none_o

In questo momento di pandemia siamo di fronte a molte Italie. C’è prima di tutto quella degli addetti alla sanità, impegnata in prima linea nelle corsie degli ospedali a difendere con affanno la salute dei cittadini e un modello di sanità che sembrava perfetto, ma che in effetti non lo era.Il progresso scientifico, tecnologico e farmacologico impone infatti di alimentare in continuazione le risorse da destinare alla salute per stare al passo ...


Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Siamo giunti quasi al termine dell'anno 2020 che a .....
. . . adesso per i soldi europei vuole assumere altri .....
. . . detto tra noi sono solo un brigante, non un .....
. . . non immaginerebbe mai.
Ho sentito un "uccellino" .....
POSTE ITALIANE
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Recupero delle opere d'arte
none_a
Il Gruppo guidato da Matteo Del Fante ha ricevuto il riconoscimento per la categoria “Grandi imprese FTSE MIB”
none_a
Progetto Libri
Ass. culturale La Voce del Serchio
none_a
di Simona Fruzzetti
none_a
Primo corso online di scrittura per la scena
none_a
San Giuliano Terme
none_a
A breve in libreria
none_a
di Lorenzo Tosa
none_a
Per effetto del DPCM del 3 novembre 2020
none_a
Quarantesimo della morte del Cav. Vittorino Benotto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Natale 2020

Un angelico coro sopra la capanna
l'amore sviscerato della mamma
il calore del bue e dell'asinello
il vagito del dolce Bambinello
le .....
E' semplice: positivo al 1° e 2° tampone. . dopo 21 gg la asl mi dà la liberatoria. Al 23° giorno, per mio scrupolo, e da privato. . effettuo 3° .....
ANPI Toscana
Le risposte dei candidati alla Presidenza della Giunta regionale della Toscana all'appello dell'ANPI

15/9/2020 - 19:10

 Le risposte dei candidati alla Presidenza della Giunta regionale della Toscana all'appello dell'ANPI


In previsione della prossima scadenza elettorale, il Coordinamento regionale ANPI ha rivolto ai candidati alla Presidenza della Giunta regionale un appello con richiesta di impegno a riconoscersi nei principi ispiratori dello Statuto, a perseguire le finalità della L.R. 38/2002, a continuare e potenziare tutte le iniziative degli anni precedenti (ad iniziare dal Treno della  Memoria e dall'Osservatorio sui neofascismi e razzismi), ad attivarsi per la promozione di un tavolo per l'applicazione omogenea del protocollo che lega l'ANPI ed il Ministero dell'Istruzione.
Ad oggi, hanno aderito all'appello, in ordine cronologico:

- Tiziana Vigni:
Gentilissima delegazione dell'ANPI Toscana,vi ringrazio per l'occasione che mi date per dichiarare la mia totale adesione agli ideali della Resistenza e dell'antifascismo.Qualora dovessi trovarmi a guidare questa regione, troverei in voi i depositari di una tra le più nobili memorie del nostro passato, che ha la necessità di essere mantenuta viva soprattutto in questo momento storico in cui le piaghe del fascismo e del razzismo hanno indossato le vesti del politico di grido che non si vergogna a fomentare sentimenti sordidi e violenti.Per questo mi impegno a rispettare ognuno dei punti da voi proposti.Con l'augurio che anche gli altri facciano lo stesso, Vi saluto e Vi stringo calorosamente la mano.

- Tommaso Fattori:
Il 5 settembre 1938 nella tenuta di San Rossore a Pisa, Re Vittorio Emanuele III firmò le leggi razziali, che codificarono in norma una tesi sostenuta da numerosi cattedratici italiani dell'epoca che al regime fascista avevano prestato giuramento di fedeltà. Con quell’atto iniziò la discriminazione degli ebrei da parte dello Stato italiano, che nel giro di qualche anno portò alla loro persecuzione, deportazione e sterminio. Le università furono coinvolte e, spesso, complici di questo processo. Solo nell'Ateneo di Pisa furono espulsi venti docenti e quasi trecento studenti e fu impedita l'iscrizione degli studenti ebrei negli anni successivi al 1938.Eppure resta diffuso l'immaginario di un fascismo bonario. Le leggi razziali del trentotto? Un tributo dovuto all'alleato nazista, qualcosa di estraneo al fascismo. Ma quelle leggi furono precedute dal censimento razzista degli ebrei italianie dai crimini e dal sistematico razzismo nelle colonie, compresa l'obliata legge contro il madamato per impedire l' “imbastadimento” del puro sangue italiano.La rimozione del nostro recente passato significa che quando si evocano le ruspe in un campo Rom non si vede alcuna relazione con il razzismo coloniale, nè con le leggi razziali. Le azioni del presente sono come sospese nel nulla.Ecco perché oggi ho sottoscritto convintamente l’appello che l’ANPI regionale che chiede di:• riconoscersi nei principi ispiratori del loro Statuto• perseguire le finalità della Legge Regionale 38/2002 (Norme in materia di tutela e valorizzazione del patrimonio storico, politico e culturale dell’antifascismo e della Resistenza e di promozione di una cultura di libertà, democrazia, pace e collaborazione tra i popoli)• continuare e potenziare tutte le iniziative degli anni precedenti, ad iniziare dal Treno della Memoria e dall’Osservatorio sui neofascismi e i razzismi• attivarsi per la promozione di un accordo di collaborazione tra Ufficio Scolastico Regionale, Coordinamento regionale Anpi, Università di Firenze, di Pisa, di Siena, Istituti di alta istruzione universitaria quali la Scuola Normale Superiore, la Scuola Superiore “Sant’Anna”, l’Università per stranieri di Siena, Istituti Storici della Resistenza e dell’Età contemporanea della Toscana, indispensabile per rendere possibile l’applicazione omogenea su tutto il territorio regionale del protocollo di oggetto “Offrire alle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado un sostegno alla formazione storica, dalla documentazione alla ricerca, per lo sviluppo di un modello di cittadinanza attiva”, che lega Anpi e Ministero dell’Istruzione.

- Eugenio Giani:
Eugenio Giani sottoscrive l’appello di Anpi Toscana e ringrazia tutti per l’impegno.

- Irene Galletti:
LA MEMORIA DA COLTIVARE SUL CAMPO

Esistono valori che non sono negoziabili. Valori che costituiscono la base sulla quale, nel corso dei decenni, si è costruita e sviluppata una comunità. L’antifascismo è il principale di questi valori. Un punto fermo, che in casa mia è entrato attraverso la testimonianza diretta di mio nonno che, come moltissimi nonni dei toscani della mia generazione, dopo l’8 settembre del ‘43 ha imbracciato ilfucile per unirsi alla Resistenza.Le storie di quei mesi hanno accompagnato le cene a casa mia per buona parte della mia infanzia e gioventù: un regalo immenso di cui sono sempre stata orgogliosa e che ha contribuito a rendermi la persona che sono oggi.Ora che i testimoni diretti di quella stagione stanno diventando sempre meno, tuttavia, la memoria si fa più labile, lasciando ampio spazio a revisionismi e a una sottocultura fascista che troppo facilmente trova sponde politiche, anche all’interno del Parlamento.Contro questa deriva, amplificata e sdoganata dai social network, l’unico antidoto è la memoria.Che deve essere coltivata sul campo attraverso l’esperienza diretta. L‘esperienza de “Il treno della Memoria” è forse uno dei progetti più affascinanti e meritevoli messi in campo dalla Regione Toscana negli ultimi anni. Ma non basta. Se vogliamo costruire un argine per metterci al riparo dal revisionismo che sta colpendo prima di tutto la lotta partigiana, i simboli non bastano più. Servono progetti scolastici ad hoc: abbiamo la fortuna di vivere a due passi da quell’appennino tosco-emiliano, teatro dei principali episodi di quella guerra di liberazione che in troppi oggi stanno tentando di riscrivere. Io credo che la Regione dovrebbe finanziare progetti culturali pensati per riscoprire e valorizzare quei territori, creando veri e propri percorsi partigiani per far vivere ai nostri ragazzi un’esperienza forte e diretta quanto quella di Aushwitz e Birkenau.Alla luce di quanto premesso, non ho alcun tentennamento nel garantire a Lei, coordinatore di Anpi Toscana, e all’associazione tutta, la piena disponibilità a sottoscrivere i punti da Voi redatti per la tutela della memoria e la valorizzazione dei luoghi e dei monumenti simbolo della Resistenza partigiana. Confermando il mio impegno a fare tutto il possibile affinché l’esercizio della memoria diventi parte integrante del piano di offerta formativa delle scuole della Toscana.In fede.


- Salvatore Catello:L'antifascismo è elemento fondante dell'essere comunisti.
Aderiamo convintamente all'appello lanciato da Bruno Possenti e da ANPI Toscana e assumiamo tutti gli impegni contenuti nel documento. La Toscana è e resterà antifascista. W i Partigiani!

Bruno Possenti
Coordinatore regionale ANPI Toscana














+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: