none_o

L’impoverimento del linguaggio e l’incapacità di descrivere le proprie emozioni è una delle principali cause dell’aumento di violenza nella sfera pubblica e privata ma anche responsabile di una accertata riduzione della nostra intelligenza.

A tutti coloro che, con a mio parere una buona dose .....
Il mondo va avanti e le genti pure, nel bene e nel .....
. . . . . . . . . . . un t'è bastata la lezione a .....
. . . nel 2029 il PdR debba esser eletto direttamente .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Spazio Donna.
Perché la memoria non sia persa.
none_a
Dal web
none_a
Franca
none_a
San Giuliano Terme, 20 febbraio
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Elezioni del PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
none_a
Alberto Zangrillo - covid
none_a
Circolo Arci Vasca Azzurra Nodica
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Accade a volte
che in sere con orli d'autunno
il ricordo sovvenga di quando
sul finire di scale e cortili
cosparsi nel vento
folle divenni,
senz'altro .....
Con grande dispiacere e soltanto casualmente in questi giorni sono venuta a conoscenza della morte del Dottor Assanta. Ritengo sia stato un esempio di .....
di Giovanni Maffei Cardellini
Il ruolo dei Parchi fra biodiversità e governo del territorio

27/11/2021 - 20:21

Il ruolo dei Parchi fra biodiversità e governo del territorio
 
Due recenti notizie propongono una riflessione sul tema dei parchi e delle aree protette. La prima è l’eradicazione dei mufloni dall’isola del Giglio, a cura del Parco nazionale dell’arcipelago toscano, realizzata con fondi pubblici (comunitari).

In questi ultimi anni ai Parchi è stato affidato il compito principale di difendere la biodiversità. Nel caso dell’eliminazione dei mufloni si dimostra come quello della biodiversità non sia un concetto univoco, ma piuttosto legato alle idee della disciplina prevalente di chi stabilisce quale sia la biodiversità da tutelare in uno specifico luogo. Un tavolo squilibrato al quale, componenti fondamentali come gli animali (in questo caso i mufloni) o le piante, non si siedono e non sempre sono rappresentati nel confronto che deve portare all’accordo che definisce le specifiche necessità biologiche e i comportamenti delle varie specie viventi.

Anche se in un modo irrituale, che non deve portare allo scontro di chi è dalla stessa parte, non ha sbagliato il presidente del Parco di Migliarino San Rossore a sollevare il problema, che incontra sensibilità diffuse che hanno bisogno di trovare risposte non solo tecniche o scientifiche.

I parchi dunque dovrebbero servire a qualcosa di più che alla conservazione della biodiversità o alla organizzazione di passeggiate. Un’idea diversa dei parchi forse non avrebbe permesso la seconda notizia. Sono stati venduti dalla Provincia di Grosseto 950 ettari della Diaccia Botrona, forse la più importante area umida della Toscana, dei quali 200 fanno parte della riserva naturale regionale, il resto della zona contigua Palude aperto.

Può darsi che questa privatizzazione non comprometta la conservazione dei luoghi, ma sicuramente è un segnale negativo. Ci dice che nella costa, dove si collocano i principali parchi e aree protette regionali (Arcipelago toscano, Migliarino San Rossore, Maremma, Apuane, numerose riserve regionali e provinciali) non si riesce a fare sistema e dare loro un effettivo peso strategico, trasformandoli in laboratori avanzati di governo di un territorio capace di rispondere e adattarsi alle modifiche climatiche. Solo i parchi con la loro cultura, legata alla storia delle comunità locali e ad un’arte consolidata di stare sul territorio (questa si che ha prodotto la biodiversità!) si possono proporre come luoghi dove sperimentare un modello alternativo alla fabbrica in crisi (si pensi alle acciaierie e alla grande industria storicamente localizzata sulla costa) e ad un turismo che consuma risorse e territorio.

I parchi possono essere un’occasione importante per l’innovazione in agricoltura, per la forestazione, per gestire l’acqua in territori da organizzare come spugne, quando abbondante o nei momenti di siccità, situazioni che si alternano repentinamente per le modifiche climatiche. Non significa lasciare le cose come sono, ma portare avanti un progetto alternativo alle grandi trasformazioni (porto di Livorno per esempio) con continui e costanti interventi di manutenzione, restauro e rigenerazione territoriale, muovendosi come un veliero nel proprio ambiente di riferimento: un veliero sostenuto dall’innovazione tecnologica.
 
Giovanni Maffei Cardellini
Architetto urbanista, Italia Nostra Versilia

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri