiari ed univoci su cosa serva fare; occorre definire protocolli puntuali per ogni tipologia di attività che garantiscano lavoro, sicurezza e salute.

Noi siamo pronti e ci siamo rivolti agli enti locali, alle prefetture, alla Regione, perché nel rispetto delle normative sanitarie nazionali si decidano tempi immediati per la ripartenza; non tutti i territori hanno lo stesso livello di criticità e questo deve essere un punto fermo. Attendiamo davvero una risposta positiva per anticipare le date fissate per il 18 maggio e 1° giugno.

La rabbia e la protesta di questi giorni sono giustificate – conclude Alessio Lucarotti -, per imprenditori che da quasi due mesi non stanno più lavorando.

Ma il compito di una associazione è quello di rimanere lucida e pensare a come ripartire da subito.

Attraverso protocolli messi a punto proprio dai nostri imprenditori”.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri