none_o

In questo momento di pandemia siamo di fronte a molte Italie. C’è prima di tutto quella degli addetti alla sanità, impegnata in prima linea nelle corsie degli ospedali a difendere con affanno la salute dei cittadini e un modello di sanità che sembrava perfetto, ma che in effetti non lo era.Il progresso scientifico, tecnologico e farmacologico impone infatti di alimentare in continuazione le risorse da destinare alla salute per stare al passo ...


Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Siamo giunti quasi al termine dell'anno 2020 che a .....
. . . adesso per i soldi europei vuole assumere altri .....
. . . detto tra noi sono solo un brigante, non un .....
. . . non immaginerebbe mai.
Ho sentito un "uccellino" .....
POSTE ITALIANE
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Recupero delle opere d'arte
none_a
Il Gruppo guidato da Matteo Del Fante ha ricevuto il riconoscimento per la categoria “Grandi imprese FTSE MIB”
none_a
Progetto Libri
Ass. culturale La Voce del Serchio
none_a
di Simona Fruzzetti
none_a
Primo corso online di scrittura per la scena
none_a
San Giuliano Terme
none_a
A breve in libreria
none_a
di Lorenzo Tosa
none_a
Per effetto del DPCM del 3 novembre 2020
none_a
Quarantesimo della morte del Cav. Vittorino Benotto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Natale 2020

Un angelico coro sopra la capanna
l'amore sviscerato della mamma
il calore del bue e dell'asinello
il vagito del dolce Bambinello
le .....
E' semplice: positivo al 1° e 2° tampone. . dopo 21 gg la asl mi dà la liberatoria. Al 23° giorno, per mio scrupolo, e da privato. . effettuo 3° .....
Associazioni
Risposta a Conti su Parco MSRM e Pecore Massesi

29/7/2020 - 19:58

Le Associazioni e i Movimenti: Amici della Terra Versilia, Fridays For Future, Extintion Rebellion, Italia Nostra, Legambiente Versilia, LIPU, WWF Alta Toscana, trovano  singolare leggere  sulla stessa pagina della Nazione di Pisa  del 24 luglio le dichiarazioni del Sindaco Conti sul Piano Intercomunale ed il Parco, affiancate dall’accorato appello della Coldiretti per la mancanza di campi per l’azienda zootecnica di pecore massesi.
Conti si compiace infatti di un Piano Intercomunale tanto “sostenibile”  da non lasciare spazio sufficiente a far pascolare 1200 pecore massesi  che si vorrebbero pertanto collocare all’interno della Tenuta di San Rossore dove ancora ci sono erba ed alberi.   Ma forse non ancora per molto, visto che il Sindaco a gran voce rivendica al Comune le competenze urbanistiche del Parco per  poi costruire senza “vincoli …che frenano l’economia” su quanto sopravvive di verde sul litorale pecore o non pecore.
Forse al sig. Sindaco sono sfuggiti un paio di dettagli:
§  che, attualmente, l’economia mondiale è in una crisi senza precedenti perché si è voluta ignorare l’esistenza di limiti e leggi che governano la rinnovabilità delle risorse; l’emergenza climatica ne è il segno più evidente;
§  che “le regole per il rispetto dell’Ambiente non sono vincoli”, ma garanzia di sopravvivenza.
E’ infatti solo grazie a questi “vincoli“, irrisi dal Sindaco e dall’ Assessore Dringoli, che i cittadini possono ancora godere di un polmone verde ricco di biodiversità, dalle dune costiere ai boschi, capace di fornire aria pulita, riserve di acqua di buona qualità, svago, paesaggio, tradizioni e cultura.  Perfino di mitigare il clima a livello locale. Ciò fa di esso molto più di “un valore aggiunto”; ne fa un bene da cui dipende la qualità della vita delle persone e che rende “vivibile” la città, tanto è vero che il Parco è stato il luogo più frequentato non appena è terminata la quarantena.
Tutt’altro “che un corpo estraneo”, il Parco è infatti amato da tutti coloro che ne godono i benefici, gratuitamente,   frequentando, non solo la Tenuta di San Rossore, ma anche quelle di Tombolo (dove si sono presenti ahimè aree non accessibili quali le basi militari), Coltano, Migliarino, Macchia Lucchese.  Zone la cui porte resteranno sicuramente ”aperte” fino a quanto non saranno altrimenti “valorizzate”. Vale a dire trasformate in proprietà immobiliari private. Per questo chiediamo che nel nuovo Piano Integrato il Parco si conservi così com’è senza ridurne la superficie.  Prevedendo anzi la ricostruzione di cordoni dunali, il rimboschimento di aree degradate, la creazione di corridoi ecologici ecc…(come previsto dalle normative). Aumentando la qualità del territorio a favore di residenti e turisti sempre più alla ricerca di spazi naturali. Un turismo “responsabile” e “consapevole” capace di promuovere le attività che rafforzano e non distruggono l’identità del territorio rispettandone le risorse.
Una qualità ambientale di cui il Parco si è fatto promotore. Come ad esempio i recenti restauri alla Bufalina e alla Macchia Lucchese  e i progetti  per una fruizione sostenibile del territorio quali, i parcheggi scambiatori e l’allargamento delle strettoie sulla via Vecchia di Marina (ancora in attesa di essere realizzati). Mentre sarebbe da evitare il prolungamento di via dei Biancospini prevista dal Piano Intercomunale che distruggerebbe irreparabilmente aree naturali di pregio.
Tornando alle pecore massesi che pare non abbiano più un posto dove pascolare, bene ha fatto il Presidente del Parco a tutelare l’azienda agricola biologica di San Rossore.  Tanto più che il ricatto di Coldiretti appare incomprensibile, dato che questa stessa associazione da sempre collabora col Parco ottenendone indubbi vantaggi, come il bando regionale del  PIT che ha permesso ai Comuni, ai Consorzi di Bonifica e agli agricoltori del  territorio pisano di usufruire di 3 milioni di euro. Il sindaco Conti, da ex direttore del Consorzio Agrario, ne dovrebbe essere a conoscenza. Così come dovrebbe essere a conoscenza  del fatto  che,  malgrado decenni di frammentazione e consumo di suolo selvaggio, nella Piana Pisana esistono ancora delle aree erbose, come i campi a sud di Ospedaletto dove, peraltro, vige l’assurda previsione di ulteriore edificazione a fronte di costruzioni inutilizzate e abbandonate da anni.
 
 



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: