none_o


Reparto di Oncologia dell’ospedale di Pisa. Davanti all’edificio molti persone in attesa perché l’ingresso è riservato ai soli pazienti oncologici. Ero fortunatamente un accompagnatore e sono rimasto educatamente fuori come tutti gli altri. Devo dire che eravamo tutti con la mascherina, non so se per paura del contagio o per rispetto degli altri ma la situazione era appagante, come quando si vede il rispetto delle regole da parte di tutti i cittadini.

Poverannoi, è andato ormai. Lo usano sulla 7 di .....
. . . che ne capisce più di te. Fattene, anzi fatevene .....
. . . giorni sta prendendo dei punti la Raggi. . . .....
. . . . . . . . . . . . . . . . l'ha capito? La DaD .....
Greenpeace
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Vecchiano
none_a
San Giuliano Terme, 23 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 24 ottobre
none_a
Molina di Quosa, 25 ottobre
none_a
Teatro Nuovo Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 25 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 17 ottobre
none_a
Sabato 17 ottobre al Grand Hotel Duomo
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


di Marlo Puccetti
none_a
la ZONE di Pisa
none_a
CSI – Centro Sportivo Italiano-
none_a
Coppa Toscana Juniores sotto la Torre
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Se non si capiva niente prima, come pretendere che si capisca qualcosa oggi?

Qualcuno dice che non intende usare i 40 miliardi del MES, perché in .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
Ricordo di DARIO FO e FRANCA RAME

28/9/2020 - 16:18

 
Questa volta a scatenare i ricordi di Valdo sugli "incontrati per caso", oggi di Dario Fo e Franca Rame, è un sonetto che gli ha dedicato Piero Nissim, pubblicato sulla rivista di cultura vernacola "Er Tramme", di cui diamo alcune informazioni per chi fosse interessato.
Ma partiamo dal sonetto...  
 
 
 
VARDO MORI 
Che cosa s’ha dì su Vardo Mori 
caratterista attore dilettante ? 
Che ai tempi … La Brigata de’ Dottori 
di recite co’ lui ne fece tante. 
 
Eppure un s’è mai messo sull’allori: 
ha sempre in ruolo la parte brillante 
dove riesce a fa’ venire fori 
la genuinità, seduta stante. 
 
Per causa di lavoro e pe’ passione 
visse Milano “da bere e da sognare”: 
Derby clebbe … Jannacci, Carosone… 
 
E quando ir Dario veniva a recitare 
ar Verdi a Pisa, finita la “tenzone”, 
Vardo l’andava sempre a salutare 
 
su’ retro, co’ gli amici. E poi a mangiare 
co’ tutto ir cast ar Bar della Stazione … 
(Vedi lo so per certo, Sant’Iddio!: 
in ‘vella ‘omitiva c’ero anch’io …) 
 
Piero Nissim
 

Ricordo di DARIO FO e FANCA RAME 
 
Ringrazio l’amico Nissim per l’originale sonetto che mi ha dedicato.

Il pensiero è subito corso alle lunghe serate post spettacolo del Teatro Verdi di Pisa.

Erano gli anni ’60 e grazie a Giampaolo Testi eravamo un  piccolo gruppo di appassionati sempre presenti, che potevano accedere al terzo ordine dei palchi pagando solo l’ingresso di Lire 300.

Che poi equivaleva al costo del loggione dove noi studenti squattrinati eravamo di casa.

Serate a parlare con Carmelo Bene ed Enzo Cerusico, Paolo Panelli e Bice Valori, Paolo Poli, Elvio Calderoni, Carlo Campanini, Aurora Banfi, Rossella Como, Antonio Colonnello, Laura Betti, Mino Bellei, Carlo Dapporto e tanti altri attori.

 
Il ricordo di Dario Fo e Franca Rame risale al 28 Febbraio del 1965 quando al Teatro Verdi andò in scena la commedia “Settimo ruba un po’ meno” di Dario Fo.
 
Al termine dello spettacolo attesi gli Artisti per parlare dello spettacolo. Dario ci invitò a seguirlo al buffet della stazione che era all’epoca l’unico posto dove poter mangiare ancora qualcosa dopo la mezzanotte.

Ci avviammo sul Ponte di Mezzo e poi in Corso Italia ridendo e scherzando, felici per questo incontro con una coppia mitica del Teatro. Da poco avevano lasciato, dopo una furibonda lite, la TV. 

Arrivati al Buffet Dario ci disse “I miei ammiratori di qua dal tavolo e quelli di Franca di là….. non andate tutti di là !”

Ricordo bene le nostre facce sorprese perché stavamo andando tutti dalla parte di Franca : una bellissima donna bionda !
 
Parlammo dello spettacolo e dei suoi rapporti con la politica, delle difficoltà avute l’anno precedente con “Isabella, tre caravelle e un cacciaballe” commedia contestata in molte città per il messaggio politico lasciato dalla rivisitazione del personaggio di Cristoforo Colombo.  

Ma l’argomento che più mi colpì e che ricordo con piacere fu quando ci disse “Avete visto le suorine e le prostitute ? Ebbene tra esse c’è una giovane attrice molto brava della quale sentirete senz’altro parlare in futuro. Segnatevi il nome: Mariangela Melato”

 
Cosa che feci subito sulla brochure dello spettacolo che conservai gelosamente insieme a tante altre nella mia collezione.


 
PS
“Er Tramme” è un periodico trimestrale di cultura vernacola e tradizioni pisane, stampato a Pontedera presso la tipografia Bandecchi & Vivaldi. Fondato nel 1985, è diretto dall'infaticabile Benozzo Giannetti, di Ponsacco, autore di vari volumi sulle storia e le tradizioni delle Colline Pisane e della Valdera.
Il nome deriva dalla tranvia ("Er tramme", in pisano) che univa un tempo Pontedera con Pisa, attraversando l'area della Provincia di Pisa più densamente popolata e quindi più "autenticamente" pisana.
Il periodico pubblica anche libri in forma di "Quaderni der tramme" o allegati.

Tra i maggior pregi del periodico si evidenzia il fatto di essere il principale luogo di pubblicazione dei poeti vernacoli pisani.
L’abbonamento annuale per 4 numeri ha il costo esiguo di € 15,00, che include anche la strenna.

Abbonatevi! C/C postale 10395564 intestato alla Casa Editrice Bandecchi & Vivaldi di Pontedera. Info: benozzo.gianetti@virgilio.it
 
 
 
 
 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: