none_o

Ho assistito ad una interessante conversazione riguardo al problema della manifestazione novax del 20 giugno scorso. Qualche offesa è passata, qualche frase di troppo a mio giudizio è scappata ma certo è difficile esimersi dal classificare e definire una tale sconsiderata presa di posizione. L’articolo di giornale che riporta il fatto va giù duro e titola “La vittoria degli imbecilli: il 41% degli italiani non vuole vaccinarsi contro il Covid 19”.

Lo disse anche il vecchio seg. UC Vecchiano del PDS: .....
Landini sono circa 10 anni che lo propone, sul modello .....
. . . come da proposta renziana:
l'elezione di un .....
. . . . . con i suoi riferimenti verso Berlinguer .....
Interviste di Giulia Baglini
none_a
Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Di Guido Solvestri
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Pisa, Giardino Scotto, 14 luglio
none_a
Convention Bureau di Firenze
none_a
Molina di Quosa, 11 luglio
none_a
Tirrenia, 12 luglio
none_a
Maigret sulle Mura
none_a
Tirrenia
none_a
Pisa, 9 luglio
none_a
Pontasserchio, 10 luglio
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Pontasserchio
A ripartono le attività sociali, ricreative e culturali. Problemi per quelle sportive

30/5/2020 - 17:59

A Pontasserchio ripartono le attività sociali, ricreative e culturali. Problemi per quelle sportive
 
 
Per arginare la diffusione del Corona virus fu disposta la chiusura delle attività commerciali ad eccezione  dei supermercati, farmacie, tabaccai, distributori,  ritenuti beni essenziali. Vennero chiusi gli impianti sportivi, bar e circoli, si fermò il calcio e altri sport. Furono chiuse  immediatamente le scuole di ogni ordine e grado per iniziare un avventuroso viaggio virtuale  con le lezioni a distanza impegnando anche  i genitori fra PC, mouse e whatsapp.  

Arrivò inaspettato uno tsunami sociale. Tutti in casa per uscire solamente per lavoro, per chi ne aveva ancora uno, in quanto furono chiuse fabbriche e stabilimenti. I provvedimenti anti Covid 19 hanno creato diseguaglianze economiche e sociali e nelle zone luogo di focolai epidemici dolore e sofferenza.

Ecco sembra ora arrivata la quiete dopo la tempesta. Dopo quasi tre mesi di questa lunga apnea si è ricominciato a respirare. Sono ripartite le relazioni sociali anche se con la massima attenzione e con la mascherina ormai somatizzata sul viso per mantenere la sicurezza  negli spazi comuni della vita quotidiana.
Finalmente luoghi rimasti chiusi per decine di giorni sono ritornati a vivere. Si rivedono le vetrine illuminate dei negozi.

A Pontasserchio, già penalizzata dall'annullamento dell'Agrifiera che ha lasciato il deserto nel Parco della Pace, ha riaperto il Circolo della Casa del Popolo rianimando il silenzio della Borgata che dava segni di vita solamente con la tabaccheria e edicola di Arianna e Alberto e l'erboristeria.

Sono ritornati i vari aperitivi sui tavoli rigorosamente separati e all'interno si sente nuovamente l'aroma del caffè.

Matteo, Sara, Michele, Francesco si sono rimessi in gioco per servire al meglio con la loro professionalità i soci del circolo. Abbiamo risentito in Borgata il rombo dei motori dei centauri del moto club Pontasserchio che hanno riacceso, è il caso di dirlo,  oltre alle moto anche la voglia mai sopita di ritrovarsi. E' stato il Presidente Alessandro Leonildi a dare la carica. Ed ecco riapparire la cartina per ora della Toscana per la scelta di una meta liberatoria.

Anche la “casa della torta co' bischeri” l'Artigiana Dolci ha riaperto al pubblico.
Le chiese parrocchiali hanno riaperto le porte ai fedeli che hanno ritrovato il modo di incontrarsi di nuovo per condividere momenti di preghiera insieme, anche se seduti a distanza e con un numero contingentato. Per non perdere il contatto con la gente le Messe e altre funzioni religiose erano state trasferite su un arido collegamento su youtube  anche se mantenute efficaci da Don Marco e Don Davis con l'immancabile diacono Simone.
Le associazioni del territorio sono pronte a ripartire. “Pontasserchio e dintorni” ha dovuto sospendere il premio letterario nazionale “Scrittura Fresca” mentre l'altra associazione culturale “Pont' A Serchio” era pronta per una novità assoluta “il Palio della Balestra fra Pisa e Lucca”  rinunciando anche alla lunga sfilata in costume d'epoca per le vie del paese.
La voglia di dare colore alle proprie case e giardini come terapia  al grigiore del periodo aveva visto già l'apertura dei vivai della zona e bastava andare alla serra Freschi per capire quanta voglia c'era di ricominciare con fiori e piante, accolti dall' affabile signora Giovanna  con l'intraprendente Monia titolare dell'azienda.
Anche il calcio riparte ma quello ricco fatto di diritti TV mentre quello dilettantistico, per capirsi quello di categoria, è stato archiviato perché non produce economie. Ci sono problemi a partire di nuovo per le palestre pubbliche per un problema di sanificazione dei locali e per le normative ancora troppo restrittive.

Questa seconda fase deve essere considerata veramente una ripresa delle attività sociali, ludiche e ricreative, facendo attenzione a non abbassare la guardia per non disperdere tutto il sacrificio fatto,  per guardare con ottimismo il futuro senza vanificare il passato
 

Fonte: Marlo Puccetti
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: