none_o


Con questo articolo termina, dopo un percorso durato più di un anno, l'analisi che Franco Gabbani ha fatto su un duplice piano, la storia della Famiglia Salviati, e di Scipione in particolare, e sinteticamente il contesto sociale e gli avvenimenti succedutesi nel corso del 1800 nel territorio di Vecchiano, come anche in Toscana, in Italia e in Europa.Anche in questa conclusione viene trattato un tema di primaria importanza, quello dell'istruzione nel 1800. 

Un amico mi ha fatto una domanda ed io voglio riportarla .....
. . . tempo fa ti esprimevi come uno di destra ed ora .....
Il PD a queste condizioni non può esistere Mazzeo .....
Per quanto mi riguarda per "sinistra" io intendo le .....


  Conversazione tra due amiche

Intervista di Paola Magli. 


Un nuovo trasloco. La poesia, l’autunno caldo


Ana Lins dos Guimarães Peixoto Bretas, poeta che fu conosciuta come Cora Coralina


A noi donne, per non essere più vittime.

di Silvia Cerretelli
VERSO IL CONGRESSO PD
none_a
Galletti e Noferi (m5s)
none_a
Vecchiano e le sue nuove mezze commissioni consiliari
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Intervista di Giancarlo Bosetti (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Io, Medico
none_a
di Ezio Di Nisitte
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Quel suo viso
L'altra faccia della luna
La mia vita, la mia voce
Quella luce, a primavera
Come un vento caldo su di me
Sono creta, sotto le sue mani
Lei .....
Buongiorno,

queste mie parole sono per evidenziare il menefreghismo di un ente del Comune di San Giuliano Terme che ad oggi non mi ha risposto ad .....
none_o
A decine e decine, questa è mia!
"Ar Serchio"

29/8/2022 - 16:19



AR SERCHIO
  
 
T’ariòrdi ‘r mi’ nonno araccontava
‘vando, tornato stracco dar barchetto,
a noi bambini, avant’e missi a lletto,
la fame e ‘r freddo di scordà’ tentava?
 
“Un protone da Roma di sordati
arrivonno a ’n pelino dalla proda.
L’utimi, cor broccassi della ‘oda,
chiesino -ma perché ci siam fermati?-
 
Dar primo della fila coll’insegna
risonò -c’è Esare- che ffrenava
e di facci de’ ponti ‘un si trattava
che barche e ppali ‘un c’era, o artra legna.
 
-Cos’è, cos’è che ‘ntoppa?- dissen tutti.
-Cesare, Cesare- gridonno ‘n coro,
e ‘ver nome, portato coll’alloro,
risonò pari a ‘vello di ‘ve frutti”.
 
Così Auser o Esar o cchi ttu sia,
ti ritrovasti a esse’ ‘mperatore,
‘vando e romani ti pensonno appóre
una “ci” ‘n capo come ‘na ciacìa.
 
Ma cosa fanno storia e giografia?
Insegnin cose ch’àmpriano er metìdio,
ma la ‘urtùra ha anco ‘r su’ fastidio
e ‘un sa ppiù ‘ndove ‘r còre nato sia.
 
Un vò sapé’ se ssopra o ssotto Dalli
er Serchio nasce come pisciatina
per a Vecchiano indà’ nella Marina
senza ‘un avé’ commesso du’ o ttre falli.
 
‘Un vò’ sapé’ se per attrabaccàllo
‘vanti fiorini o llìlleri enno spesi
per mandallo ‘n Quarcònia da’ lucchesi
o se ‘r diavulo un ponte seppe fallo.
 
‘Vand’andava cor su’ amïo Arféo
pe’ ffa danni ‘nfino a Vïopisano,
si scomodonno Lucca e San Frediano,
ma la ‘osa a mme… ‘un m’interessa un béo.
 
Rïordo solo delle tu’ pedate
che montavin le donne der paese
per indà’, cor sapone e cor turchese,
a llavà’ teli, panni e scamiciate.
 
Rïordo la tu’ ghiaia e lla tu’ rena
che ‘r nonno a ppala a mmucchi accatastava,
se inverno o estate certo ‘un importava,
per avé’ ‘vella lira per la cena.
 
Rïordo ‘ barbi e llasche a ppesacchiate
prese con canne lunghe di filata,
un amo, un bécio, filo… ‘na gugliata,
e lle gambe da’ rovi sciagattate.
 
Rïordo e tuffi, schizzi e lle notate
fatte nelle tu’ acque sempre ‘hiare
ch’erin bone da bbé’ fin quasi ar mare
e cche campavin tante famigliate.
  
Rïordo ‘r Rossi, Arzavolino e Argante
che pescavin la notte cor retone
e lle eppie liscose ch’erin bone
colle bocce der vino ch’erin tante.
 
Rïordo che con tutto si pescava:
bettibèlli, tramagli e lle fascine,
nasse e ccorde, ripaiòle e bilancine,
e Pattana ch’ar mare attraversava.
 
Er rïordo più bello era alla fine,
là sulla spiaggia, ar sole nsulla rena,
dov’amore metteva la ‘aténa
colle più grandicelle ragazzine.
 
Ora cosa c’è che devi arrïordà’?
Der traffïo ar mare che Firenze bròcca?
De’ motori che ‘mpallano la Bocca?
O delle cee che ‘un si po’ ppiù pescà?
 
O forse er meglio è d’arrïordassi
delle cicce che fanno la rimbocca,
della murta che Ccraudio ti stiòcca
se la vettura metti avant’a ‘ passi?
 
C’è  mma semmai  da non dimentïà’
di legà’ barch’e remi coll’ucchetto
pe’ non dovello prende’ ‘nder fiocchetto
e ‘ ragnoline allamate arrimpiattà’!
 
Funit’è lla mi’ storia o ruscelletto.
Chèo ti fece doventà leggenda
e ben lo sa chi mangia la pulènda
che lle tu’ anguille ‘un hanno mai defètto.
 
Se perso hai la “ci” come ‘r mi’ dialetto
per noi resterai sempre ‘mperatore
di tutti ‘ fiumi, acque e der mi’ ‘òre
anco se scorci come ll’Ozzeretto.
 
“Er sangue ‘un è acqua!” dïano tutti,
‘vella der Serchio a mme pperò mi sembra
linfa per er mi còre e per le membra
e senz’Esare…sarebbin giorni brutti!
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri