none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . si fanno proposte al contrario?
Velocizzare .....
Ma se il Serchio facesse una piena seria con tutto .....
E' APPENA USCITO IL SOLE
SIAMO IN DIVERSI CHE PARLIAMO .....
. . . qui se c'è qualcuno che scappa mi pare che tu .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
none_o
SESSOMATTO*
di Trilussa

14/6/2020 - 12:55


“Se quando un ragazzo ti bacia non ti tocca la p….…a (la ragazza mette l’immagine una piccola pesca) non è del mestiere!”. Un post che mi ha stupito letto su uno dei tanti social della rete a dimostrazione di come il mondo sia cambiato, in questo caso quello dei giovani, in non molti anni. Stupito perché ricordo che per noi più anziani era vero l’esatto contrario: guai se durante un bacio (con la lingua si usava anche a quei tempi!) la manina scivolava verso, non dico arrivava, in zone considerate proibite. Come minimo l’accesso, quasi sempre superficiale, costava almeno una richiesta di fidanzamento, un impegno piuttosto serio per un futuro da vivere insieme.


E questo è solo un esempio perché ve ne sono molti altri che dimostrano questo radicale cambiamento e la particolare attenzione delle ragazze per gli aspetti fisici del maschio: attributi generosi, pance piatte meglio tartarugate, muscoli possenti, tatuaggi, pettinature stravaganti. Non oso pensare alle difficoltà dei gracilini, dei magri e magrissimi, dei mollicci e con attributi non adeguati. Credo anche che le difficoltà nell’affrontare l’altro sesso per molti giovanotti sia notevole se non rientri nel canone vigente e se non riesci a soddisfare completamente gli espliciti desideri sessuali della tua partner.

 

Gli psichiatri e gli psicologi in questi tempi moderni hanno studi pieni di giovanotti funzionalmente impotenti e sotto terapia antidepressiva, che non riescono ad avere il pieno controllo della propria funzione sessuale, integra e potente sotto lo stimolo ormonale del giovane, ma funzionalmente bloccata dall’ansia e dalla paura di essere giudicato insufficiente. Bocciato! Dalla tua ragazza del momento e sicuramente anche da tutte le sue amiche.

 
E’ senz’altro un progresso quello della liberazione sessuale delle donne, non più legate al capestro della verginità, del peccato e della vergogna dei rapporti liberi con l’altro sesso, la libertà di conoscere senza remore i piaceri del sesso, privilegio un tempo terreno riservato ai soli maschi. Permane forse un rimasuglio di differenza fra la considerazione pubblica sulle molte conquiste da parte di maschi e femmine, ma presto, vista la velocità del cambiamento, anche questo sarà superato.


Ma anche le ragazze non sfuggono alla necessità di confrontarsi con il clichè della bellezza fisica da loro applicato ai maschi: un seno piccolo o cadente, un culo grosso, cellulite, un seno troppo grande e si aprono per loro le porte dei medici specialisti in chirurgia estetica per cercare di rimediare a tutte quelle imperfezioni fisiche che impediscono la loro crescita felice. I babbi come possono non soddisfare le richieste delle amate figlie che rischiano l’infelicità e la depressione se non si fanno sistemare quelle brutture, che comunque li vede geneticamente colpevoli?


E’ la faccia sporca, il rovescio della medaglia della tanto attesa liberazione sessuale che noi anziani abbiamo per tanti anni vanamente atteso fin dagli anni 60, cercando di consolarci con l’atteso arrivo estivo di disinibite turiste nordiche, più avanti di noi per costumi e mentalità.


“E’ il trionfo della superficialità, spesso esibita come un vanto” Non sono parole mie ma del grande scrittore americano Philip Roth nel suo libro La Macchia Umana dove un uomo di 71 anni, preside di facoltà, viene costretto a dimettersi per aver usato involontariamente un termine dispregiativo nei confronti di due studenti di colore. Portatore di un enorme segreto, amareggiato e deluso, intreccia infine una intensa relazione sessuale con una 34enne scatenando le critiche della società perbenista e perdendo anche l’affetto dei figli fino ad un tragico finale.


Comunque non credo che tutti i giovani siano così e credo anche che crescendo e maturando siano in grado di distinguere fra sesso e amore, fra il divertimento (a volte anche rischioso) del sesso e il sentimento più profondo dell’amore.


Quando cioè senti che il cuore ti batte forte non per un grosso bicipite o una pancia piatta ma per la semplice presenza dell’altro vicino a te. Ti accorgi che si viene a creare con l’altro una tale, meravigliosa e inattesa intimità che è impossibile da ottenere nelle semplici relazioni sessuali, anch’esse parte della superficialità relazionale di cui i social sono, oggi, il modo e l’occasione.


Nota. Sessomatto è un film a episodi del 1973 diretto da Dino Risi con Giancarlo Giannini e Laura Antonelli.
 
 
 

 
 

What do you want to do ?
New mailCopy
What do you want to do ?
New mailCopy
What do you want to do ?
New mailCopy
What do you want to do ?
New mailCopy
What do you want to do ?
New mailCopy
What do you want to do ?
New mailCopy
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: