none_o

 

 

 

Cronaca della prima regata dell’America’s Cup, tra un Forza Italia e un Forza Nuova Zelanda, con disappunto del nostro corrispondente sul giro di miliardi spesi in una gara in cui la vela non c’entra niente; ecco quindi, per contrasto, il riferimento al Maori e alla sua antica canoa. E poi la polemica: i monoscafi volanti sono ancora barche a vela?

Comune di Vecchiano-
#AllertaMeteoArancio #Sabato23Gennaio #AllertaMeteoTOS
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
. . . . . . . . . . . . di San Frediano vincitore .....
I M5S e le destre ci vogliono divisi.

E’ certo .....
. . . la stima verso se stessi lascia il tempo che .....
. . . devo ringraziare l'amico Beppe di T. che stamattina .....
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


. . . che restano nel porto per paura
che le correnti le trascinino via con troppa violenza.
Conosco delle barche che arrugginiscono in porto
per .....
Fra uno ( leghista ? ), che parla di mercato delle vacche di Conte, come se il centrodestra non l' avesse mai fatto, ricordate Scilipoti e altri, e .....
di Mario Lavia
Il commissariamento Renzi e Zingaretti al governo? Conte, come al solito, non sa che cosa fare

26/11/2020 - 17:10

Il commissariamento - Renzi e Zingaretti al governo? Conte, come al solito, non sa che cosa fare

Il presidente del Consiglio potrebbe dare slancio al suo fiacco esecutivo con tutti i segretari di partito come ministri. Oppure asserragliarsi nel bunker confidando su Di Maio

Luigi Di Maio e Roberto Speranza ci sono già.

Ora bisogna fare posto agli altri due leader di partito, Matteo Renzi e Nicola Zingaretti (o il suo vice Andrea Orlando).

Lo schema della non crisi di gennaio – non si aprirebbe cioè una crisi formale – prevede quello che Goffredo Bettini declina così: «L’esigenza di impegnare in questo esecutivo le energie migliori e le massime responsabilità dei partiti della maggioranza». Il che assomiglia moltissimo alla richiesta, che pare una previsione, che ha fatto Matteo Renzi, «alla fine della legge di bilancio servirà una squadra più forte», e non c’è dubbio, per chi conosca il suo ego, che l’ex presidente del Consiglio pensi per questo a un proprio ingresso nell’esecutivo. D’altra parte se n’è discusso apertamente nella riunione della cabina di regia di Italia Viva di martedì dove i renziani, fatti i conti sulla rappresentatività parlamentare, hanno concluso di aver diritto a un dicastero in più: appunto, per Matteo Renzi.
Bettini, che al Fatto ha ribadito per l’ennesima volta di non essere il consigliere del segretario del Pd, cerca da giorni di convincere quest’ultimo a entrare nel governo come vicepresidente del Consiglio, solo che Zingaretti non se la sente di lasciare la Regione Lazio né la poltrona del Nazareno, e dunque la subordinata prevede l’ingresso di Andrea Orlando come ministro della Giustizia.
L’eventuale arrivo di Renzi e Zingaretti (o Orlando), magari condito da quello di due-tre tecnici di indiscusso valore, avrebbe per Bettini la funzione di un cocktail di vitamine indispensabile per dare un po’ di forza a un governo sempre più in affanno e che mostra evidenti segni di stanchezza: la grande performance di Giuseppe Conte a Ottoemezzo (definizione di Lilli Gruber, volata oltre il 10% di share) ha mostrato agli italiani un presidente del Consiglio, come dice Pierluigi Castagnetti, che non aveva nulla da dire; che comincia a usare sempre più frequentemente il disco del «sono stato frainteso» – sui ritardi del piano per il NextGenerationEu – come faceva il Berlusconi dei bei tempi; che evoca le elezioni presentando il ridisegno dei collegi, come ha notato Francesco Verderami sul Corriere della Sera; mentre, e questo è Stefano Folli su Repubblica, «le fratture quotidiane nella maggioranza assomigliano a un baco corrosivo la cui spiegazione è abbastanza chiara: la mancanza di leadership». Siamo arrivati al punto che fonti di palazzo Chigi si incaricano di smentire le voci su un raffreddore del presidente del Consiglio, nemmeno fosse quel Cernenko di cui la Pravda assicurava piena salute.
E mentre sulla scrivania di Conte si vanno ingarbugliando troppi dossier, a cominciare dalle scelte su chi dirigerà effettivamente la partita del NextGenerationEu il suo dilemma è abbastanza semplice: stringere un patto più solido con Renzi e il Pd o al contrario asserragliarsi nel bunker confidando sulla bonomia politica di Zingaretti e il sostegno di Di Maio? È un bivio che spaventa il presidente del Consiglio. Perché, debole com’è, ha il terrore di venire imbrigliato dai quattro segretari di partito.

Oppure potrebbe soddisfare/incastrare tutti per esempio offrendo la Farnesina a Renzi e piazzando Di Maio e Zingaretti nei ruoli di vicepremier, ottenendo in cambio la non apertura della crisi e anzi un solenne impegno ad arrivare alla fine della legislatura.

Si tratterebbe insomma di dar vita a un sostanziale ma non formale Conte ter. Gennaio non è tanto lontano e per l’avvocato si avvicina dunque l’ora delle scelte perché non è più in grado, vista la pressione dei partiti, di usare la sua arma preferita: il rinvio.





+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




27/11/2020 - 8:50

AUTORE:
Bruno della Baldinacca (alias Bruno Baglini)

...sarebbe che; Luigino Di Maio quando era capo politico accettò di buon grado di fare un governo con "il partito di Bibbiano" per... per non tornare a vendere le bibite allo stadio si fa questo ed altro e "altro" ora sarebbe dover cedere la Farnesina a colui che nell'accordo di governo giallo/rosso non doveva ne fare il ministro e ne essere capodelegazione di Italia Viva.
Insomma Luigino vedeva il senatore Matteo Renzi come il "babao" ed invece la settimana scorsa il PdC chiacchierando con il capodelegazione Renzi di IV gli disse: ma te....! ci sei già stato a lavorare qui a Palazzo Chigi vero?
Eh si! se va a compimento "la cosa" metterò la foto sul desktop pc per parecchi giorni dove ritrae la stretta di mano fra Luigino e Matteo che prende la chiave della Farnesina.
Destino infame dirà l'ex bibitaro, di tanti ministeri che ci sono, proprio il mio deve cedere?
Stai buono un gocciolino Luigino se ciò avvenisse si recupera il ghep delle tue 41 cassette di aranci vendute alla Cina di Xi Jinping a fronte dei 41 miliardi di scambi commerciali che Xi Jinping firmò il giorno dopo con la Francia di Macron e la nostra Italia tutta, te compreso ne guadagnerà.

Mai mettere limiti alla divina provvidenza! cit. Giancarlo Pajetta, anno 1963, Piazza San Paolo All'Orto alle nove e mezzo dopocena.