none_o

Correva l’anno 1867 quando Henry Nestlè comunicò alla stampa di aver salvato la vita ad un bambino prematuro la cui madre non poteva allattarlo perché gravemente malata. Disse di averlo nutrito con un prodotto costituito da “latte svizzero intero con l’aggiunta di cereali cotti al forno con un procedimento speciale di mia invenzione”. Era nata la famosa farina lattea che procurò al signor Nestlè ingenti guadagni....

Amministrazione Comunale di Vecchiano
none_a
Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
Il vero problema attuale che dovrebbe attuare la politica .....
C'è un paesone, in Puglia, Lesina provincia di Foggia, .....
Fattori Tommaso 39. 667 Toscana a Sinistra 46. 270 2, .....
In questi giorni ci sarà qualche evento per Antonio .....
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
Marina di Pisa
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
Pisa, 20 settembre
none_a
Marina di Pisa, 18 e 19 settembre
none_a
Pisa, 18 settembre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Invito di Antonio Mazzeo
Giovedi 10 settembre a Pisa con Stefano Bonaccini e Simona Bonafè

9/9/2020 - 20:07

Carissime e carissimi, una brevissima newsletter per invitare tutti voi a una iniziativa a cui tengo davvero molto: domani sera, giovedì 10 settembre, sarà con noi, a Pisa, il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini per presentare il suo libro "La destra si può battere" insieme alla segretaria regionale del PD Toscana Simona Bonafè.

Ci vediamo alle ore 21.00 in largo Ciro Menotti a Pisa con le sedie opportunamente distanziate per rispettare le normative anti-Covid (ma vi ricordo comunque di portare con voi la mascherina!).

Per qualsiasi informazione potete chiamare o scrivere al numero 371 355 2637.

 

PS: La campagna di crowdfunding ha superato ogni aspettativa: grazie a tantissime piccole donazioni abbiamo superato i 5000 euro e siamo diventati, sulla piattaforma Progressive Acts, la seconda migliore campagna di raccolta proprio dopo Bonaccini.

Io non posso che dirvi un enorme GRAZIE perché questa è una delle più belle dimostrazioni di come questo sia un viaggio collettivo e la politica possa e debba essere un grande momento di PARTECIPAZIONE e CONDIVISIONE!

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




11/9/2020 - 14:19

AUTORE:
Nicola

Vede signor Maunvorpiove, i tre sono stati redarguiti proprio nella giornata di Mercoledì dalla segreteria romana del PD che è stata costretta a far notare la simpatica "svista".

Sullo stesso profilo di Mazzeo se vuole, può anche ora verificare come era stata promossa l'iniziativa, cioè senza simbolo PD

Hanno rimediato all'ultimo, appicicando il simbolo dopo una opportuna tirata di orecchi, che tuttavia segnala che il PD di fatto è vapore acqueo, come dice Saviano.

11/9/2020 - 14:03

AUTORE:
Maunvorpiove

....dissero i carabinieri ad Astolfo: sei senza patentino, senza libretto di circolazione, il fanalino della targa bruciato, le gomme finite, viaggiavi in curva contromano, motore smarmittato ...e ora come la mettiamo?
...appoggiato ar rmuro perchè gliè senza cavalletto.

Vede sig. Nicola per un...chiamiamolo refuso (la foto inviata non appariva nella sua completezza)
Mancava il simbolo del PD).
piesse, poi alle vote anch'io mi scordo la patente dentro il portafoglio a casa, ma mai sono partito con la macchina senza chiavi ed ho rimediato subitaneamente.

11/9/2020 - 13:02

AUTORE:
Osservatore 1

Vedo l'archivio perenne della VdS e noto che: oltre Mazzeo; anche Nardini, Gambaccini, Frullano, Poli, Cosentini, Meini, Bargagna, Fidanzi, Guidi, Gambaccini, Bagnoli i quali hanno inviato le loro pubblicazioni a questo giornale ed i redattori han fatto copia/incolla senza stravolgere od avvolgere i loro comunicati con o senza simbolo del partito di loro appartenenza.
Ergo considero la sua impuntatura sul buon Mazzeo fuori luogo e che fra l'altro ci spiega che: con l'abolizione del finanziamento pubblico operata da governo Monti, i partiti non potendo più finanziare le campagne elettorali di chi ha accettato di "correre" per quel partito, lo fa a proprie spese ed è forse anche per questo che vediamo le migliaia e migliaia di riquadri per la pubblicità elettorale messi su ordine del governo centrale in tutti i paesini ancora intonsi - bianchi - nisba-niente a distanza di una dozzina di giorni dal doppio impegno elettorale regionale e referendario.

...se i lucchesi lasciavano perdere quel che facevan le civette, non sarebbero ammattiti; cit mì pà.

11/9/2020 - 8:59

AUTORE:
Nicola

Ma cosa c'incastra Rossi?
Qua c'è una iniziativa elettorale organizzata da:

Mazzeo (consigliere regionale PD)
Bonafe (segretaria regionale pd ed europarlamentare PD)
Bonaccini (Presidente di regione PD)

Quindi tutti e tre del PD ma che nascondono il simbolo del partito (grazie al quale fanno politica e carriera).

Non è né serio né onesto e tanto meno elegante.

Punto.

11/9/2020 - 8:32

AUTORE:
Lettore di molto attento

A proposito di Enrico Rossi, imposto da Renzi Matteo alla presidenza della Regione praticamente senza le primarie perché chi voleva sfidare il Rossi gli fu imposto di trovare almeno 15.000 firme in suo appoggio nella frazione di Nodica e 20.220 a Migliarino Pisano ed il povero prof. Pisano rinunciò.
Poi il Rossi volendo chiappar Buti sfidò sulla carta Renzi alle primarie e visto che Piepoli lo dava all'8% e Renzi al 63% rinunciò per poi dar vita dietro Bersani, Speranza lui è Fontanelli ad altro partito che si chiamò Articolo 1 ed in seguito LeU capitanato da Grasso.
Ora se Rossi è rientrato nella ditta non lo so perché mi ha tolto amicizia su fb.
Alla prossima....tanto io leggo te e te leggi me è...bocchise
Bona

11/9/2020 - 7:06

AUTORE:
Nicola

In molte iniziative Di Mazzeo, il simbolo del PD è deliberatamente omesso, a vantaggio del suo brand personale. Come se il partito fosse un arnese vecchio, dal quale prendere le distanze.
Questa è una di quelle.Adesso è pi chiaro?

Ciò che rende questo atteggiamento ancor più grave in questa circostanza è l'avallo da parte della segretaria regionale ed europarlamentare del PD oltreché da un presidente di Regione, ancora del PD. Fino a prova contraria.

Tutto ciò è imbarazzante. Ma Mazzeo si sta dimostrando piuttosto spregiudicato, uno che ama molto la parola IO.

(Sarà anche un lettore attento ma come osservatore del mondo reale è piuttosto scarso)

11/9/2020 - 0:45

AUTORE:
Lettore attento

(?????)

10/9/2020 - 23:57

AUTORE:
Nicola

Visto che le maglie della censura sono molto strette provo a riformulare la mia opinione in modo più equilibrato seppur altrettanto indignato.
Perché questi tre leader di partito omettono il simbolo del loro partito?
Usano il partito come strumento, mezzo, trampolino, solo per i passaggi che tornano a loro vantaggio, mettendolo quando strizzano l'occhio al populismo?
Quale rispetto verso gli iscritti che quel simbolo tengono in tasca sulla loro tessera?