none_o

 

 

 

Contro la pandemia Jacinda Arden, premier della Nuova Zelanda, ha scelto la via più drastica: lockdown generale e chiusura delle frontiere. Con empatia, pragmatismo e coraggio ha fermato il covid-19, sconfitto la destra populista e vinto le elezioni. Bruno Ferraro, da Auckland, ritrae Jacinda come una leader che può dare una lezione magistrale ai politici occidentali su come gestire una crisi.

Delle idee di questa signora non mi interessa granchè. .....
. . . io non sono d'accordo.
Sono anch'io come tanti, .....
SI, CI VOLE R TEMPO per collaudare le bottiglie, .....
. . . . . . . . . . la cittadinanza e lo nominerà .....
Enews 669, di Matteo Renzi
none_a
Guidi IDV Toscana
none_a
Dl Covid: Legnaioli (Lega)
none_a
“Spazio a chi ci porta competenza”
none_a
Segreteria prov.le P.S.I. Pisa”
none_a
ASSOCIAZIONE DEGLI AMICI DI PISA
none_a
Estratto della lettera al quotidiano La Repubblica il 24/11
none_a
di Renzo Moschini, già parlamentare
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Poste Italiane comunica
none_a
di Marco Galice, insegnante
none_a
Di Alessandro Anderle-Laureato in Filosofia e laureando in Scienze Religiose. Insegno Pluralismo e dialogo fra le religioni,
none_a
San Giuliano Terme
none_a
A breve in libreria
none_a
di Lorenzo Tosa
none_a
Per effetto del DPCM del 3 novembre 2020
none_a
Quarantesimo della morte del Cav. Vittorino Benotto
none_a
Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 14 novembre
none_a
San Giuliano Terme, 8 novembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Prima strillano che va riaperto tutto, contestano l'emergenza, negano la pandemia, gridano al complotto! . . . poi, QUANDO ESPLODE LA SECONDA ONDATA, .....
Se non si capiva niente prima, come pretendere che si capisca qualcosa oggi?

Qualcuno dice che non intende usare i 40 miliardi del MES, perché in .....
di Enzo C. Delli Quadri
Sarà indigesto a molti ma, oggi, Berlusconi va ascoltato

22/11/2020 - 13:24

Sarà indigesto a molti ma, oggi, Berlusconi va ascoltato


Roma 22/02/2018. Silvio Berlusconi incontra l'ACE, Associazione Nazionale Costruttori Edili. Rome February 22nd 2018. Silvio Berlusconi meet ANCE, National Association of Builders. Foto Samantha Zucchi Insidefoto

In una lettera di questa mattina al Correre, innanzitutto, Berlusconi, contesta a Salvini la sua visione miope di piccolo borgataro, quando afferma che “Si tratta di essere consapevoli del fatto che l’Italia si trova nel mezzo di una crisi drammatica, una crisi sanitaria ed economica senza uguali almeno dal dopoguerra.

È una situazione di emergenza che riguarda il mondo intero, ma che in Italia si innesta su una serie di problemi storici, di debolezze e diseguaglianze strutturali, di contraddizioni irrisolte.”. La sua proposta di collaborare con il Governo va, ovviamente, solo nel segno di dare una mano. Per questo è pronto a votare la legge di bilancio del Governo stesso partendo, però, da una analisi tra popolazione garantita (lavoratori dipendenti, pubblici impiegati, pensionati, che comunque vanno ringraziati per il loro lavoro che, nella stragrande maggioranza, è stato o è duro e serio, sia nel pubblico che nel privato) e popolazione non garantita (lavoratori autonomi, commercianti, artigiani, professionisti, piccoli e piccolissimi imprenditori, partite Iva, lavoratori a contratto,  che, oggi, rischiano di essere abbandonati a loro  stessi): “La rabbia, il dolore, la disperazione che scorgiamo negli occhi di molti — che vedono vanificata l’attività di una vita, i sacrifici fatti, la speranza di un futuro per sé e per i propri figli — sono sentimenti che non solo condivido, ma richiedono risposte concrete e urgenti.

 Non ci possono essere due Italie, una che si salva, l’altra — quella del lavoro autonomo — che deve cavarsela da sola, oppure viene lasciata affondare. Anche perché l’una senza l’altra a lungo andare non regge”.

E fa delle proposte concrete: sospensione di tutti i pagamenti verso lo Stato per queste categorie almeno fino al 31 marzo 2021.

 E ancora …..occorre assegnare loro un indennizzo, pari ad una quota importante del reddito dichiarato nell’anno precedente, per i mesi di forzata inattività o di grave riduzione dell’attività. Una tutela simile a quella giustamente assegnata ai lavoratori dipendenti che perdono il lavoro o che sono messi in cassa integrazione.

Berlusconi sa che lo Stato non ha soldi suoi, si pone il problema di come si possa finanziare tutto questo e lo dice apertamente non nascondendosi dietro parole prive di senso come fanno diversi uomini attualmente al governo che si fanno grandi con i soldi degli altri: “Tutto si finanzia naturalmente purtroppo a debito. Purtroppo, perché lo stiamo mettendo a carico delle generazioni future. Ma è un debito «buono» non soltanto per ragioni di equità, ma soprattutto perché se non usciamo tutti insieme da questa fase drammatica il futuro potrebbe non esserci per nessuno”.

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: