none_o


Dopo l'articolo incentrato sugli avvenimenti dell'inizio del 1800 e sugli adempimenti che Napoleone chiedeva al territorio della Comune di San Giuliano, in cui Vecchiano era stata inclusa da Pietro Leopoldo nel 1776, insieme con tutte le 31 Comunità della precedente Podesteria di Ripafratta, arriviamo ora alle vicende al tramonto dell'Impero napoleonico.Nel 1808 Vecchiano era stata separata, sempre dai francesi, dai Bagni di San Giuliano, dividendo le Comunità a destra e a sinistra del Serchio, ma la procedura fu molto ostacolata dall'amministrazione di San Giuliano. 

Ma il silenzio di un popolo …
A volte scrivere per .....
Stamattina per cause da stabilire c’è stato un incendio .....
. . . come tanti "noialtri autoctoni" a 4 (quattro) .....
Che bellezza il 2 giugno: 10. 000 auto a 10 euro/ cadauna .....
Di Mattia Feltrio
none_a
di Roberto Sbragia - Capogruppo Vecchiano Civica
none_a
Di U M (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Fabio Poli
none_a
Di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Ar vernàolo, a questa lingua antìa,
io provo a fanni ‘na radiografia.
Per noi pisani, tanto pe’ chiarì,
è la parlata ‘he si parla ‘vi
inventata .....
A me, come a tanti altri hanno rubato il vaso portafiori in bronzo al cimitero di Pontasserchio, è troppo abbandonato. Anche i defunti meritano rispetto .....
Zelensky a sorpresa al Festival di Cannes (a cura di BB, red VdS)
'Serve un nuovo Chaplin'
Standing ovation per lui che cita Il grande dittatore

18/5/2022 - 8:52

Zelensky a sorpresa al Festival di Cannes: 'Serve un nuovo Chaplin'
Standing ovation per lui che cita Il grande dittatore


Nonostante i 'soliti' lustrini del red carpet e la folla tornata simile a quella dei bei tempi andati sulla Croisette, la guerra nessuno pensava di lasciarla fuori del festival.
 
Lo ha promesso il presidente della giuria Vincent Lindon, assicurando una edizione "dignitosa e rispettosa di questi tempi di guerra" e ribadito l'attore e attivista Forest Whitaker ritirando la Palma d'oro onoraria, sottolineando che "i registi ci aiutano a dare un senso a questo mondo".
 

Ma quando sul finire della cerimonia di apertura del 75/o festival di Cannes l'attrice Virginie Efira che ha condotto la serata ha annunciato a sorpresa il collegamento con il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky, l'impatto è stato potente e le parole della persona che si sta spendendo in tutte le occasioni pubbliche possibili per trovare solidarietà e appoggio fattivo alla resistenza contro la Russia, hanno dato una indiscutibile scossa alla platea elegante del Grand Theatre Lumiere. 

Zelensky non ha parlato solo in generale delle sofferenze del suo popolo, delle tragedie in corso a Mariupol con l'acciaieria Azovstal, ma si è rivolto proprio al mondo del cinema, ai cineasti e li ha chiamati in causa direttamente, anzi alle armi.

Ha citato il regista Mantas Kvedaravicius, morto in Ucraina e il cui documentario Mariupolis 2 è stato terminato dalla compagna Hanna Bilobrova e che sarà presentato al festival in una proiezione speciale nei prossimi giorni a dimostrazione, ha detto, "che l'inferno è l'inferno". Ma soprattutto ha chiesto al cinema di "non restare muto". 

"L'odio alla fine scomparirà e i dittatori moriranno. Siamo in guerra per la libertà", ha detto Zelensky citando Il Grande Dittatore in cui si parodiava Hitler, accolto da una standing ovation appena iniziato il collegamento via satellite da Kiev.

"Serve un nuovo Chaplin che dimostri che il cinema di oggi non è muto. Noi continueremo a lottare, perché non abbiamo altra scelta e sono convinto che il dittatore perderà. Ma il cinema starà zitto o parlerà? Il cinema può stare fuori da questo?".
Zelensky si è rifatto ancora alle evocazioni cinematografiche "Mi piace l'odore del napalm al mattino", ha detto citando Apocalypse Now. Prima del collegamento con Kiev ci aveva pensato il discorso forte, al solito empatico, di Vincent Lindon che quest'anno presiede la giuria (con Jasmine Trinca giurato italiano) che assegnerà la Palma d'oro il 28 maggio, a far capire, se ce ne fosse bisogno, quanto l'apparenza glamour di Cannes, con i suoi rituali di red carpet, moda, selfie, apparizioni di star, sia stata 'bucata' dalla tragedia reale della guerra.

"I tormenti del mondo, che sanguina, soffre, brucia... in Ucraina, ma anche nelle dimenticate guerre nello Yemen e nel Darfur, mi tormentano la coscienza", ha detto Lindon ricordando che il festival di Cannes "fu fondato per reazione al fascismo". Forest Whitaker, cui durante la cerimonia è stata tributata una lunghissima standing ovation che lo ha persino imbarazzato, ricevendo la Palma d'oro onoraria per una carriera cominciata con Bird di Clint Eastwood e proseguita con tanti film dal Colore dei Soldi di Scorsese, a L'ultimo re di Scozia per citarne solo pochi (il prossimo è Megalopolis diretto da Francis Ford Coppola che si girerà ad agosto), non era stato meno empatico. 

Fonte: Dell'inviata Alessandra Magliaro
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri