none_o

A distanza di qualche anno fa piacere ricordare quella grande e partecipata iniziativa che fu il Maggio Migliarinese e rivedere le immagini di un tempo che sembra molto lontano. Pochi volontari con modeste risorse economiche ma tanto entusiasmo, voglia di fare e partecipare alla vita sociale comune riuscirono a portare ad un piccolo paese come Migliarino una serie di eventi e di spettacoli mai visti in una così piccola comunità.

Grazie per aver ricordato quel bellissimo periodo del .....
Subito dopo giorni di pioggia ci sono grandi trattori .....
Alcune regioni fanno un open day per chi volontariamente .....
Fare politica significa lavorare con la massima trasparenza .....
Vecchiano è Volontariato
#Tantifiliunasolamaglia


VIVI IL TUO PAESE, SCENDI IN CAMPO CON NOI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


MARE MOSSO O MARE CALMO LA TUA VITA PORTIAMO IN SALVO

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


Un paese è di tutti quelli che lo sanno raccontare

Pisa, 20 maggio
none_a
Coltano, Venerdì 4 e sabato 5 giugno
none_a
"Dante, una terzina per volta"
di Stefano Benedetti
none_a
Pisa, 14 maggio
none_a
San Giuliano Terme, 23 maggio
none_a
CAMPIONE D'EUROPA DEI SUPERPIUMA
none_a
Migliarino Volley
none_a
Pontasserchio
none_a
Migliarino Volley - U15 Femminile
none_a
Ei fu. Siccome immobile,
dato il mortal sospiro,
stette la spoglia immemore
orba di tanto spiro,
così percossa, attonita
la terra al nunzio .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
di GIUSEPPE TURANI-IL GUERRIERO MANCATO
Dibba è un poveraccio che sogna una rivoluzione, ma cade dal motorino.

3/7/2020 - 22:19

Primo Piano
IL GUERRIERO MANCATO


Dibba è un poveraccio che sogna una rivoluzione, ma cade dal motorino.


I grillini a rischio di esplosione. Se non vanno contro il Mes con decisione, tale Di Battista, detto Dibba, pronto a far saltare tutto.

Dibba è forse il più colorito degli scansafatiche finiti in Parlamento. Che non sappia niente è accertato. È una sorta di tardo-dannunziano che vorrebbe tanto una rivoluzione o un’emozione. Purtroppo, per lui, non ha la fantasia e nemmeno la cultura. Si dubita fortemente che sappia che cosa è il Mes, contro il quale si batte con tanta decisione. Ma questo per Dibba non importa: una volta si diceva che conta il viaggio, non la destinazione.

Per lui conta il casino, Il resto appartiene a altri.
Non è nemmeno un pazzo. È proprio fatto così, capace di scambiare una piazza con un’altra, e un cespuglio con la Sierra Maestra. Vive come in un sogno. La rivoluzione, comunque, è dopodomani.

L’Italia è un paese speciale. Intanto perché ha dato il 60 per cento dei suoi voti a due formazioni politiche (5 stelle e Lega) inesistenti nel mondo civilizzato, con dei personaggi al governo che sembrano estratti da uno spettacolo di cabaret. Ma non basta. Ci sono anche dei tenori, dei tipi cioè che si staccano nettamente.
Uno di questi è certamente Alessandro Di Battista, detto dai suoi fan Dibba.
Di buona stirpe fascista, e fascista lui stesso, si atteggia però alla Che Guevara. E infatti gira di preferenza per il Sud America. Nessuno ha ancora capito che cosa vada a fare da quelle parti. Probabilmente niente, cerca solo di tenere vivo il mito: Dibba come rivoluzione. Poiché per definizione non sa niente, ignora che Che Guevara lo avrebbe spedito in Europa a calci nel sedere o lo avrebbe rotolato giù dalla Sierra maestra con due sberle. Si immagina sui monti con mitra al collo e pistola al fianco e basco in testa. Non è mai successo, ovviamente. È stato visto nei bar e in qualche albergo di medio-lusso, ma niente di più. Nessuna boscaglia e nessuna marcia notturna.
Ma lui insiste. Di notevole finora non ha fatto nulla, proprio nulla. Si ricorda solo che una volta è entrato in una piazza piena di gente e subito si è messo a comiziare contro il capitalismo, il Pd e suo zio. Solo dieci minuti dopo si è accorto che quelli erano postelegrafonici che discutevano di loro rivendicazioni specifiche.
La seconda cosa per cui è ricordato è che una volta, mentre girava per Roma in motorino (mica un cavallo bianco) è finito in una buca e si è fatto un po’ male.
C’è però una terza cosa. Ufficialmente gira il Sud America come inviato per ”Il fatto quotidiano”, che credo gli passi un po’ di soldi in cambio di corrispondenze che nessuno legge, e che comunque non sono di alcun interesse.
Di notevole rilievo la sua idea di portare i migranti che sbarcano in Italia a Marsiglia per creare un incidente diplomatico con la Francia.
Insomma, è alla ricerca disperata di un’occasione di gloria, di un conflitto aspro e memorabile, ma finora a parte cadere dal motorino in una buca gli è sempre andata male.
 

Fonte: di GIUSEPPE TURANI | 01/07/2020
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri