none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
vivi solo il presente dei tuoi interventi sulla VdS, .....
Quando io da buon soldatino ed iscritto al partito .....
Leggo ora di questa polemica su Bersani e dico la mia. .....
I noti problemi legati al coronavirus hanno acceso .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Associazione culturale "Nati per scrivere"
none_a
Villa di Corliano, 4-10 ottobre
none_a
Corso di Scrittura Creativa
none_a
Pisa, 3 ottobre
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
VECCHIANO
Antenna del Paduletto: il Comitato La Fornace replica al sindaco, informazione inadeguata

12/11/2010 - 8:12

Alla gentile attenzione di

Rodolfo Pardini

sindaco di Vecchiano

p.c quotidiano LA NAZIONE

 

In merito all’articolo "La protesta silenziosa anti-ripetitore", pubblicato sul quotidiano LA NAZIONE di venerdì 5 Novembre, il comitato cittadino La Fornace di Vecchiano desidera fare alcune puntualizzazioni.

 

Secondo il sindaco di Vecchiano, Rodolfo Pardini, «il problema dell’antenna semplicemente non è risolvibile dall’amministrazione comunale e la situazione diventa sempre più paradossale. Noi abbiamo dato tutte le informazioni standard necessarie più di due anni fa e nessuno all’epoca ha protestato.»

Il Comitato fa notare che due anni fa nessun cittadino ha protestato semplicemente perché nessun cittadino della zona conosceva il progetto dell’istallazione dell’antenna: evidentemente dare «tutte le informazioni standard» è cosa ben diversa dall’informare la popolazione in modo adeguato.

 

A nostro avviso si sarebbe dovuto coinvolgere la cittadinanza con mezzi che ne avrebbero permesso la partecipazione – obiettivo a cui invita, peraltro, la legge regionale 69/2007 sulla promozione della partecipazione all’elaborazione delle politiche regionali e locali. Pubblicare i documenti ufficiali, infatti, non basta ad informare.

 

Per quanto riguarda la scelta del sito, il sindaco afferma che «il Comune non ha assolutamente voce in capitolo e sono i tecnici della società che decidono dove sia la disposizione migliore per il segnale».

A tal proposito, ci risulta che i comuni possano dotarsi di un regolamento urbanistico che individua aree idonee e non idonee agli impianti. Non è obbligatorio averlo ma è sicuramente opportuno, dal momento che sul territorio ci sono quelle cosiddette "aree sensibili" – tutelate dalla legge quadro 36 del 2001 – che non possono essere ignorate dalle autorità, le quali dovrebbero – anzi, devono – tutelare la salute pubblica.

 

Il comune di Vecchiano non ha questo tipo di regolamento. Ciò non toglie che, prima di approvare il progetto di costruzione dell’antenna, gli amministratori avrebbero dovuto tenere di conto delle "aree sensibili" vicine a via del Paduletto (asilo e residenza per anziani).

 

E non solo. La zona scelta presenta molte altre problematiche: si tratta dell’ingresso di una cava che non è ancora stata messa in sicurezza; le abitazioni limitrofe patiscono l’attività di estrazione dell’acqua del vicino acquedotto; gli abitanti sono sottoposti all’influenza costante della sorgente elettromagnetica rappresentata dalla centralina per l’energia elettrica.

 

Detto questo, la scelta fatta ci sembra quantomeno poco oculata e ci chiediamo se è davvero possibile che le autorità comunali non abbiano la possibilità di esprimersi sull’uso che viene fatto del proprio territorio da terzi.

Le dichiarazioni del sindaco terminano precisando che «i Comuni che hanno provato a fermare la costruzione di questi ripetitori hanno ricevuto il rifiuto da parte del Tar e del Consiglio dei Ministri, con multe che il nostro Comune non può assolutamente permettersi».

Quei Comuni non hanno solamente tentato di tutelare la salute dei propri cittadini?

 

Dall’intera vicenda del ripetitore di via del Paduletto emerge che il problema non sta tanto nell’impedire, quanto di regolamentare la costruzione di antenne, accertando che certi impianti siano davvero indispensabili e minimizzando il rischio di esposizione della popolazione. A tal proposito, «i controlli di routine» effettuati da Arpat e Asl bastano a garantire la minimizzazione dell’esposizione ai Campi Elettromagnetici ad Alta Frequenza?

Interventi che vadano in questa direzione ci sembrano il minimo che un’amministrazione possa fare per dimostrare di avere a cuore la salute pubblica.

  

Il Comitato Cittadino

La Fornace - Vecchiano

Fonte: Comunicato del Comitato
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: