none_o

Ho assistito ad una interessante conversazione riguardo al problema della manifestazione novax del 20 giugno scorso. Qualche offesa è passata, qualche frase di troppo a mio giudizio è scappata ma certo è difficile esimersi dal classificare e definire una tale sconsiderata presa di posizione. L’articolo di giornale che riporta il fatto va giù duro e titola “La vittoria degli imbecilli: il 41% degli italiani non vuole vaccinarsi contro il Covid 19”.

Sono l'autore del libro "Litoralis" edito nel 2001, .....
Ci disse il prof. Raffaello Nardi: volete andare al .....
Come mai nel VIDEODRONE di Bocca di Serchio non è .....
. . . . . . . . . . . . . . . non capisco i virologi .....
Coordinamento provinciale di Forza Italia Pisa
none_a
di Ermes Antonucci
none_a
di Simone Dinelli
none_a
Noi di Uniti per Calci non ci stiamo
none_a
di GIUSEPPE TURANI-IL GUERRIERO MANCATO
none_a
Causò dimissioni del sindaco Vignali di Parma, dopo 10 anni
none_a
Italia dei Valori
none_a
“Le critiche e le offese sono cose ben differenti”
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
le Eccellenze italiane dello spettacolo”
none_a
Molina di Quosa, 11 luglio
none_a
Bagno degli Americani
none_a
di
Bruno Pollacci
none_a
FIAB-Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 5 luglio
none_a
Cascina, 4 luglio
none_a
Tirrenia, 4 luglio
none_a
Villa di Corliano, 29 giugno
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Terre dell’Etruria
Il Bilancio 2019 si chiude con un volume di affari di oltre 50 milioni di euro e un utile netto che sfiora i 280mila

23/6/2020 - 12:55

Terre dell’Etruria, il Bilancio 2019 si chiude con un volume di affari di oltre 50 milioni di euro e un utile netto che sfiora i 280mila


L’impatto della cooperativa sul tessuto economico e sociale “vale” circa 28 milioni di euro. Nel 2019 la cooperativa ha dato lavoro a 188 dipendenti, di cui 94 soci. Risparmio energetico: 263.416 kw di produzione fotovoltaica con corrispondente riduzione dell’immissione di CO2 in atmosfera pari a 115,90 tonnellate
Donoratico (LI), 23 giugno 2020. Si chiude con un volume di affari di oltre 50 milioni di euro e un utile netto che sfiora i 280mila euro il Bilancio 2019 di Terre dell’Etruria, cooperativa agricola con sede a Donoratico (LI) e aderente a Legacoop Toscana. Il Bilancio 2019 è stato approvato dall’Assemblea dei soci delegati che si è svolta ieri 22 giugno in videoconferenza a seguito dell’emergenza sanitaria in corso per il Covid19.
“Nel corso del 2019 abbiamo rafforzato il nostro impegno per la cura del territorio e l’impatto sul tessuto economico e sull’occupazione - sottolinea il presidente di Terre dell’Etruria Massimo Carlotti - Anche negli ultimi mesi segnati dall’emergenza sanitaria non ci siamo mai fermati e abbiamo continuato a svolgere una funzione di presidio delle filiere agroalimentari importante per la comunità”. Per la cooperativa il totale dei ricavi 2019 (pari a 51.808.392 euro) proviene per oltre il 50% dal settore dei Mezzi tecnici per l’agricoltura, all’interno del quale spiccano le vendite di Concimi, Macchine ed attrezzature professionali, Prodotti per la gestione dei parassiti, Sementi e piante, Pet food e mangimi. Terre dell’Etruria conta complessivamente una ventina di punti vendita distribuiti nelle province di Livorno Grosseto Pisa e Siena. I ricavi provenienti dal settore ortofrutticolo sfiorano i 10 milioni. Quelli provenienti dal settore cerealicolo superano gli 8 milioni. Seguono il settore oleario (oltre 4 milioni, con 4 frantoi di proprietà della cooperativa) e vitivinicolo (oltre 1 milione, considerando sia il fatturato verso clienti esterni sia il valore dei prodotti passati dai magazzini della cooperativa).
Nel 2019 la cooperativa ha dato lavoro a 188 dipendenti (di cui 94 soci). L’età media dei dipendenti è 45 anni. Tra i dipendenti le donne sono 88. Ci sono state 11 stabilizzazioni e 39 nuove assunzioni. I soci ordinari (tra aziende agricole associate e soci lavoratori) sono 3.298. Ci sono state 191 nuove ammissioni.
Nel 2019 l’impatto della cooperativa sul tessuto economico e sociale dei territori in cui opera “vale” circa 28 milioni di euro, tra valore di liquidazione corrisposto alle aziende agricole che conferiscono i propri prodotti, valore delle retribuzioni nette erogate e acquisti di servizi da fornitori dell’indotto (extra acquisto merci). La cooperativa ha inoltre rafforzato il proprio impegno sul fronte dell’attenzione all’ambiente. Attualmente sono 3 gli impianti fotovoltaici installati, a Donoratico (145,4 kw), Caldanelle (62,1 kw), Sgrillozzo (19,68 kw).

Nel 2019 sono stati prodotti 263.416 kw di energia, con una corrispondente riduzione dell’immissione di CO2 in atmosfera pari a 115,90 tonnellate e con un risparmio sui costi per energia elettrica di 24.577 euro.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: