none_o

 


Lunedì 8 marzo, sulla pagina facebook di Molina mon amour, è possibile seguire un ricordo di Agitu Ideo Gudeta, una donna dal carattere forte e capace di grandi progetti. La principessa delle capre felici, una storia di Ovidio Della Croce, arricchita dalle illustrazioni di Daniela Sandoni e dalla voce di Daniela Bertini. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio del Comune di San Giuliano Terme.

. . . c'è solo un assonanza: i nomi cominciano per .....
. . . . . . . . . . . è breve . . . . . . . dalla .....
La sostituzione di Arcuri è un punto irrevocabile .....
per affrontare dei confronti sul forum, allora meglio .....
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Rosanna Betti
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


le conchiglie dei ricordi,
affiorano
sciacquate dal battito
sulla pelle riemersa,
dove sale e libeccio s'incontrano.
Dune ed ombra
s'aggrovigliano .....
Fra uno ( leghista ? ), che parla di mercato delle vacche di Conte, come se il centrodestra non l' avesse mai fatto, ricordate Scilipoti e altri, e .....
none_o
Vela o non vela?
Bruno Ferraro,
Ovidio Della Croce

17/1/2021 - 11:41

FINALMENTE DOMENICA!
 
Cronaca della prima regata dell’America’s Cup, tra un Forza Italia e un Forza Nuova Zelanda, con disappunto del nostro corrispondente sul giro di miliardi spesi in una gara in cui la vela non c’entra niente; ecco quindi, per contrasto, il riferimento al Maori e alla sua antica canoa. E poi la polemica: i monoscafi volanti sono ancora barche a vela?
 
Vela
Bruno Ferraro
 
AUCKLAND, 17 dicembre 2020
 
Takapuna Beach era affollata; molti spettatori sventolavano la bandiera della Nuova Zelanda. Vi ero arrivato in autobus perché prevedevo tanta folla per la prima regata dell’America’s Cup; sarebbe stato impossibile trovare parcheggio vicino al campo di regata A: tanto valeva prendere l’autobus e fare un chilometro a piedi per arrivare alla spiaggia. Già pregustavo un posto all’ombra di un “pohutukawa” che quest’anno, al contrario della solita fioritura natalizia, già inondava la spiaggia dei suoi colori rosso vermiglio. Lo avevo interpretato come un segno di buon augurio per Luna Rossa.
 
Dalla mia posizione di osservazione avevo la possibilità di inquadrare nella distanza “Rangitoto”, il vulcano che non fa le bizze da oltre settecento anni, ma che se lo facesse, cancellerebbe dalla superficie della terra la città di Auckland dove abito da più di trenta anni e mi dispiacerebbe assai di perderla. “Rangitoto”, in Maori, significa “cielo rosso come il sangue”; il cielo rosso, altro segnale di buon augurio per Luna Rossa.
 
Attorno a me la gente mostrava la loro trepidazione ed eccitazione scambiando frasi di quotidiano interesse: c’era chi parlava degli ultimissimi vaccini contro il famigerato Covid, altri pensavano alla spesa al supermercato prima del Natale e altri ancora alle ferie che avrebbero passato in luoghi lontani dalla grande città. Ho sempre amato ascoltare frammenti di commenti e poi riviverli e riempire gli spazi, frase che mi riportò alla mente un racconto dell’amico Antonio Tabucchi. Frastornato dal vocio, dal da farsi di chi mi era accanto per cogliere la partenza della regata, me l’ero persa; francamente non me la presi: avevo organizzato di registrarla e così avrei anche apprezzato gli elaborati grafici che TVNZ 1 aveva promesso ai telespettatori.
 
“Team NZ” indubbiamente stava vincendo, ma proprio mentre il coro degli spettatori neozelandesi si faceva più accaldato, mi giunse da molto dietro a dove ero seduto un “Forza Italia” che mi lasciò molto perplesso. Chi era? Non mi voltai e anche se lo avessi fatto, sicuramente non avrei potuto individuare chi lo aveva pronunciato; ma perché proprio “Forza Italia”? Che cosa c’entrava in una regata in cui “Prada” e “Pirelli” rappresentavano la società dei consumi italiana? Lo sport della vela era oramai alla mercé di chi aveva più soldi e disponeva di tecnologia avanzata.
 
Erano tutti in piedi, anche l’enorme Maori che stava davanti a me, anche lui gridava “Go kiwi, go”; lui, i cui antenati erano giunti su quest’isola a forza di colpi di pagaia sulla loro waka. E così mi ero perso anche l’arrivo. Mi alzai per tornare alla fermata dell’autobus prima della ressa e per evitare i commenti trionfanti dei miei concittadini.
 
Strada facendo, ripensai a quelle parole, “Forza Italia”; erano anni che non le sentivo pronunciare e il pensiero tornò a Pisa, al marzo 1995, alla prima mondiale di Sostiene Pereira tratto dall’omonimo romanzo di Antonio Tabucchi; a cena con l’amico Remo Bodei ed altri pisani uno di essi aveva esclamato: “Questo marzo ‘95 scaccia quello dell’anno scorso.” Purtroppo al 1995 seguì il 1996 e allora ricordai le parole di cui avevo fatto partecipi i miei studenti nel corso che facevo sulla società italiana; sono le parole di Karl Marx da Il 18 brumaio dove, correggendo un pensiero di Hegel, scrisse: “I fenomeni storici accadono sempre due volte: la prima come tragedia, la seconda come farsa.”
 
Ricordo che avevo posto come quesito agli studenti di trovare un aggettivo per descrivere la situazione nel caso “i fenomeni” si fossero ripresentati per una terza volta. Sono andato in pensione prima che tale situazione si avverasse ma, forse, chi in spiaggia ha pronunciato quelle parole, non aveva letto Marx. Tornato a casa, non me la sentivo di rivedere la regata: tanto il risultato lo conoscevo già. Cercai su Youtube la versione di “O luna rossa” con l’Orchestra italiana di Renzo Arbore accompagnato da Eddy Napoli e Francesca Lo Schiavo; erede dell’amore che mio padre (natio di Capri, anzi di Anacapri - ci teneva a precisare) mi aveva trasmesso per il napoletano, m’immersi nelle note di quella canzone: il tema non aveva nulla a che fare con la vela, ma tanto con l’Italia che conoscevo.
 

Ma è vela?
Ovidio Della Croce
 
Dopo aver letto il racconto del nostro Bruno Ferraro ho sentito il bisogno di allontanarmi dal piccolo cabotaggio e dalla navigazione corsara nei mari della politica italiana. Mi sono incuriosito alla trentaseiesima edizione dell’America’s Cup, il più antico trofeo del mondo nella storia dello sport (compie 170 anni) iniziato a dicembre a largo di Auckland, nelle acque del Golfo di Hauraki. Ho cercato su internet qualche informazione, ho visto alcuni video molto coinvolgenti e ho scoperto che a dettare le regole della competizione sono i campioni in carica. I neozelandesi, per trarre più vantaggi possibili dalla loro posizione, hanno spinto in direzione della massima innovazione al punto che le barche iper-tecnologiche possono essere definite rivoluzionarie.
 
La scoperta per me più sorprendente è stata quando ho visto che, a differenza del passato in cui gli equipaggi gareggiavano con dei catamarani, nell’America’s Cup 2021 le quattro squadre coinvolte solcano il mare con dei monoscafi ad alta prestazione. La vera sorpresa è che sono monoscafi volanti. Lunghe quasi ventitre metri e larghe cinque le imbarcazioni che rigano appena le acque durante la regata sono dotate di due appendici che permettono di staccare la carena dal mare per non sentire più gli sbattimenti delle onde e i freni del movimento dell’acqua. A un certo punto, dai lati della barca, spuntano le ali (le cosiddette foils), che permettono al monoscafo di alzarsi in volo, così le carene guizzano in aria rimanendo come sospese sopra le onde. Le barche mantengono l’equilibrio sulle due ali mobili ai lati della carena, comandate da una sofisticata cabina elettronica digitale e movimentate a energia idraulica. Per controllarne l’uso occorre non solo un fisico allenato, intuito ed esperienza, ma anche delle buone capacità tecniche e di controllo dell’intelligenza artificiale.
 
Si creano diverse classi di barche foilanti, quelle della Coppa America sono capaci di raggiungere e gestire in regata i cinquanta nodi in regime di poppa, oltre novantadue chilometri orari. Come rileva Bruno Ferraro, gli sponsor hanno investito budget ingenti (oltre cento milioni di euro per team) sicuri del grande spettacolo delle dirette Tv che mandano letteralmente in visibilio il grande pubblico. Collegamenti istantanei per costruire un reality della vela tra riprese di foiling, che fa volteggiare le barche sull’acqua, sentire gli ordini perentori delle tolde di comando, vedere all’opera l’equipaggio formato per regolamento di questa edizione da undici persone (cinque disposte sul lato destro, sei sul sinistro) e con il limite di 990 chili attrezzature comprese, inquadrare il formidabile Skipper Max Sirena alla guida di Luna Rossa, captare il sibilo del vento e il fruscio dell’acqua.
 
La polemica non è nuova e il popolo velista è diviso. Dal momento in cui sono state progettate le ali in carbonio molti sostengono che la vela non c’entra più niente, la considerano una sorta di profanazione più simile a un idrovolante che a una barca a vela, ciò snatura l’essenza della competizione sportiva così tanto da far rimpiangere le waka, le antiche canoe Maori che erano tutt’uno con il mare. Molti altri invece approvano la metamorfosi considerandola adeguata allo sviluppo tecnologico, la barca sollevata sulla superficie dell’acqua con solo l’attrito del foil è frutto di un’evoluzione del navigare a vela che permette di acquisire velocità.
 
Resta il fatto che queste imbarcazioni sono molto sofisticate e finiscono per diventare elitarie più che in passato.  Luna Rossa, per esempio, è stata tre anni al Molo Ichnusa di Cagliari per un meticoloso lavoro collettivo di ingegneria e calcoli che combina la precisione del lavoro artrigianale dei velai con i complessi sistemi idraulici ed elettronici installati nello scafo in carbonio. Sono talmente esclusive che, in gara per disputarsi il posto di chi sfiderà i campioni in carica neozelandesi, il Defender Emirates Team New Zealand (dal 6 marzo 2021), sono solo tre: quella statunitense del New York Yacht Club, data per favorita, Luna Rossa Prada Pirelli, e l’Ineos Team United Kingdom del Royal Yacht Squadron.
Buon vento e... Forza Italia!
 

Fonte: Foto: Bruno Ferrao, Takapuna
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

18/1/2021 - 11:58

AUTORE:
Giuseppe

Mi sarebbe sempre piaciuto imparare ad andare a vela, ma non lo ho mai fatto né penso lo farò mai, ma.... Dovrebbe essere bellissimo. Certo una gara di questo tipo è un'altra cosa. È ancora vela o no... Le navi egiziane non avevano chiglia e usavano due o più grossi remi laterali come timoni. I Fenici introdussero la chiglia e per timone bastarono due remi a poppa. Nel medioevo i timoni si perfezionarono ancora e si introdusse la vela latina che permetteva di risalire il vento. Non era più andare a vela per i nostalgici di quelle greche... Chissà... Le innovazioni ci sono sempre state. Tante innovazioni della formula uno oggi stanno sulle nostre auto e le rendono più veloci, più comode e più sicure... Penso che dalle gare di vela passeranno passeranno alle barche normali. Non vi vedo nulla di scandaloso. Se voglio andare con la barchetta a vela o con la vecchia bici senza freni a disco nessuno me lo vieta. Però sai che io sono appassionato di fantascienza quindi non faccio testo, per me l'innovazione ben venga sempre... Questo non significa che non resto incantato guardando una vecchia barca o una antica automobile... Ho la vecchia Guzzi allodola di mio zio, posso farci un giro, mi piace anche ma per spostarmi preferisco viaggiare con un mezzo nuovo, moderno e più sicuro. Ben venga l'innovazione per fare viaggi e per lavoro, se poi voglio divertirmi posso andare al kartodromo o affittare una barca a vela piccola e mi diverto. Sempre interessanti i tuoi articoli. Ciao.

17/1/2021 - 16:40

AUTORE:
Luigi M

Bella domanda, quella di Ovidio: "ma è vela?".
E' un po' come chiedersi che rapporto c'è fra la macchina con cui si va in ufficio e una di Formula 1: entrambe hanno quattro ruote e un motore, per il resto le similitudini finiscono lì… Ma comunque direi che una macchina di Formula 1 è pur sempre un’automobile.
Anche in questo caso mi viene da dire che se si tratta di un mezzo che vola a pelo d’acqua spinto solo dalla forza del vento, si tratta comunque di vela.
Quello che mi lascia perplesso è invece il predominio dell’elettronica e dell’intelligenza artificiale. “Ai miei tempi” di elettronica ce n’era poca, e ci si basava molto sulla sensazione del vento sulla faccia.
Ma non voglio fare il nostalgico, anche perché nessuno mi impedisce di andare in barca basandomi solo sulle mie sensazioni.
E’ normale che in tutte le manifestazioni sportive, quelle “al top” applichino tecnologie che noi comuni mortali non ci sogniamo nemmeno, di cui poi qualcosa filtra nell’uso comune.
E concludo che mi divertirebbe anche, andare su un mezzo che vola a cinquanta nodi con la sola forza del vento, con solo un pattino che a mala pena sfiora l’acqua……