none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . . . È ad emettere la sentenza "inappellabile" .....
vivi solo il presente dei tuoi interventi sulla VdS, .....
Quando io da buon soldatino ed iscritto al partito .....
Leggo ora di questa polemica su Bersani e dico la mia. .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Associazione culturale "Nati per scrivere"
none_a
Villa di Corliano, 4-10 ottobre
none_a
Corso di Scrittura Creativa
none_a
Pisa, 3 ottobre
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Conf. stampa su valorizzazione Parco San Rossore
Comunicato stampa della Consigliera Regionale Alessandra Nardini e Giancarlo Lunardi

13/8/2020 - 20:51


Conf. stampa su valorizzazione Parco San Rossore

Buon pomeriggio,

si invia di seguito, con preghiera di pubblicazione, comunicato stampa della Consigliera Regionale Alessandra Nardini e dell'ex Presidente del Parco di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli ed ex Sindaco di Vecchiano Giancarlo Lunardi, entrambi candidati per il PD alle prossime Elezioni Regionali, relativamente alla conferenza stampa di questa mattina convocata per illustrare il loro impegno per la tutela e la valorizzazione economica del Parco e per opporsi alla posizione espressa dal Sindaco di Pisa Michele Conti.

Si allega fotografia di questa mattina.


TESTO:

Questa mattina, a Coltano, la Consigliera Regionale e Capolista del PD alle prossime Regionali Alessandra Nardini e il candidato al Consiglio Regionale per il PD Giancarlo Lunardi, già Presidente del Parco di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli e già Sindaco di Vecchiano, hanno assunto un impegno pubblico per la difesa e la valorizzazione del Parco, attaccando frontalmente la posizione del Comune di Pisa e il silenzio della candidata Presidente Susanna Ceccardi.

Nardini e Lunardi hanno chiamato in causa il Sindaco Conti dichiarando che "il suo attacco al Parco, definito come un corpo estraneo, un vincolo e un freno allo sviluppo, è pericoloso e fa capire che la Lega e la destra sono ostili alla tutela di questo gioiello ambientale e paesaggistico e allo sviluppo sostenibile.
Su questo, come su ogni questione specifica sul futuro del territorio, Ceccardi è rimasta muta. Cosa ne pensa? È d'accordo con Conti? Sappiano che non gli permetteremo mai di distruggere il Parco per soddisfare certi interessi economici.
Ormai dovrebbero averlo capito anche i sassi che la valorizzazione turistica e naturalistica sostenibile sono straordinari volani di sviluppo e anche di ritorno economico sul territorio".

Poi i due candidati del PD hanno presentato alcuni punti programmatici, una sorta di Manifesto per lo sviluppo sostenibile dell'area e per una sua connessione con un ambito più ampio. Dichiarano Nardini e Lunardi: "Il Comune di Pisa si sta isolando, ma il Parco può essere un ponte di collegamento straordinario che unisce Pisa alla Versilia e a Lucca, passando per il Lungomonte pisano fino ad arrivare al litorale. Il turismo sostenibile, naturalistico e paesaggistico, sarà una chiave di sviluppo e di rilancio. Anche nell'ottica di questa funzione di raccordo territoriale, un'attenzione specifica sarà riservata proprio alla bellissima area di Coltano e alla soluzione di varie questione ancora aperte in tale realtà, rispetto alle quali si registra l'inattività dell'Amministrazione pisana".

Da Nardini e Lunardi, poi, impegno massimo anche sul sostegno alla produzione agricola biologica e alla valorizzazione della straordinaria biodiversità dell'area: "Difendere i confini del Parco e sostenere l'agricoltura locale significa tutelare questo territorio ricco di biodiversità, anche come contributo alla lotta contro i cambiamenti climatici".

Infine l'impegno programmatico per migliorare ulteriormente la vigente normativa regionale in materia, soprattutto nel senso del coinvolgimento e della partecipazione: "Vogliamo rafforzare la partecipazione sistematica e continuativa del territorio alla programmazione e pianificazione. Pensiamo a uno strumento di confronto permanente con istituzioni locali, cittadini, associazioni ambientaliste, rappresentanti del mondo imprenditoriale e produttivo".









Fonte: Jonathan Marsella - Uff. stampa e Resp. comunicazioni Alessandra Nardini
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




19/8/2020 - 8:59

AUTORE:
Marco

Quali sono i risultati del parco in termini di attrazione turistica? Purtroppo il parco su molti troppi fronti è rimasto una astrazione, una palude per le buone intenzioni e per i vasti programmi di un ceto politico che ne ha fatto un ulteriore propaggine di potere.
Circa la fruibilità, un esempio facile facile: perché non si può a andare al mare da San Rossore? Qual è la ratio di un limite simile? Vi siete mai messi in un turista, magari esteri che magari dimostra la buona volontà di visitare il parco? Come lo accocliereste? Allo stato attuale credo proseguirebbe per altri lidi.