none_o


Con questo articolo termina, dopo un percorso durato più di un anno, l'analisi che Franco Gabbani ha fatto su un duplice piano, la storia della Famiglia Salviati, e di Scipione in particolare, e sinteticamente il contesto sociale e gli avvenimenti succedutesi nel corso del 1800 nel territorio di Vecchiano, come anche in Toscana, in Italia e in Europa.Anche in questa conclusione viene trattato un tema di primaria importanza, quello dell'istruzione nel 1800. 

. . . tempo fa ti esprimevi come uno di destra ed ora .....
Il PD a queste condizioni non può esistere Mazzeo .....
Per quanto mi riguarda per "sinistra" io intendo le .....
“Soumahoro? Fratoianni sapeva tutto”. Da Sinistra .....


  Conversazione tra due amiche

Intervista di Paola Magli. 


Un nuovo trasloco. La poesia, l’autunno caldo


Ana Lins dos Guimarães Peixoto Bretas, poeta che fu conosciuta come Cora Coralina


A noi donne, per non essere più vittime.

di Silvia Cerretelli
Galletti e Noferi (m5s)
none_a
Vecchiano e le sue nuove mezze commissioni consiliari
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Intervista di Giancarlo Bosetti (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
PD San Giuliano Terme
none_a
Io, Medico
none_a
di Ezio Di Nisitte
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Quel suo viso
L'altra faccia della luna
La mia vita, la mia voce
Quella luce, a primavera
Come un vento caldo su di me
Sono creta, sotto le sue mani
Lei .....
Buongiorno,

queste mie parole sono per evidenziare il menefreghismo di un ente del Comune di San Giuliano Terme che ad oggi non mi ha risposto ad .....
Di Dario D'Angelo
Draghi indignato: la risposta a Conte è un manifesto politico

23/7/2021 - 23:57


Draghi indignato: la risposta a Conte è un manifesto politico

“Nessuno vuole sacche di impunità, intendiamoci. Nessuno vuole stabilire soglie di impunità. Va bene?

Quindi, il processo rapido e tutti i colpevoli puniti. Nessuno è a favore dell’uso della dilazione dei tempi di queste prescrizioni come c’erano anni fa, per cui tutti andavano….no, no, no…non è questo l’intento di questo governo. Giusto per mettere in chiaro dove, da che parte stiamo, ecco”.
E’ bene riportarla così, per intero, anche un po’ confusa, per una volta non limpidissima nella sua forma, la risposta che Mario Draghi riserva al giornalista del Corriere della Sera che gli chiede cosa ne pensi delle esternazioni di Giuseppe Conte, quando il leader M5s dice che sarà “vigile per evitare sacche di impunità”.
Nelle parole di Mario Draghi c’è il suo manifesto politico e umano: quello di una persona seria, onesta, che ne ha già abbastanza del fango che qualcuno, soprattutto in questi giorni, ha cercato di scaricargli addosso con il pretesto della riforma della Giustizia. L’hanno chiamata riforma Salvaladri, dimenticando che a partorire il testo – su cui verrà posta la fiducia, come anticipato da questo blog – è una signora di nome Marta Cartabia, una donna che secondo Il Fatto Quotidiano (prima pagina di oggi) “non distingue un tribunale da un phon e dice bestialità“, ma che è destinataria della fiducia di un altro pilastro della Repubblica: Sergio Mattarella. A chi scrive, questo basta e avanza.
Per questo Draghi si indigna, replica a tono, perchè sia chiaro a tutti con chi si sta parlando. Perché non passi l’idea che qualcuno debba vigilare sulla correttezza dei suoi atti. Che lui, l’uomo che ha salvato l’Euro, l’Europa e l’Italia, abbia ora deciso di spendere la sua credibilità personale per fare da scudo a colletti bianchi e mafiosi, come suggerisce qualcuno che non ha ancora digerito il cambio d’epoca, di stile e di sostanza a Palazzo Chigi.
E’ forse la replica più piccata dall’insediamento del governo. E attenzione: non c’è dualismo con Giuseppe Conte. No, non scherziamo, non può neanche esserci confronto tra i due. E’ che non è mai bene sfidare l’ira dei miti con tranelli e sgarbi, sotterfugi e provocazioni. Perché prima o poi succede che i miti rispondano: e lo facciano anche piuttosto bene. Nonostante la forma. Non scorrevolissima, ma pragmatica. Oh sì, alla Draghi.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

25/7/2021 - 8:22

AUTORE:
Uno Controcorrente

...non fa una Cartabia, cosi come un Conte non fa un Draghi, Cingolani fa 100 Prestigiacomo-Orlando ed il generale bocciato da Draghi così come era bocciato il pierreerre scritto e non letto da Gualtieri....
...poi senza farla troppo lunga firmerò il referendum proposto dal partito radicale per dire basta alla guerra trentennale fatta dal terzo potere dello Stato che ha rovinato e/o cerca dii rovinare i migliori figli della nostra Patria
amen.

24/7/2021 - 23:21

AUTORE:
vecchianese di s. Frediano

...che a lamentarsi della riforma Cartabia non c'è solo il Fatto o altri. E' insorto tutto il mondo della giustizia italiana: PM, giudici e avvocati. Per non parlare di Gratteri, procuratore a Catanzaro, e de Raho, procuratore generale antimafia. Le sembra poco ? E guardi che il presidente Mattarella ha fiducia in tutti i ministri che ha nominato, non solo nella Cartabia, ma questo non può essere il lasciapassare per chiunque. Perbacco !!