none_o

La storia degli Usi Civici è lontana nel tempo, quando chi non era nobile o faceva parte della grande famiglia ecclesiastica doveva lottare ogni giorno per sopravvivere alla povertà. Poter sfruttare una parte della altrui proprietà per piccole attività come quella di caccia, di raccogliere legna o erba rappresentava un diritto importante per quelle comunità che è arrivato, con alterne vicende, fino ai giorni nostri. I tempi sono cambiati e anche le problematiche.
Una piccola storia può essere utile per capire.

Mi sono commossa leggendo che presto la Via dei Molini .....
Ora nel lago c'è anche l'azolla caroliniana. . . ! .....
Spett. / le Redazione,

torno a contattarvi per .....
In Francia e Inghilterra la circolazione di coltelli, .....
Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


MEGLIO UN GLAP OGGI CHE UN GLU GLU DOMANI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


CREDO NEGLI ESSERI UMANI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


Comunità di relazioni, giustizia, solidarietà sociale e sostenibilità

il "Pontile 102"
none_a
"Dante, una terzina per volta"
di Stefano Benedetti
none_a
Parte l'estate di Molina mon amour
none_a
Villa di Corliano, 29 giugno
none_a
San Giuliano Terme, 27 giugno
none_a
S'inarca la notte
remota sopra i nostri pensieri
di stelle cosparsi.
Fuliggine d'astri e millenni ;si posa
sul dorso di lucciole ignare
che vagano .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
TORRE DEL LAGO
Niente più locali da ballo sul mare a Torre del Lago: recepito il piano di gestione del Parco

26/10/2010 - 7:05

TORRE DEL LAGO. Per un ristorante o bar che chiude, uno apre. Fino ad oggi è stato così sulle due Marine a ridosso degli stabilimenti balneari. Con i tempi che corrono, però, l’estate 2011 potrebbe riservare delle sorprese.
L’amministrazione comunale ha infatti recepito, nel giugno di quest’anno, il Piano di gestione del Parco approvato anche dal Comune in quanto ente facente parte del Parco stesso. Per Torre del Lago queste sono le destinazioni ammesse per quelli che vengono definiti "servizi turistici complementari alle attività balneari": parcheggi e parcheggi autorizzati, attività sociali e servizi per la collettività di interesse pubblico, attività commerciali come da codice del commercio regionale e struttura alberghiere «limitatamente alle attività già autorizzate e operanti alla data di adozione del Piano».
Insomma, bar e ristoranti potranno trasformarsi in rivendite di altro, ma solo stampa quotidiana e periodica; mentre i negozi esistenti potranno chiedere di vendere alimenti e bevande, e su uno dei posteggi è prevista un’attività commerciale. Il numero massimo di attività commerciali ammesse sulla Marina di Torre del Lago è fissato in 31 unità.
Di locali da ballo, neppure l’ombra. Così come sul Vialone, a Viareggio. Dove l’unica licenza a discoteca se chiederà di cambiare destinazione d’uso potrà trasformarsi in un’edicola.
Il numero massimo di attività commerciali ammesso sulla Marina di Viareggio è di 16 unità. Le tipologie consentite sono: alimentari, non alimentari (in entrambi i casi per i soli esercizi esistenti), somministrazione di alimenti e bevande, vendita di stampa.

Fonte: Il Tirreno di Viareggio
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri