none_o

La Sanità Toscana sta vivendo un periodo di grande crisi e i Pronto Soccorso sono prossimi al collasso. Paramedici che fuggono e medici che non si trovano rendono la situazione drammatica a cui si aggiunge il ricorso improprio ad una struttura d’urgenza per cause banali e la nuova maleducazione dei pazienti.

Angori Massimiliano
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
. . . si agghengano alle comunali e vincono sempre .....
A vendere fandonie a chi vota in una certa maniera .....
. . . . il comune pagasse la manutenzione della Via .....
. . . un caso. Le rotonde sono a carico di Anas, .....


"Fra gli alberi" Opera pittorica di Patrizia Falconetti

Coordinamento regionale Forza Italia Toscana
none_a
di
Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
Di Umberto Mosso (a cura di BB Red, VdS)
none_a
di Michele Curci - Coordinatore comunale Forza Italia Cascina
none_a
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
POSTE ITALIANE
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Io, Medico (dr. Pardini e altri)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Vicopisano
none_a
"Cinema Sotto le Stelle" a Calci
none_a
BUTI
none_a
ANIMALI CELESTI
teatro d’arte civile
none_a
COMITATO PER LA DIFESA DI COLTANO (PARCO MSRM)
none_a
Capita che ci si perde in tempi lontani, dove niente fiorisce spontaneamente.
Ma la vita vive lo stesso
In zone diverse, con ritmi diversi.
Avevo .....
ASSEMBLEA PUBBLICA ASBUC DEL 21 LUGLIO 2022
Ricordiamo che il 21 Luglio 2022 alle ore 20, 30 presso la Sala Consiliare del Comune di Vecchiano, sita .....
di Bruno Pollacci
CARLA FRACCI: La Divina della Danza

27/5/2022 - 8:08


CARLA FRACCI: La Divina della Danza


Oggi è il 27 Maggio ed in questo giorno, nel 2021, a Milano, moriva la grande ballerina Carla Fracci. Era nata a Milano nel 1936 con il nome di Carolina e fin dal 1946 studiò alla scuola di ballo del Teatro alla Scala, diplomandosi nel 1954. Divenne danzatrice solista ed infine prima ballerina nel 1958.

Negli anni '60 si affermò non solo a livello nazionale e fu chiamata a danzare con varie compagnie internazionali in Inghilterra, Germania, Svezia e Stati Uniti. Divenne presto nota in tutto il mondo soprattutto per le sue straordinarie doti interpretative nei ruoli romantici e drammatici come in “Giselle”, “La Sylphide”, “Giulietta”, “Francesca da Rimini” e “Medea” e danzò con i più prestigiosi ballerini internazionali, tra i quali possiamo ricordare Rudolf Nureyev, Mikhail Baryshnikov, Vladimir Vasiliev, Erik Bruhn, Marinel Stefanescu, Alexander Godunov e Roberto Bolle. Nel 1969 fu tratto un film dalla sua interpretazione di “Giselle” danzata con Erik Bruhn. Nel 1959 il poeta premio Nobel Eugenio Montale le dedicò la poesia “La Danzatrice Stanca”. Alla fine degli anni '80 ottenne la direzione del corpo di ballo del Teatro San Carlo di Napoli e dal 1996 al 1997 diresse anche il corpo di ballo dell'Arena di Verona. Dal 2000 al 2010 ha diretto il corpo di ballo del Teatro dell'Opera di Roma.

Ebbe anche ruoli di attrice nello sceneggiato RAI “Verdi”, diretto da Renato Castellani, interpretando Giuseppina Strepponi, soprano e seconda moglie di Giuseppe Verdi. Nel 2013 è stata pubblicata la sua autobiografia da Arnoldo Mondadori Editore. Fu promotrice della Danza anche fuori dai teatri, in programmi televisivi, e scuole e fu da stimolo ed esempio per intere generazioni di ballerini. Considerata una grande icona internazionale della danza e tra le più grandi ballerine del mondo del XX° secolo, nel 1981 il “New York Times” la definì “prima ballerina assoluta”. Questa mia opera a seppia è in suo omaggio e memoria.
Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa










+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri