none_o

La Sanità Toscana sta vivendo un periodo di grande crisi e i Pronto Soccorso sono prossimi al collasso. Paramedici che fuggono e medici che non si trovano rendono la situazione drammatica a cui si aggiunge il ricorso improprio ad una struttura d’urgenza per cause banali e la nuova maleducazione dei pazienti.

Angori Massimiliano
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Te l'ha ordinato il dottore di rispondere ? Dì cose .....
. . . si agghengano alle comunali e vincono sempre .....
A vendere fandonie a chi vota in una certa maniera .....
. . . . il comune pagasse la manutenzione della Via .....


"Fra gli alberi" Opera pittorica di Patrizia Falconetti

Coordinamento regionale Forza Italia Toscana
none_a
di
Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
Di Umberto Mosso (a cura di BB Red, VdS)
none_a
di Michele Curci - Coordinatore comunale Forza Italia Cascina
none_a
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
POSTE ITALIANE
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Io, Medico (dr. Pardini e altri)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Vicopisano
none_a
"Cinema Sotto le Stelle" a Calci
none_a
BUTI
none_a
ANIMALI CELESTI
teatro d’arte civile
none_a
COMITATO PER LA DIFESA DI COLTANO (PARCO MSRM)
none_a
Capita che ci si perde in tempi lontani, dove niente fiorisce spontaneamente.
Ma la vita vive lo stesso
In zone diverse, con ritmi diversi.
Avevo .....
ASSEMBLEA PUBBLICA ASBUC DEL 21 LUGLIO 2022
Ricordiamo che il 21 Luglio 2022 alle ore 20, 30 presso la Sala Consiliare del Comune di Vecchiano, sita .....
Dagli USA...
...a Migliarino!

30/6/2022 - 22:10

 
Dagli USA a Migliarino.
Vicino a Greenville, bella città del Sud Carolina, esiste un quartiere con decine di strade intitolate a città italiane o illustri italiani e ciò non può significare altro che esista una nostra comunità che però, dai nomi, non sembrerebbe molto “toscana”.
 
Mi arriva ora dagli USA, Greenville, dove la Voce de Serchio è conosciuta e nostalgicamente per posta, una storia di uno scherzo “alla migliarinese”, tipo “secchiate” e che riporto fedelmente:
Personaggi della storia:
1- Roger Milliken, milionario possidente numerose fabbriche tessili, stoffe e tappeti,
2- Leslie Mac Crow, presidente di varie compagnie,
3- un ignoto scultore,
4- un migliarinese tecnico, pittore, l’unico in due complessi d’ingegneria (Fluor Daniel) con migliaia di impiegati.


Storia: Milliken possedeva una fabbrica di tappeti. I macchinari operavano con condotti di olio bollente e una notte, a causa di una perdita, incendiarono lo stabile che fu completamente distrutto. Mister Milliken si rivolse a Mrs. Mac Crow chiedendo di ricostruire la fabbrica, cosa che questi accettò anche se gli fu richiesto di completarla in 6 mesi, quasi impossibile per la complessità.  L’unica maniera era fare turni di 8 ore ciascun operaio. I lavori iniziarono e il complesso fu finito regolarmente in 6 mesi.
A me furono dati da fare i disegni per una grande pittura del progetto. Nel frattempo fu incaricato uno scultore per creare un mitologico simbolo saliente dalle ceneri del disastro e che fu spedito alla nuova fabbrica per essere montato. Mi dissero che a me sarebbero poi date delle fotografie della scultura da inserire nella pittura.   Quando lo scultore andò a vedere il suo capolavoro esclamò: “l’avete montato a rovescio, il davanti deve guardare la fabbrica!”
Io avevo finito la pittura ed aspettavo le foto per vedere e pitturare il simbolico elemento. Alcuni ingegneri vennero a vedere il mio lavoro e per avvisarmi che il presidente era all’aeroporto per il volo alla sua nuova fabbrica con il suo nuovo jet ed io ero invitato a seguirlo con la pittura!
Era il momento della “secchiata”!
Presi pennelli e colori e pitturai un autotreno di fronte alla statua e… nessuno disse niente!
Due piloti, il presidente, un paio di ingegneri ed io con la pittura di 80x100 partimmo per la presentazione che fu un successo. Mister Milliken mi abbracciò, chiamò il fotografo e volle molte foto con il “migliarinese”.

 

Quel “migliarinese” vuole l’anonimato.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri