none_o

Correva l’anno 1867 quando Henry Nestlè comunicò alla stampa di aver salvato la vita ad un bambino prematuro la cui madre non poteva allattarlo perché gravemente malata. Disse di averlo nutrito con un prodotto costituito da “latte svizzero intero con l’aggiunta di cereali cotti al forno con un procedimento speciale di mia invenzione”. Era nata la famosa farina lattea che procurò al signor Nestlè ingenti guadagni....

. . . non aveva paura di gnente e di nessuno.
Gni .....
. . . . . . . . . . . . . . . una più der diavolo. .....
. . . una cosa alla volta, poche e chiare. Toglieremo .....
In parlamento siedono gli eletti dai cittadini, candidati .....
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
“Troppi errori e burocrazia nella manutenzione, serve cambio radicale”
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
L'opinione di Umberto Mosso
AVREBBE POTUTO, POTREBBE, POTRA’

17/5/2020 - 18:39

AVREBBE POTUTO, POTREBBE, POTRA’


Molti pensano che la crisi potrebbe trasformarsi in una opportunità di cambiamento positivo della società. Ma, per ora, al di là di belle riflessioni, per lo più confinate in ambienti specialistici, la pandemia ha soprattutto accelerato certe tendenze negative già in atto da tempo. Segnalarlo è un mestiere difficile, non si attirano simpatie e consenso. Ma qualcuno deve pur farlo, sperando che la condivisione di un pensiero critico possa servire a battere il conformismo dilagante e a far maturare nuove consapevolezze.
Tra le tante c’è una criticità meno avvertita dalle persone e pressoché assente dal dibattito pubblico, il deterioramento delle Istituzioni democratiche, un processo già in atto da tempo e che la pandemia ha accelerato.
Tralascio quanto sta accadendo nel mondo, citando solo l’esempio dell’istaurazione della dittatura in Ungheria, una ferita profonda nel cuore dell’Europa. Mi concentro sull’Italia.
Primo: stiamo assistendo ad una concentrazione del potere nelle mani di un uomo solo, il PdC, come mai avvenuto nella storia repubblicana. Un potere assoluto esercitato attraverso l’uso di uno strumento, il Decreto del PCM che, come noto, sfugge al controllo del Parlamento e dello stesso Presidente della Repubblica. Usarlo ripetutamente non è stata una scelta obbligata dall’urgenza, poiché la Costituzione prevede la decretazione d’urgenza da parte del governo nel suo insieme, decretazione che entra in vigore immediatamente dopo votata dal Consiglio dei Ministri, ma che deve essere convertita in legge entro 60 giorni dal Parlamento e quindi promulgata dal Presidente della Repubblica. Usare i DPCM non è stato un obbligo, ma una scelta politica. Perché?
La pericolosità di questa scelta, che ha stressato la Costituzione, sta nel fatto che costituisce un pericoloso precedente. Come contrastare, domani, un DPCM che limiti o sospenda le libertà dei cittadini, in nome di una presunta emergenza, magari solo fatta percepire alla massa spaventata e conformista?
Secondo: il Parlamento, già sottoposto a forti limitazioni secondo la strategia grillina contraria alla democrazia rappresentativa, è stato praticamente esautorato. Chiuso informalmente per un mese, ha faticato solo per imporre soprattutto dibattiti troncati col voto di fiducia. Il circuito legislativo, rappresentativo della volontà popolare, è stato interrotto e sostituito da una ridondanza esecutiva non trasparente, nel quale i soggetti erano il PdC (neanche i ministri, messi in ombra e marginalizzati nel ruolo di yesman, tranne che nel caso Bellanova) e alcuni comitati di “esperti” selezionati in camera caritatis.
Terzo: si è accentuata la tendenza al disallineamento tra Stato e Regioni che si è pericolosamente manifestata nella disarticolazione di un servizio primario e vitale come quello sanitario, con tutte le conseguenze, anche tragiche, che conosciamo.
Concludo notando due cose, sulle quali chi tiene alla democrazia dovrebbe riflettere.
Da un lato la pandemia ha accelerato un processo di deterioramento della Costituzione al quale si era cercato, parzialmente e manchevolmente quanto si vuole, ma a ragione e realisticamente rispetto alle possibilità, di porre riparo con la riforma del 2016 che, non solo riconduceva alle competenze dello Stato alcuni poteri malamente attribuiti alle Regioni, ma pur rendendo più efficace l’opera del PdC la controbilanciava limitandone i poteri di decretazione e rafforzava il ruolo del Parlamento monocamerale.
Dall’altro chi fece di tutto, compresa la falsificazione comunicativa, per bocciare quella riforma parlando di “torsione democratica” e di “deriva autoritaria”, oggi difronte allo scempio Costituzionale tace, fomentando un conformismo nel mondo progressista che, a partire da quella prova sciagurata, sembra avere perso ogni sensibilità democratica in nome di un nuovo settarismo speculare a quello della destra.
C’è da chiedersi se libertà e democrazia siano o no un prerequisito indispensabile per ogni cambiamento

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




18/5/2020 - 16:57

AUTORE:
veccchianese di s.Frediano

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400; Visto il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante «Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19», convertito, con modificazioni, dalla legge 5 marzo 2020, n. 13, successivamente abrogato dal decreto-legge n. 19 del 2020 ad eccezione dell’art. 3, comma 6-bis, e dell’art. 4; Visto il decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante «Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19» e in particolare gli articoli 1 e 2, comma 1; Visto il decreto-legge 16maggio 2020, n. 33, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19»;

Quello sopra è l' inizio del nuovo Dpcm, simile ai precedenti. Come si vede deriva dal DL del 23 febbraio. E' inusuale ? Sicuramente, e qesta pandemia invece non lo è ? Tutti siamo concordi nel dire che dal 1945 ad oggi, questa è la crisi più grave che ci è arrivata addosso. Serviva una procedura d' urgenza, questa è parsa la più veloce.
Viene il sospetto che, più della procedura, quello che non piace sia chi l' ha messa in atto. Oddio, Conte, i grillini, il Pd, vade retro. Se c'era Lui invece...( e non mi riferisco a testone ).