none_o


Nel cervello di ognuno di noi si trovano alcune decine di miliardi di neuroni, piccole cellule nervose che ci permettono di ragionare, ricordare, piangere, ridere e amare; microscopici elementi responsabili dei nostri ricordi, dei nostri ragionamenti e delle nostre emozioni.Nei neonati e nei bambini il cervello è un organo straordinario in perenne attività con nuovi neuroni che continuano a formarsi con grande intensità e a formare fra di loro reti di interscambio di informazioni.

. . la conta dei giornali stranieri che hanno criticato .....
Dopo mesi di zona rossa la decisione e l’inizio dei .....
. . . Art 1 non lasciò la maggioranza, dette l' appoggio .....
. . . che lasciò il PD, quando al Governo c'era .....
di Claudio Robbiani
none_a
di Gianfranco Polillo
none_a
di Franco Bechis - Il Tempo.it
none_a
L’appello al Governo
none_a
Lavoro, Acli Toscana
none_a
Ok da Renzi Il piano prevede spese e investimenti fino a 310
none_a
di Andrea Viola-Avvocato e consigliere comunale, Italia Viva
none_a
Comunicato lista n°1 ASBUC Vecchiano-Nodica-Avane-Filettole
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Natale 2020

Un angelico coro sopra la capanna
l'amore sviscerato della mamma
il calore del bue e dell'asinello
il vagito del dolce Bambinello
le .....
25 PERSONE SOTTO L'OMBRELLO AD ASPETTARE IL SERVIZIO CHE NON ARRIVA MAI, A METATO C'ERA UNA DIRETTRICE VALIDA CHE FACEVA GIRARE TUTTO BENE L'HANNO TOLTA. .....
Lutto nel giornalismo
È morto Giuseppe Turani, il giornalista economico aveva 79 anni

7/1/2021 - 22:22


È morto Giuseppe Turani, il giornalista economico aveva 79 anni

 Si è spento a 79 anni il giornalista Giuseppe Turani. Peppino per gli amici, pioniere del giornalismo economico italiano, Turani è morto nella notte fra il 6 e 7 gennaio per una complicanza post operatoria all’ospedale di Stradella, in provincia di Pavia. A darne notizia i familiari: il funerale si svolgerà in forma privata.

Si è spento all’età di 79 anni il giornalista Giuseppe Turani. Peppino per gli amici, pioniere del giornalismo economico italiano, noto anche per il libro "Razza padrona. Storia della borghesia di stato", scritto con Eugenio Scalfari (Feltrinelli, 1974), Turani è morto nella notte fra il 6 e 7 gennaio per una complicanza post operatoria all'ospedale di Stradella, in provincia di Pavia. A darne notizia i familiari. Il funerale si svolgerà in forma privata.

 Nato a Voghera (Pavia) il 29 aprile 1941 e laureato in economia alla Facoltà di economia e commercio dell'Università Bocconi a Milano, attualmente Turani dirigeva la rivista mensile "Uomini&Business". Per lungo tempo tra i maggiori esperti di problemi economici, è stato collaboratore di vari quotidiani ("La Repubblica", "Corriere della sera") e periodici ("L'Espresso", "Il Mondo", "L'Europeo"). Ha inoltre accompagnato l'attività giornalistica a una vasta opera di divulgazione con oltre una trentina di libri, tra cui alcuni bestseller. Si ricordano titoli come "Montedison il grande saccheggio" (Mondadori, 1977), "Padroni senza cuore" (Rizzoli, 1980), "I signori della Borsa" (Editoriale l'Espresso, 1984), "L'Avvocato. 1966-1985, il capitalismo italiano tra rinuncia e ripresa" (Sperling & Kupfer, 1985), "Come si gioca in borsa" (Sperling & Kupfer, 1986), "Briganti e gentiluomini della finanza italiana" (Sperling & Kupfer, 1987), "L'Ingegnere" (Sperling & Kupfer, 1988), "Mondadori: la grande sfida" (con Delfina Rattazzi, Rizzoli, 1990), "Raul Gardini" (con Delfina Rattazzi, Rizzoli, 1990), "I soldi degli altri" (Sperling & Kupfer, 1991), "Le ragioni di una svolta" (con Giorgio La Malfa, Sperling & Kupfer), "I saccheggiatori" (con Cinzia Sasso, Sperling & Kupfer, 1992), "Perché abbiamo il peggior capitalismo del mondo. Dal miracolo degli anni '50 e '60 alla vicenda Parmalat" (Sperling & Kupfer, 2004), "La nuova razza padrona" (Sperling & Kupfer, 2004), "Viva il capitalismo (Sperling & Kupfer, 2009).

 
Nel 1970 Turani entra nella redazione del settimanale "L'Espresso", occupandosi della sezione Economia e Finanza e diventandone caposervizio e poi vicedirettore, firmando alcune importanti inchieste sui grandi protagonisti del capitalismo privato italiano e sul malfunzionamento delle Partecipazioni statali. Nel 1976 passa a Repubblica chiamato da Scalfari, dove è responsabile della sezione economica e nello stesso periodo cura le pubblicazioni della casa editrice Edizioni di Comunità. Negli anni '80 diventa curatore e editorialista di alcuni programmi della Rai dedicati a temi economici e finanziari. Poi ancora assume la guida della redazione di Milano de "La Repubblica". A fine 1989 lascia "La Repubblica" e dal 1990 al 1992 è editorialista del "Corriere della Sera", del mensile "Capital" e dei settimanali "L'Europeo" e "Il Mondo". Nel 1993 torna a scrivere come opinionista ed editorialista de "La Repubblica", riprendendo la direzione del settimanale "Affari & Finanza". Nel 1994 è coinvolto nel cosiddette ‘Penne Pulite', con l'accusa di essere stato pagato dal gruppo Ferruzzi e dalla finanziaria milanese Ifm: il procedimento penale per tutte le accuse contro di lui viene archiviato l'anno seguente con la motivazione che l'accusa infondata fosse basata su dichiarazioni "del tutto generiche e prive di ogni riscontro". Tornato a dirigere dal 2001 al 2007 "Affari & Finanza", termina la collaboratore con "La Repubblica" nel 2011 e si cimenta con l'ultima avventura della direzione della rivista economica "Uomini & Business".

 

Fonte: Susanna Picone-Fampage
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




8/1/2021 - 8:10

AUTORE:
Marcella Bordigoni

Oggi è morto Giuseppe Turani, un giornalista tra quei pochi su cui oggi si poteva ancora contare.
Nella sua lunga carriera è stato giornalista del Corriere, di Repubblica, dell'Espresso e di altre importanti testate, oggi se ne va improvvisamente a 79 anni. Dopo un improvviso malore nella sua abitazione, ieri è stato immediatamente ricoverato in ospedale, ma non ce l'ha fatta, oggi se n'è andato lasciando un vuoto incolmabile nella triste rassegna stampa del nostro paese.
Non posso credere a questa notizia, perché oltre ad averlo apprezzato in tanti anni della sua carriera giornalistica, quando esisteva la logica distanza tra chi scrive e i suoi lettori, averlo come amico su facebook in questi ultimi anni, è stato per me un onore, così come vedere i suoi apprezzamenti per ciò che scrivevo o le condivisioni dei miei post di cui mi stupivo sempre, sentendomi ovviamente sempre inadatta al suo confronto. Un addio a Giuseppe Turani, il mio è un addio doloroso per il vuoto che sarà difficile da colmare, e perché ormai lo consideravo un amico...