none_o

L’impoverimento del linguaggio e l’incapacità di descrivere le proprie emozioni è una delle principali cause dell’aumento di violenza nella sfera pubblica e privata ma anche responsabile di una accertata riduzione della nostra intelligenza.

A tutti coloro che, con a mio parere una buona dose .....
Il mondo va avanti e le genti pure, nel bene e nel .....
. . . . . . . . . . . un t'è bastata la lezione a .....
. . . nel 2029 il PdR debba esser eletto direttamente .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Spazio Donna.
Perché la memoria non sia persa.
none_a
Dal web
none_a
Franca
none_a
San Giuliano Terme, 20 febbraio
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Elezioni del PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
none_a
Alberto Zangrillo - covid
none_a
Circolo Arci Vasca Azzurra Nodica
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Accade a volte
che in sere con orli d'autunno
il ricordo sovvenga di quando
sul finire di scale e cortili
cosparsi nel vento
folle divenni,
senz'altro .....
Con grande dispiacere e soltanto casualmente in questi giorni sono venuta a conoscenza della morte del Dottor Assanta. Ritengo sia stato un esempio di .....
Di Alberto Maggi
Quirinale, Pera è il piano B del Cdx. Asse con Iv, renziani Pd, governativi 5 Stelle

4/12/2021 - 22:25


Quirinale, Pera è il piano B del Cdx. Asse con Iv, renziani Pd, governativi 5S
Pera è stato presidente del Senato dal 2001 al 2006, liberale...
Di Alberto Maggi

Quirinale, Pera potrebbero favorire anche il voto di non pochi deputati e senatori del Gruppo delle Autonomie e del Gruppo Misto
 
Non parla. Non parla assolutamente. Né di Quirinale, né del governo Draghi e del futuro politico del presidente del Consiglio, né della situazione generale del Paese.

 Marcello Pera, il cui nome spunta come possibile candidato del Centrodestra per la presidenza della Repubblica se Silvio Berlusconi non dovesse avere i numeri, si trincera dietro il no comment.

Nato a Lucca il 28 gennaio 1943, Pera - filosofo, politico e accademico, ha aderito fin dall'inizio, nel 1994, a Forza Italia diventando coordinatore nazionale della Convenzione per la riforma liberale. Poi la svolta nelle istituzioni. Alle elezioni politiche del 2001 vince nel collegio uninominale di Lucca, l'unico della Toscana andato al centrodestra.

Viene eletto al primo scrutinio Presidente del Senato della Repubblica, seconda carica dello Stato, che manterrà fino al 2006.

Pera è sempre stato considerato l'anima liberale di Forza Italia in contrapposizione a quella cattolica. Il suo nome circola nel centrodestra in queste ore come possibile piano B della coalizione e, spiegano fonti qualificate, dietro ci sarebbe proprio Berlusconi. L'ex Cavaliere spera ancora di trasferirsi al Colle, ma sa anche che le sue chance sono molto basse (il 10% ha detto Roberto Formigoni in un'intervista ad Affaritaliani.it).

Dal Partito Democratico, fonti vicine al segretario Enrico Letta sottolineano a caldo che "non lo votiamo perché di parte", ma l'ala governativa del Movimento 5 Stelle, quella del ministro degli Esteri Luigi Di Maio, potrebbe non chiudere la porta a Pera (mentre Berlusconi sarebbe difficilmente digeribile per i grillini), soprattutto per evitare il rischio elezioni con Draghi al Quirinale e visto il nuovo e definitivo no di Mattarella alla rielezione.

C'è un elemento molto importante che non va assolutamente sottovalutato. Nel settembre del 2016 Pera, insieme a Giuliano Urbani (altro ex azzurro) ha fondato il Comitato "Liberi Sì" per il referendum confermativo della riforma Renzi-Boschi (poi bocciato dal popolo).

I renziani non dimenticano affatto il sostegno di Pera e sono in molti a scommettere che se il Centrodestra dovesse fare davvero il nome dell'ex presidente del Senato, a quel punto arriverebbe non solo l'ok del leader di Italia Viva ma anche di alcuni (una ventina) di ex renziani rimasti nel Partito Democratico. Non solo, le posizioni storicamente liberali di Pera potrebbero favorire anche il voto di non pochi deputati e senatori del Gruppo delle Autonomie e del Gruppo Misto che in molti casi si considerano moderati (appunto, liberali) e che potrebbero trovare nell'ex senatore azzurro il candidato ideale. Insomma, il nome di Pera per il Colle c'è e sottotraccia avanza.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri