none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
vivi solo il presente dei tuoi interventi sulla VdS, .....
Quando io da buon soldatino ed iscritto al partito .....
Leggo ora di questa polemica su Bersani e dico la mia. .....
I noti problemi legati al coronavirus hanno acceso .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Associazione culturale "Nati per scrivere"
none_a
Villa di Corliano, 4-10 ottobre
none_a
Corso di Scrittura Creativa
none_a
Pisa, 3 ottobre
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Confesercenti Toscana Nord
La Toscana può riaprire anche subito grazie ai protocolli di sicurezza

7/5/2020 - 12:40


“Aprire subito e in sicurezza si può.

Noi siamo pronti con protocolli sanitari per tutte i settori commerciali. Protocolli che i nostri responsabili delle aree di Confesercenti Toscana Nord hanno consegnati ai sindaci per fare ancora più pressione verso la Regione affinchè ottenga dal governa una propria autonomia per le riaperture”.

Questo il pensiero del presidente Confesercenti Toscana Nord Alessio Lucarotti al termine di una tre giorni che ha visto l’associazione in un vero e proprio porta a porta con le amministrazioni comunali.

 

“L’incredibile colpo ricevuto in questi mesi di chiusura per piccole imprese del commercio sia fisso che ambulante, ristorazione, artigianato, accoglienza, rischia di diventare definitivo se non si definiscono subito tempi brevi e modalità sicure e sostenibili per la riapertura.

Non si può rimanere ancora chiusi per settimane, mesi in qualche caso, in altri ancora a tempo indeterminato come il comparto del turismo a cominciare dagli stabilimenti balneari.

La sicurezza e la tutela della salute sono la priorità assoluta.

Noi siamo pronti con protocolli per tutti i settori che possono garantire la riapertura da subito”.

 

Viareggio, Massarosa, Camaiore, Pietrasanta in Versilia, Lucca, Altopascio, Capannori in lucchesia, Pisa, Pontedera, San Miniato, Bientina, Vecchiano e San Giuliano nel pisano, sono solo alcuni delle amministrazioni che hanno ricevuto i protocolli di Confesercenti Toscana Nord.

 

Ancora il presidente: “Le imprese attendono una ripresa immediata per ripartire. In queste settimane hanno dimostrato senso di responsabilità garantendo servizi di qualità e in totale sicurezza. Aprire in sicurezza, quindi, si può.

Anche subito.

Occorre avere riferimenti normativi chiari ed univoci su cosa serva fare; occorre definire protocolli puntuali per ogni tipologia di attività che garantiscano lavoro, sicurezza e salute.

Noi siamo pronti e ci siamo rivolti agli enti locali, alle prefetture, alla Regione, perché nel rispetto delle normative sanitarie nazionali si decidano tempi immediati per la ripartenza; non tutti i territori hanno lo stesso livello di criticità e questo deve essere un punto fermo. Attendiamo davvero una risposta positiva per anticipare le date fissate per il 18 maggio e 1° giugno.

La rabbia e la protesta di questi giorni sono giustificate – conclude Alessio Lucarotti -, per imprenditori che da quasi due mesi non stanno più lavorando.

Ma il compito di una associazione è quello di rimanere lucida e pensare a come ripartire da subito.

Attraverso protocolli messi a punto proprio dai nostri imprenditori”.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: