none_o


Reparto di Oncologia dell’ospedale di Pisa. Davanti all’edificio molti persone in attesa perché l’ingresso è riservato ai soli pazienti oncologici. Ero fortunatamente un accompagnatore e sono rimasto educatamente fuori come tutti gli altri. Devo dire che eravamo tutti con la mascherina, non so se per paura del contagio o per rispetto degli altri ma la situazione era appagante, come quando si vede il rispetto delle regole da parte di tutti i cittadini.

. . . . . . . . . . . . è iniziata i primi giorni .....
. . . la ragione non sta mai da una sola parte ed aggiungo .....
Sono convintissimo della sua buona fede, ci mancherebbe, .....
Non ho alcuna presunzione o velleità, esercito semplicemente .....
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
San Giuliano Terme, 23 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 24 ottobre
none_a
Molina di Quosa, 25 ottobre
none_a
Teatro Nuovo Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 25 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 17 ottobre
none_a
Sabato 17 ottobre al Grand Hotel Duomo
none_a
SAn Giuliano Terme, 18 ottobre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


la ZONE di Pisa
none_a
CSI – Centro Sportivo Italiano-
none_a
Coppa Toscana Juniores sotto la Torre
none_a
open day 20 ottobre palestra Proscaenium
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Se non si capiva niente prima, come pretendere che si capisca qualcosa oggi?

Qualcuno dice che non intende usare i 40 miliardi del MES, perché in .....
Comune di Calci
Al via i cantieri per la realizzazione degli interventi di ripristino

25/9/2020 - 12:36

Comune di Calci - Al via i cantieri per la realizzazione degli interventi di ripristino



Piantumazione di nuovi alberi, riqualificazione del terreno e manutenzione delle opere esistenti. Partiranno ad inizio ottobre – in seguito ad una convenzione firmata con l’Unione Montana Alta Val di Cecina e al finanziamento della Regione Toscana che ha stanziato 40mila euro - i cantieri per la realizzazione degli interventi di ripristino nei territori di Calci e Vicopisano colpiti dalle fiamme rispettivamente nel settembre 2018 e nel febbraio 2019. Condizioni climatiche permettendo si comincia il 5 di ottobre dando priorità alla gestione e al trattamento del materiale vegetale combusto che verrà rilasciato interamente al suolo. Contestualmente gli operai dell’Unione Montana Val di Cecina e del Comune di Calci si occuperanno di alcune piccole opere di difesa collegate con azioni di ammendamento del terreno al fine di migliorarne la fertilità.

“Verranno poi messe a dimora specie arboree accompagnate da semine di specie erbacee per terminare, salvo imprevisti o eventi meteorici sfavorevoli, entro il 2021 – scende nel dettaglio l’assessore alla Protezione Civile Giovanni Sandroni -. I cantieri interesseranno la zona di confine fra i comuni di Calci e Vicopisano a cavallo del crinale che dal Monte Lombardona attraversa il Monte Grande fino al Castello della Verruca proseguendo come spartiacque verso i bacini del vallino di Nicosia e quello di Crespignano” Quest’area che interessa direttamente anche i bacini di Noce (Vicopisano) e del Botro di Santa Alessandra (Calci) è infatti indicata come strategica anche per gli interventi previsti nel Piano di Specifico di Prevenzione dei Monti Pisani. L’ esperienza maturata nel corso degli incendi boschivi avvenuti nei principali bacini a valle del crinale individuano infatti questa area come motore cruciale e moltiplicatore per la propagazione degli incendi boschivi ai bacini circostanti e ai territori comunali adiacenti. “Risulta, pertanto, di assoluto interesse prioritario – argomentano dall’ufficio di protezione civile del Comune di Calci - cercare di trattare ed indirizzare la vegetazione di quest'area in modo da ridurne il carico e modificare la tipologia di combustibile vegetale in modo da trasformarla in fascia di discontinuità spaziale e di opportunità per le strutture operative AIB che, grazie anche alla buona rete di viabilità presente, potrebbero condurre un
attacco in sicurezza ai fronti di fiamma in via di propagazione”.

Al fine poi di arricchire il terreno con nuova sostanza organica, proteggerlo dalla forza battente della pioggia e migliorarne la struttura verrà distribuito direttamente al suolo materiale vegetale arbustivo tagliato più o meno finemente, preferibilmente di piante leguminose quali le ginestre, raccolto in aree limitrofe non percorse dal fuoco. Per quanto riguarda invece gli interventi di ripristino questi andranno ad interessare la riqualificazione della viabilità forestale danneggiata da frane o dissesti localizzati e la rimozione dagli alvei e dagli impluvi di materiale vegetale crollato per schianto del fusto o rottura delle principali branche a seguito di forti sollecitazioni indotte dal vento o dalla pioggia.

A concludere è il Sindaco Massimiliano Ghimenti "La Regione Toscana è stata straordinaria nell'attenzione al nostro territorio e nelle operazioni per il superamento dell'emergenza dopo il terribile incendio di due anni fa. A distanza di 730giorni investiamo ancora risorse ed energie per migliorare la situazione, manutendendo opere realizzate, piantando piante e sottobosco per favorire la tenuta del terreno nelle parti più critiche. Un ringraziamento particolare agli uffici regionali, all'Unione Montana Alta Val di Cecina, e anche all'ufficio forestazione del nostro Comune e alle maestranze del nostro cantiere forestale che realizzeranno parte degli interventi".


*In foto il Sindaco Ghimenti e l'Assessore alla Protezione Civile Giovanni Sandroni









Fonte: Francesca Franceschi
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: