none_o

 

 

 

 


Qui si parla un po’ della app "Immuni". Scaricarla o non scaricarla? Questo è il problema. Comunque il mio amico Massimo, che è saggio e previdente, l’ha scaricata. Qui ci si diverte anche un po’ con Face App. Senza problemi.

Buona estate!

. . . . . . . . . . . . . . . non capisco i virologi .....
Per i cinguettii mi riferivo semplicemente ai tweet .....
Egr. Nicche sei passato dall'onestà intellettuale .....
Siamo perfettamente d'accordo che il governo deve "tagliare .....
di GIUSEPPE TURANI-IL GUERRIERO MANCATO
none_a
Causò dimissioni del sindaco Vignali di Parma, dopo 10 anni
none_a
Italia dei Valori
none_a
“Le critiche e le offese sono cose ben differenti”
none_a
CascinaOltre su Geofor
none_a
Associazione “Amici di Pisa”
none_a
di Giovanni Greco coordinatore CascinaOltre
none_a
Lettera aperta del consigliere comunale LEGA
none_a
Libri.
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
le Eccellenze italiane dello spettacolo”
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di
Bruno Pollacci
none_a
FIAB-Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 5 luglio
none_a
Cascina, 4 luglio
none_a
Tirrenia, 4 luglio
none_a
Villa di Corliano, 29 giugno
none_a
Pontasserchio, 28 giugno
none_a
Marina di Pisa, 26 giugno
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Intervista di Annalisa Cuzzocrea, "la Repubblica"
Renzi: “Non servono poltrone ma cantieri. Il Governo adesso pensi al lavoro”

21/5/2020 - 10:57

Renzi: “Non servono poltrone ma cantieri. Il Governo adesso pensi al lavoro”


Intervista di Annalisa Cuzzocrea, "la Repubblica", 21 maggio 2020.

 
"L’ho chiamata vendetta, dovevo dire giustizia. È in nome della giustizia che, se avessi seguito solo il merito della questione, Alfonso Bonafede non sarebbe più Guardasigilli".

 Matteo Renzi si è fermato, ancora una volta, sul ciglio del burrone. Italia Viva non ha votato le mozioni di sfiducia che avrebbero fatto cadere il governo Conte."

Le poltrone possono tenersele, a me interessa la politica - giura l’ex premier - io voglio sbloccare i cantieri, una politica industriale, un’iniezione di fiducia che consenta al Paese di ripartire. Qui sta arrivando una crisi occupazionale senza precedenti, bisogna reagire".

Non ha molto senso dire a un ministro "lei ha sbagliato tutto e dovrebbe essere rimosso, ma voto contro la sfiducia", lo sa?"

Se sto sul merito, ha ragione lei: non ha senso. Noi condividevamo non solo la mozione di sfiducia di Emma Bonino, ma anche larga parte di quella del centrodestra. In più Bonafede è diventato ministro in nome del giustizialismo. Quattro anni fa diceva che un politico si deve dimettere anche solo se c’è un sospetto.

Folle.

Oggi il garantismo ha dato una lezione di stile ai giustizialisti. E poi c’è la politica. Una crisi oggi farebbe male al Paese".

Ha rinfacciato ai 5 stelle gli attacchi ricevuti in passato da ministri come Angelino Alfano e Federica Guidi. Ma non fu lei a chiedere all’allora ministra dello Sviluppo di dimettersi?"

È esattamente l’opposto.

Ricordo che ero negli Stati Uniti in missione e le dissi 'Fede, se vuoi andare avanti io ti sostengo totalmente'. Sapevo che l’indagine su Tempa Rossa non stava in piedi. Lei mi disse: 'Andrei avanti, ma devo tutelare le persone cui voglio bene'. Una delle mie soddisfazioni di questo periodo è stato chiedere a Federica di tornare in pista, dentro il cda di Leonardo".

Chiese le dimissioni della ministra Cancellieri."

Già. E lo rifarei oggi. Cancellieri aveva fatto una pessima telefonata a degli imputati. Inaccettabile. Ma questo non c’entra nulla con i casi di oggi".

Ha difeso le ragioni del sì alla sfiducia, poi ha votato no. In nome di cosa?"

Conte ha scelto di metterci di fronte a un bivio e io per l’ennesima volta ho scelto di mettere da parte le mie esigenze personali per mettere davanti l’Italia. E anche stavolta, come ad agosto per mandare a casa Salvini, siamo stati decisivi".

È sicuro non le convenisse cedere?"

Se guardo all’interesse di Italia Viva avrei dovuto far cadere il governo. Ma se guardo all’interesse dell’Italia no, abbiamo fatto bene. E del resto io faccio politica, non seguo i sondaggi. I sondaggi ti dicono quanto sei simpatico, i dati Istat ti dicono quanto sei competente. Mai avuto dubbi su cosa sia meglio".

Quindi ha deciso che il governo Conte non può cadere."

Eterno?

Macché, sarebbe la negazione della democrazia. Ma nella fase in cui siamo, con il lockdown appena terminato, oltre 30mila morti, disoccupazione verso il 15%, debito/pil verso il 160% penso che sarebbe stato irresponsabile aprire una crisi al buio. Noi siamo gente seria, con la testa sulle spalle".

Significava tornare al voto e rischiare di non avere più 50 parlamentari?"

Quanti ne prenderemo lo vedremo. Ma adesso non si va a votare, lo sanno tutti.

Quindi, premesso che non si va a votare per i prossimi tre anni...".

Questa è una sua tesi, potrebbe accadere."

Se si sciogliessero le Camere il compito del presidente della Repubblica sarebbe cercare una nuova maggioranza. In questo Parlamento la maggioranza si forma in un quarto d’ora. Ma non mi interessa arrivare lì. Quello che mi interessa è un lavoro serio, radicato, per affrontare i problemi. A me stanno a cuore gli italiani, non i litigi".

Crede riuscirete a lavorare con meno contrasti?"

Ho il dovere di credere nel presidente del Consiglio. Conte ha dato dei segnali su Irap, braccianti, grazie alla battaglia della mitica Teresa Bellanova, decreto legge al posto dei dpcm.

Ci sarà una commissione sulla prescrizione e noi nomineremo una donna, Lucia Annibali, e un tecnico, Giandomenico Caiazza.

La priorità ora è il piano shock e una politica industriale che faccia ripartire questo Paese. La mia preoccupazione è che con questa crisi di liquidità molti capitali arrivino dall’estero portandoci via le aziende. O che la malavita metta le mani sulle pmi in crisi al Centrosud. A questo bisogna pensare adesso

".Con un rimpasto di governo?"

Assolutamente no. Non me ne frega nulla dei posti di sottogoverno, mi interessano i cantieri, la politica industriale di questo Paese. Dopo di che devono capire che senza Italia Viva non c’è maggioranza".

E il ministero delle Infrastrutture a Italia Viva?"

No. Intanto sono amico di Paola De Micheli. L’ho voluta come sottosegretario al Mef, la stimo, le voglio bene. In più c’è un elemento politico. Non credo che il Piano Shock debba passare solo dalle infrastrutture, ma anche dall’edilizia scolastica, dal dissesto idrogeologico, dai lavori sulla fibra. Quindi: non di solo Mit vivrà il piano"

Cos’altro chiede al governo?"

Io parto da questa lettura della realtà.

Stiamo per entrare in uno tsunami occupazione. Occorre sbloccare i cantieri. Lo dico anche i 5 stelle e so che su questa cosa specifica dal punto di vista teorico c’è piena condivisione. Quel che serve è una visione più ampia di politica industriale. Su questo vorremmo dare una mano. Ho la presunzione di aiutare il governo pur non essendo il mio governo. Poi c’è l’enorme questione della scuola".

Cosa bisognerebbe fare?"

Quando ho chiesto di riaprire mi hanno preso per matto. Ora hanno tutti capito che quella richiesta era giusta. I dati sull’aumento della povertà educativa nelle periferie di Roma fanno paura. Forse sento il problema di più perché ho una moglie che insegna e tre figli che studiano, ma è impensabile che mio figlio debba dare la maturità e non sappia ancora come. Su questo noto finalmente segnali di risveglio da parte del Pd. Spero si possa fare insieme una battaglia. Se la scuola è la prima cosa che chiudi e l’ultima che riapri hai un gigantesco problema di questione educativa e di credibilità davanti ai ragazzi.

Ripartiamo anche in classe".







Fonte: Annalisa Cuzzocrea "la Repubblica"
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: