none_o

Come si fa a non voler lottare per la propria vita? È una domanda che si pongono gli stessi medici curanti negli ospedali di come si possa rischiare e affrontare la morte per un assurdo rispetto di un principio, di una propria e malsana idea.

Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
Nell’ultima settimana, mentre alcuni giornali scrivevano .....
Uno dei problemi più seri di molti personaggi del .....
Colpa mia ehhh; mi sfugge il nesso che lega i 300 .....
1. Se leggi i bollettini ufficiali delle ASL il triste .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

Di Matteo Cannella
none_a
La bellezza è negli occhi di chi guarda
di Luigi Polito e Sandro Petri
none_a
bit.ly/segre2020-"Il mare nero dell'indifferenza",
none_a
di
Bruno Pollacci
none_a
Elezioni del PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
none_a
Alberto Zangrillo - covid
none_a
Circolo Arci Vasca Azzurra Nodica
none_a
Comelico Superiore, Veneto
none_a
"Che tempo che fa"
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Accade a volte
che in sere con orli d'autunno
il ricordo sovvenga di quando
sul finire di scale e cortili
cosparsi nel vento
folle divenni,
senz'altro .....
Con grande dispiacere e soltanto casualmente in questi giorni sono venuta a conoscenza della morte del Dottor Assanta. Ritengo sia stato un esempio di .....
di Renzo Moschini
AMBIENTE NAZIONALE E LOCALE DOPO IL VOTO

6/10/2021 - 17:22

AMBIENTE NAZIONALE E LOCALE DOPO IL VOTO


Uno degli effetti del recente voto è destinato a incidere in particolare sulle politiche ambientali sia nazionali che locali, di cui sarà bene tener conto.
Al voto si è giunti – come molti hanno ricordato e sarà bene ricordare - dopo scelte e decisioni sempre più centralizzate che hanno via – via ridimensionato il ruolo e le competenze locali penalizzando comuni, province e spesso anche le regioni.
Chi ne ha pagato il maggior costo elettorale ha ammesso di non essere riuscito a trovare candidati adeguatamente conosciuti e competenti per essere votati.
Questa esigenza non viene meno dopo il voto
Perché ora dovremo riuscire a dare un seguito alla ultime iniziative internazionali,  nazionali  e anche locali e non sarà sopportato solo un blablaba.
A Pisa e in Toscana, dove anche gli errori non sono stati pochi neppure sulle politiche ecosostenibili e di tutela a partire dai parchi e aree protette, sarà bene cambiare musica e alla svelta.
Per essere più  chiari: è l’ambiente con le sue politiche che deve tornare ad avere la centralità che ha perduto.
Renzo Moschini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

6/10/2021 - 21:38

AUTORE:
Renzo Moschini

....anche l’ambiente?
La domanda è legittima perché l’ambiente è stato cancellato, per legge, anche dall’insegna del Ministero e dai suoi uffici. Non si trova alcun riferimento a parchi e aree protette sui cui territori si pensa di poter fare i propri comodi anche in barba alla legge, come pretendevano quegli speculatori che già in passato hanno fatto più danni della grandine.
Parto da qui perché la Legge quadro sui parchi approvata nel dicembre del 1991 fu considerata una svolta nazionale e non solo. Legge alla quale dedicai un libro uscito nell’aprile del 1992 che fu molto apprezzato, anche perché subito dopo iniziarono anche in parlamento tentativi di azzopparla tagliando fuori le Regioni e gli Enti Locali per ricondurre tutto allo Stato.
Anche in questo Cingolani sembra non intenda cambiar musica, come confermano iniziative in corso a sostegno dell’eolico che prevedono attenzioni ed interventi dedicati unicamente a questo, dimenticando e ignorando che l’Italia, ad esempio, ha una popolazione inferiore del 20% a quella della Francia ma un’estensione territoriale che è pari alla metà della nazione transalpina. In questi giorni ho visto che a Benevento stanno cercando di respingere un progetto di pale eoliche invasivo e dannoso.
Ecco perché, specie dopo le elezioni di domenica, occorre rilanciare una politica ambientale degna di tale nome.
Renzo Moschini