none_o

Tifosi, delinquenti, semplici sprovveduti? Molti giovani manifestano il livello del loro disagio personale sfogando con atti violenti (e razzisti) il loro malessere, fuori e dentro gli stadi. Un ultimo episodio un paio di domeniche fa ad Arezzo, eclatante per la dinamica, ma epilogo di tanti altri piccoli episodi molto significativi, non ultimo quello di Pagani.

L’inutile leggerezza dell’essere
Manca una settimana .....
Un colpo a Cecco ed uno alla volpe?
Ci fu un tempo .....
Probabilmente non mi vedresti e sentiresti da nessuna .....
. . . senza questo giornale dove appariresti: su tikke-tokke? .....
di Valentina Mercanti PD, candidata seg. Regionale del Partito Democratico
none_a
di Roberto Sbragia - capogruppo Vecchiano Civica
none_a
da-IL QUADERNO DI ET
none_a
di Paola Sacchi (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Proposte per la Segreteria regionale del PD
none_a
IO, Medico
none_a
Franco Marchetti
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
none_a
Isabel cercami dove sei
Qui al freddo siamo fragili
Isabel tu lo sai sotto questa pioggia
Se tu vuoi asciugami , amami
Con quel tuo calore , l'Anima
Isabel .....
Buongiorno,

queste mie parole sono per evidenziare il menefreghismo di un ente del Comune di San Giuliano Terme che ad oggi non mi ha risposto ad .....
Orgoglio Toscana nel Collegio di Pisa
Paolo Fidanzi coordinatore regionale Italia dei Valori in Toscana

8/9/2020 - 0:28

Paolo Fidanzi coordinatore regionale Italia dei Valori in Toscana
 candidato capolista 
Orgoglio Toscana nel Collegio di Pisa


Pensavo ci scrive Fidanzi, che raccontare le cose come stanno non e' sufficiente ad essere credibili. Che e' molto più facile attraverso un linguaggio politicamente corretto magari da una posizione di potere già acquisito, promettere nuovi servizi e nuove sicurezze per i cittadini. Pensavo puntualizza Fidanzi, che parlare di Sanità oggi in Toscana e in particolare nelle nostre zone, Pisa Compresa, sia difficile senza porci in una posizione di difesa del servizio pubblico, senza dire che il nostro sistema ha retto all'urto del Covid, grazie ad una sanità ospedaliera e territoriale che ha fatto rete e ha compattato le migliori competenze disponibili. Questo sistema va difeso senza se e senza ma, dagli attacchi della destra, lega compresa, che in modo sguaiato e spesso incompetente rischia di distruggere le nostre eccellenze e i nostri sforzi per mantenere la Toscana una regione unita e solidale. Una regione aperta e all'avanguardia sul piano scientifico e dell'innovazione tecnologica, che concentra nelle sue province, come in quella di Pisa, tesori archeologici preziosi, un sistema ecologico equilibrato e promettente, un patrimonio culturale e artistico invidiabile, facilmente fruibile da tutti. Insomma un sistema che a pochi giorni dal rinnovo del consiglio regionale, va apprezzato e difeso da chi vuole presentarlo come qualcosa d' invadente, qualcosa da cui liberarsi, come dicono le destre e la Lega. Ma questo non basta, non è onesto se non si accompagna ad una sincera volontà di autocritica e di Cambiamento. Bisogna dare discontinuità' alla gestione carente di alcuni settori importanti della vita civile, penso a quella dei rifiuti, alle infrastrutture ancora fatiscenti e carenti delle nostre periferie, penso a quella del sistema sociosanitario, del rapporto ospedale territorio. Penso alle cose che non sono andate bene fino ad oggi, che hanno fatto arrabbiare i cittadini, e che ora a quindici giorni dal volto non possono essere messe sotto il tappeto come la polvere accumulata nel tempo. E allora quando di parla di migliorare le nostre strade, di assumere più personale in sanità' per dare maggiori risposte agli anziani e ai malati cronici sul territorio, quando si parla di facilitare percorsi di dimissioni ospedaliere attraverso la creazione di nuovi sistemi di cure intermedie e di nuove Case della Salute, bisogna sapere di cosa si parla. Bisogna fare attenzione a non fare demagogia e ad essere elettoralmente convincenti e rassicuranti. Chi ancora ha sulla pelle i segni della malasanità, e nella testa la quasi certezza che nulla possa cambiare con la solita politica di questo centrosinistra, non va preso ulteriormente in giro. Certo che da soli si va poco lontani, che mettersi di traverso a un treno in corsa lucidato a nuovo, porta solo ad essere travolti. Ma il compito che ci siamo dati, che mi sono dato, è quello di portare l'attenzione della buona politica verso le zone più periferiche e disagiate della nostra regione e della nostra provincia. Ho l'esigenza di stimolare la critica e il solletico della nostra pancia e unirli in un percorso di nuovo buon governo attenzione seria e costante alle vicende e a problemi delle persone meno fortunate, quasi rassegnate a subire in silenzio i sempre più' feroci e insopportabili abusi di potere. Ecco perché da coordinatore regionale di IDV ho accettato e anche suggerito la mia candidatura come capolista di ORGOGLIO TOSCANA nel collegio di Pisa, perché è proprio dove in molti stanno bene, che chi sta peggio viene trascurato, è successo da anni in provincia di Pisa, soprattutto nell'alta Val Di Cecina e dintorni. Penso infine alle e discariche del Bulera a Pomarance o a quella di Chianni, che aspetta ancora una soluzione definitiva e non solo promesse, penso al tentativo di indebolire il sistema geotermico di Larderello fonte di energia rinnovabile fondamentale per la Nostra Regione.Penso di nuovo alla nostra sanità sulla quale una volta sviluppato e rafforzato il sistema ospedale, bisogna soffermarsi e ridefinire bene quello territoriale. Per questo conclude Paolo Fidanzi, ai 500 mila € per la riorganizzazione ospedaliera vanno aggiunti almeno altri 500 mila utili per le nuove assunzioni, le nuove strutture utili alla realizzazione di un nuovo progetto d' area territoriale in Alta Val di Cecina.



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri