none_o

 

 

 

Cronaca della prima regata dell’America’s Cup, tra un Forza Italia e un Forza Nuova Zelanda, con disappunto del nostro corrispondente sul giro di miliardi spesi in una gara in cui la vela non c’entra niente; ecco quindi, per contrasto, il riferimento al Maori e alla sua antica canoa. E poi la polemica: i monoscafi volanti sono ancora barche a vela?

. . . . . . . . . . . . . fai stiantà dal ridè. .....
A seguito di accertamenti circa la sua veridicità .....
Non ero convinto della rassegna stampa ma c'ero cascato. .....
Faccio un appello alla redazione della Voce del Serchio .....
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Natale 2020

Un angelico coro sopra la capanna
l'amore sviscerato della mamma
il calore del bue e dell'asinello
il vagito del dolce Bambinello
le .....
25 PERSONE SOTTO L'OMBRELLO AD ASPETTARE IL SERVIZIO CHE NON ARRIVA MAI, A METATO C'ERA UNA DIRETTRICE VALIDA CHE FACEVA GIRARE TUTTO BENE L'HANNO TOLTA. .....
Bocelli al convegno sul Covid
«Umiliato e offeso dal lockdown, l’ho violato»

28/7/2020 - 13:55

Bocelli al convegno sul Covid: «Umiliato e offeso dal lockdown, l’ho violato»
Le parole del tenore durante il convegno dei «negazionisti del Covid» in Senato: «Conosco un sacco di gente, ma non conosco nessuno che sia finito in terapia intensiva, quindi perché questa gravità?»

 

 - Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev /CorriereTv

Durante il lockdown «mi sono sentito umiliato e offeso perché non potevo uscire da casa». Lo ha affermato il tenore Andrea Bocelli intervenendo, lunedì, al convegno «Covid-19 in Italia, tra informazione, scienza e diritti», in Senato: un evento al centro di polemiche in seno alla comunità scientifica italiana, organizzato dal leghista Armando Siri, cui hanno preso parte anche Vittorio Sgarbi e il leader della Lega, Matteo Salvini (che si è rifiutato di indossare la mascherina, nonostante il richiamo di un funzionario del Senato).Bocelli, che in passato ha raccontato di aver affrontato personalmente il Covid-19 e di essere poi guarito, ha riconosciuto di aver «violato le restrizioni uscendo lo stesso, perché ho una certa età e ho bisogno del sole e di vitamina D. C’è stato un momento in cui mi sono sentito umiliato e offeso per la privazione della libertà di uscire di casa senza aver commesso un crimine». Il tenore ha poi aggiunto: «Quando siamo entrati in pieno lockdown ho cercato di immedesimarmi in chi doveva prendere decisioni così delicate. Poi ho cercato di analizzare la realtà e ho visto che le cose non erano così come ci venivano raccontate. I primi confronti li ho avuti in casa esprimendo qualche dubbio ma sono stato fustigato, i primi ad attaccarmi sono stati i miei figli, ma mentre il tempo passava, io conosco un sacco di gente, ma non ho mai conosciuto nessuno che fosse andato in terapia intensiva, quindi perché questa gravità?».Bocelli ha anche affermato di aver «chiamato Renzi, Salvini e Berlusconi, tutti quelli che conoscevo insomma, nel tentativo di creare un fronte trasversale, fatto di persone di buon senso, per fare qualcosa tutti insieme». E ha concluso: «Non posso pensare alla celerità con la quale sono state chiuse le scuole e, dall’altra parte, con la quale le discoteche si sono di nuovo riempite». «Mi preme rivolgere un appello per dire che bisogna riaprire le scuole e riprendere i libri in mano. Non posso pensare che i nostri ragazzi, io ho una figlia di 8 anni, debbano trovarsi in classe con la mascherina».

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




29/7/2020 - 20:46

AUTORE:
Sandokan

Uno degli artisti più apprezzati al mondo si prostrato a pagare una marchetta alla Lega e a Salvini.
Siamo in campagna elettorale e solo questo mi porta a "giustificare" le parole di Bocelli altrimenti non avrei difficoltà a pensare che il covid che lo ha colpito ne ha compromesso la lucidità intellettuale.
Uno che abita in una delle più belle ville della versilia con ampio giardino e vista mare, con innumerevoli stanze di cui alcune con ampie vetrate, che durante le giornate di lock down veniva spesso contattato in audio e in video dalle numerose trasmissioni TV e radio in cui invitava a restare a casa che era l'unica misura efficace per contrastare la diffusione del virus per non parlare degli spot pro restrizione a cui ha partecipato speriamo gratuitamente.
È adesso che fa, ritratta?
Dopo aver partecipato alla cena elettorale della Lega al twiga di Briatore (altro personaggio illustre più per i trascorsi legali che per aver fatto del bene) evidentemente c'è stato qualcosa che ha indotto il cantante a prendere una posizione e in contraddizione rispetto ai precedenti trascorsi.
Da qui un piccolo uomo che ha svenduto la sua dignità al cospetto di chissà quali convenienze.
Vedremo ma per quel che mi riguarda la sua carriera termina qui.
Oggi dopo innumerevoli messaggi critici ha postato le sue scuse come se potessero bastare, un personaggio pubblico quando si esprime deve riflettere bene su ciò che sta per enunciare tra l'altro non al bar sport ma nelle aule del senato al cospetto di molti esponenti di destra, il video integrale è online.
A memoria futura.

29/7/2020 - 18:10

AUTORE:
diolamia

Guarda che a catrozzoli si scrive con l'acca.... htrozzoli

29/7/2020 - 13:21

AUTORE:
Nativo Baldinacca

A noi il ministro della salute Speranza ci aveva autorizzati a fare una giratina oltre i 70 metri fuori dalle nostre proprietà e...i 140 ettari del Bocelli ènno ir doppio dei poderi: le Querciole, i Debbi, l'Isola e Baldinacca quindi; Lui per prendere 400 euri di murta doveva attaccà la 'avalla ar baroccio e ndà a trottello una mezz'ora e sailamenta?
bona

29/7/2020 - 12:14

AUTORE:
diolamia

Bocelli si è espresso alla vigilia di una nuova ventilata chiusura lock down ....il prolungarsi fino a metà ottobre dello stato di emergenza...evidentemente ha ritenuto che il troppo stroppia e ha detto quello che pensa la stragrande maggioranza degli italiani...vi rammento che gli italiani sono stati in casa non per spirito patriottico, ma solo per il fatto che se mettevano la testa fuori dall'uscio beccavano euro 400 di multa

29/7/2020 - 8:59

AUTORE:
Ultimo

................. le opere scritte da Verdi O Puccini .......... ma deve dì varcosa collasutesta èmeglio che si rifugi nel silenzio. ......... Ultimo

28/7/2020 - 22:17

AUTORE:
Francesco T.

Non riesco a capire il senso delle parole di Andrea Bocelli. È stato uno che durante la chiusura, si è dato da fare per raccogliere fondi per la sanità, sì è pure ammalato e ora se ne esce con una dichiarazione assurda. Ripeto, sarà il caldo. Speriamo.

28/7/2020 - 14:28

AUTORE:
Alessio P

.... non conosce nessuno che è stato ricoverato in terapia intensiva quindi si interroga sulla effettiva gravità dell'emergenza sanitaria e sulle misure adottate dal governo per contrastarla.
Giusto.
Io non conosco nessuno che ha subito direttamente le radiazioni di Chernobyl: quindi perché continuare a parlare dell'esplosione del reattore numero 4?
Non conosco neanche nessuno morso da uno squalo bianco o da un cobra oppure un malato di ebola....questo però non mi permette di dubitare della pericolosità dello squalo o del cobra e degli effetti dell'ebola sull'organismo umano. Il signor Bocelli ha cacato fuori dal vaso....
PS: il signor Bocelli non ha passato il lockdown in un monolocale nelle case popolari di una periferia di una grande città