none_o

Correva l’anno 1867 quando Henry Nestlè comunicò alla stampa di aver salvato la vita ad un bambino prematuro la cui madre non poteva allattarlo perché gravemente malata. Disse di averlo nutrito con un prodotto costituito da “latte svizzero intero con l’aggiunta di cereali cotti al forno con un procedimento speciale di mia invenzione”. Era nata la famosa farina lattea che procurò al signor Nestlè ingenti guadagni....

Amministrazione Comunale di Vecchiano
none_a
Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
Il vero problema attuale che dovrebbe attuare la politica .....
C'è un paesone, in Puglia, Lesina provincia di Foggia, .....
Fattori Tommaso 39. 667 Toscana a Sinistra 46. 270 2, .....
In questi giorni ci sarà qualche evento per Antonio .....
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
Marina di Pisa
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
Pisa, 20 settembre
none_a
Marina di Pisa, 18 e 19 settembre
none_a
Pisa, 18 settembre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
none_o
Tre motivi per il Sì e tre per il No
di Ovidio Della Croce

7/9/2020 - 22:40

Diverse persone mi hanno chiesto cosa voterò al referendum. Ecco la mia risposta: non lo so, o meglio non lo so ancora. Mentre alla riforma Renzi del 2016 ero convinto di votare No.
Sorvolo sul piccolo risparmio calcolato in centinaia di milioni a legislatura. Concordo su questo punto con quanto ha detto l’ex Presidente della Consulta e professore emerito di Diritto costituzionale Valerio Onida: “Non si risparmia sulle istituzioni”. Una democrazia inefficiente e piena di burocrazia ci costa molto di più. Tralascio anche il fatto che si tratta di un referendum confermativo, dato che la legge su cui siamo chiamati a esprimerci è stata approvata a larghissima maggioranza dalla Camera dei deputati neanche un anno, per questo essere chiamati a esprimerci con il referendum ci mette un po’ a disagio.
 
Potrei votare Sì per tre buoni motivi.
Il primo è perché la proposta di diminuire il numero dei parlamentari (la proposta in questione è di portare da 630 a 400 i deputati e da 315 a 200 i senatori, in totale i parlamentari passerebbero da 945 a 600) viene discussa da decenni con buoni argomenti. Per esempio, quello che le Camere funzionerebbero meglio con meno parlamentari. Lo ha detto chiaramente Riccardo Fraccaro, sottosegretario alla presidenza del Consiglio: “Il taglio dei parlamentari non è una riforma populista e serve per snellire e rendere più efficiente il Parlamento e accrescerne il suo ruolo”. Questo nostro Parlamento era meno numeroso fino alla riforma del 1963 senza lamentare per questo difficoltà di funzionamento, ricorda l’ex Presidente della Corte Costituzionale Gustavo Zagrebelsky, anche lui professore emerito, in un bell’articolo intitolato Se la Costituzione resta nascosta dietro una diatriba tutta politica, in cui si paragona all’asino di Buridano che non sa scegliere tra due bei sacchi di fieno e due bei secchi d’acqua come l’autore non sa scegliere tra un bel Sì e un bel No.
Il secondo riguarda il fatto che ci avviciniamo agli altri paesi europei per quanto riguarda il numero dei parlamentari eletti direttamente, con probabile miglioramento della qualità dei deputati ed esclusione degli assenteisti e degli incompetenti.
Il terzo è che questa volta si modificano soltanto tre articoli della Costituzione e tutti e tre sullo stesso argomento, ciò rende il nostro voto puntuale su un argomento preciso come il taglio dei parlamentari senza temere per questo di stravolgere la Carta. Se avremo un Parlamento con meno deputati, è chiaro che dovrà essere modificato il regolamento parlamentare e sarà un’occasione per migliorarlo. Il taglio dei parlamentari sarà anche una spinta in più per modificare la pessima legge elettorale e il perverso meccanismo dei candidati bloccati e nominati dai partiti, senza la possibilità per i cittadini di esprimere preferenze.
 
Però potrei votare No per altri tre motivi.
Il primo riguarda la questione della rappresentanza democratica, cioè del rapporto tra eletti ed elettori. Scrive Zagrebelsky: “Qualunque asino sa che tanto più elevato è tale rapporto, tanto più evanescente è il rapporto tra i primi e i secondi”. E questo è un argomento che rende il No preferibile. Lo ribadisce bene Alfiero Grandi del Comitato del No: “Non si tratta di un taglio dei parlamentari, ma di un taglio del Parlamento, perché in alcune regioni si crea una soglia implicita di sbarramento della rappresentanza dei parlamentari da parte dei territori molto alta qualunque sia la legge elettorale”. Non vale la pena modificare la Costituzione col rischio di aprire le porte alla tentazione di altre e più importanti e pericolose modifiche costituzionali e aprire la strada a un pensiero autoritario che favorisce l’estrema destra.
Il secondo argomento lo prendo da Romano Prodi sul Messaggero ripubblicato dalla Voce del Serchio: “Il vero problema non sta nel numero, ma nel modo in cui i parlamentari vengono eletti”. Quindi la sola riduzione non garantisce la qualità e l’autorevolezza dei deputati e dei senatori (vedi il punto due per il Sì). La riduzione, invece, rafforzerà il potere delle forze politiche che potranno controllare ancora di più gli eletti con l’effetto di rafforzare la nuova casta.
C’è anche la posizione intransigente: No, perché chi ci ha governato e ci governa e prova a cambiare la Costituzione dovrebbe pensare prima a realizzarla.
Il terzo è semplice: è un referendum populista, solo se vincesse il No si riaprirebbe la possibilità di discutere tutto da capo e di fare una legge elettorale come si deve.
 
Questi mi sembrano i punti principali a favore del Sì e del No su cui riflettere per prendere una decisione che non sia basata sul processo alle intenzioni, per esempio un voto politico per il rafforzamento o l’indebolimento del governo in base all’esito del referendum. Su questo il terreno di gioco sono le elezioni regionali, ma soprattutto la vera partita sarà su come il governo riuscirà ad affrontare le grandi questioni che si troverà di fronte.
 
Questo è un referendum si fa in un momento in cui il nostro paese è doppiamente devastato dal Covid-19 e dalla crisi economica. Molte e assai ragionevoli argomentazioni sono state messe in campo per il Sì e per il No, senza però prospettare un vero rinnovamento democratico. Questo referendum non mi appassiona, vedo le speculari debolezze dei due schieramenti, se vincesse il Sì o il No penso che non porterebbe nessun vantaggio per la vita delle persone. Lo sento molto distante da quel mio primo voto dato pieno di entusiasmo al referendum sul divorzio. Votammo in tanti e vincemmo perché si capiva bene che riguardava la vita di tutti noi. Quel 12 maggio del 1974 è lontano anni luce. Chiedo scusa se sono pessimista, ma non riesco a vederci nulla di buono. Mi piacerebbe leggere qualche commento di chi la pensa come me, ma soprattutto di chi non la pensa come me.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




8/9/2020 - 22:28

AUTORE:
gio'

Il vero dramma del paese è che non ci sono scelte alternative, proponibili e decenti.... ai due fronti raccogliticci e compositi, che si raccolgono per consolidato italico costume, non intorno a tesi ideali antagoniste, ma a vere fazioni inconciliabili, che usano qualsiasi argomento per combattersi con colpi bassi e scorrettezze di ogni genere...

queste ''gang'' politiche, perseguono i loro fini, in disegni contorti anti sistema, con pulsioni aNti democratiche pericolose, coltivando tentazioni aUtoritarIe, plauso plebiscitario per acclamazione ed assembleare.

si raccolgono intorno a leader, slogan, suggestioni e scorciatoie, incoronando personaggi discutibili, fautori di estremismi e soluzioni radicali purchessia, cavalcando la tigre del momento e sfuggendo ad ogni analisi seria e approfondimento delle questioni...

Tutto fa gioco e gonfia la deriva per screditare in ogni modo riti e istituzioni democratiche, preferendo il turbolento e disarticolato vociare "DescamiZadOs", pilotando il malcontento e il rancore sociale verso il nulla ideale e il vuoto pneumatico, sperando nel collasso autoritario rigenerante....

Penso anch'io ci siano ragioni pro e contro la riduzione del numero dei parlamentari, tuttavia non so scegliere un opzione, perché vedo i pericoli inclusi, e non sopporto più' i diversi fautori, che rinunciano alla discussione franca e aperta per trinceRARSI; DIETRO LE CONVENIENZE E GLI OPPORTUNISMI CHE DICONO DI COMBATTERE....

8/9/2020 - 10:49

AUTORE:
Un No emotivo

I motivi logici per votare Sì o No li hai elencati nel tuo bell'articolo, io accennerò ad alcuni motivi emotivi che mi portano a scegliere di votare No.

Primo, i fautori del sì e coloro che hanno più voluto questa riforma sono populisti, li spinge odio per i politici comunque, anche se si tratta di ottimi deputati e senatori, "sono tutti uguali", il che è assolutamente falso e antidemocratico, in genere questo lo dicono coloro che scelgono sempre i peggiori o coloro che proprio non vogliono la democrazia, fascisti che non si dichiarano tali ma che lo sono nel profondo. Diminuire il numero non farà scegliere meglio, anzi, farà scegliere di più solo ai gruppi dirigenti perché tutto il resto resterà inalterato (Leggi elettorali, preferenze, difesa degli indifendibili quando dovrebbero dimettersi e altro...).

Le estreme destre, Meloni e Salvini, votano Sì e io che cerco sempre di rispettare tutti, di vedere il positivo anche nei peggiori, di predicare collaborazione, serenità, partecipazione e pace tra le persone non me la sento di votare con chi tutti i giorni fomenta odio, aggressività, violenza, non rispetto per gli altri. Inoltre questi movimenti autoritari hanno un progetto per una Italia piena di discriminazioni, isolata dai paesi più aperti, chiusa, e intollerante. Questo voto è un altro tassello nel progetto di queste forze demagogiche di estrema destra, lo scrivo convinto anche se moltissimi che votano Sì, non certo Salvini e Meloni, lo fanno per motivi degni e rispettabili...

Ho scritto troppo, provo a chiudere anche se avrei tante altre cose da dire. Una riforma di diminuzione mi starebbe bene prevedendo tutti i tasselli e per migliorare la democrazia, questa riforma mi sembra invece, logicamente, e soprattutto emotivamente, che la peggiori. Ciao Ovidio. Un abbraccio.

8/9/2020 - 10:34

AUTORE:
Datemi una dritta

Speravo in qualche dritta che mi convincesse a scegliere... ma leggo che anche te la pensi più o meno come me.

8/9/2020 - 0:04

AUTORE:
Bruno della Baldinacca (alias Bruno Baglini)

Il treno passò il 4/12/16 diceste di no e perdeste l'occasione di avere quel che i padri costituenti avevano già previsto che passati un po di anni dalla dittatura fascista "il guardiano senato" formato dai più anziani per correggere quel che i 21enni dell'epoca potevano con leggerezza approvare, poi Loro rimediavano (?) ed invece per 70 anni si è avuto un doppione inutile e con una sola camera si poteva adottare la legge elettorale a doppio turno alla francese e li si stabiliva noi elettori chi ci doveva governare per 5 anni e non come con il cosiddetto rosatellum adottato per evitare il consulellum (legge elettorale fatta dalla consulta) perchè bocciò giustamente l'Italicum rimanendo due camere non era praticabile.
Il risultato è stato che ora vengono creati governi "mostro Frankenstein" fatti con un braccio di uno ed una gamba di un altro che in campagna elettorale erano uno contro l'altro e...per il buon vivere ci sorbiamo un PdC ambidestro (che usa con uguale abilità tanto la destra quanto la sinistra).

Sento qualche fautore (del si alla liggera) sostenere che tutto sommato se rimane il n° 600 si può benissimo unificare il tutto e così si è perso il Senato delle Regioni che poteva benissimo sopperire ai vari Colao con i suoi 450 espertoni che han lavorato a cottimo per poi partorire le Ville Madama con altri espertoni pagati da noi tutti e per cosa non è dato saperlo.

Immaginati un Comune con due consigli comunali; roba da conigliolate nel groppone...ma sode!