none_o


Bellissimo scritto il precedente, anche se (visione solo mia personale) ci vedo un po’ di politica nella penna.

C’è in paese uno scrittore, sì certo, politico anche lui, ma che insieme alla fede sinistra dà la mano destra al volontariato e insieme cuore e tempo e fatica e impegno:

Nedo Masoni.

Sono contento che Renzi abbia fondato un nuovo partito. .....
Non mi sono mai sognato di voler attaccare personalmente .....
Non so se hanno pagato per il suolo pubblico o se fosse .....
Caro Amico che ti firmi affamato forse sei affamato .....
Intervista a Matteo Renzi
none_a
RICCARDO MAINI sempre Residente a MdA
none_a
di GIUSEPPE TURANI
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Vecchiano 5 Stelle
www.vecchianoa5stelle.it
none_a
Governo Conte
none_a
"Guarisce da solo, anche ascoltando Iglesias".
none_a
LILIANA SEGRE, 89 anni oggi.
none_a
“Io lo vedo così”
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Solidarietà
none_a
Marina di Pisa
none_a
Calci
none_a
ASBUC Migliarino 21 settembre
none_a
Circolo Arci Filettole
none_a
San Giuliano Terme, 15 settembre
none_a
Cioccolato
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Vecchiano, 27 settembre
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


di Bruno Pollacci
none_a
Parco di San Rossore, 14 settembre
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Pappiana
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
TOSCANA
Aumentano le donazioni di sangue, assicurata l'autosufficienza regionale

18/11/2010 - 7:47

Le donazioni crescono, il fabbisogno anche. Si fanno interventi sempre più complessi

Scaramuccia: «Sangue, nessuna preoccupazione»
«Gli allarmismi servono solo a creare sfiducia nel sistema trasfusionale

 

 Lucia Zambelli
Firenze «In Toscana il sangue non manca e il sistema trasfusionale toscano è in grado di far fronte a tutte le necessità. Gli allarmismi rischiano solo di creare sfiducia, sia nei donatori, sia nei pazienti che del sangue hanno bisogno». L'assessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia interviene a proposito di un supposto "allarme sangue", prospettato da un'interrogazione annunciata dal consigliere regionale Udc Marco Carraresi, ripresa da alcuni organi di informazione.


«Dal 2001 al 2009 le donazioni sono costantemente aumentate - informa l'assessore Scaramuccia - Un aumento complessivo del 35,5% in 9 anni. E sono cresciute anche le donazioni di plasma: con 63.852 Kg., la Toscana è la terza regione per quantità di plasma conferito all'industria. Nel periodo gennaio-ottobre 2010 le donazioni totali sono state 185.177, rispetto alle 181.479 dello stesso periodo del 2009: quindi, 3.698 donazioni in più». La Toscana ha un indice di donazione di 102 donazioni ogni 1.000 abitanti tra 18 e 65 anni. In Italia, l'indice di donazione è molto variegato, ma ci sono regioni con un indice ben sotto la metà di quello toscano.


Con le donazioni, aumenta però anche il consumo di sangue, e con un ritmo più veloce. Se nel 2009 le donazioni sono aumentate del 6,89% rispetto al 2008, il consumo è cresciuto dell'8,28%. Questo è dovuto all'aumento di patologie o bisogni clinici relativamente comuni, alle necessità dei pazienti oncologici (il 33% dei pazienti oncologici effettua almeno una trasfusione), agli interventi chirurgici a complessità crescente come i trapianti, gli interventi cardiovascolari e ortopedici. Paradossalmente, le regioni in cui la sanità è meno efficiente, e si fanno molti meno interventi di ques to tipo, non sono mai in carenza di sangue. Va detto anche che la Tosacana offre ogni anno assistenza sanitaria al 17,4% di pazienti provenienti da altre regioni.


«Anche per il sistema trasfusionale vale il concetto di rete - chiarisce l'assessore - Da anni il sistema trasfusionale non è più un tema locale di confronto tra bisogni e consumi del singolo ospedale, o di una singola regione. Vista la mobilità dei pazienti sul territorio nazionale, quello dell'autosufficienza trasfusionale è un tema nazionale, per cui le compensazioni tra regioni non sono più un indicatore negativo, anzi costituiscono un indicatore di un sistema capace di fare rete. Per esempio, la Toscana è in grado di supportare in modo continuativo l'Università di Tor Vergata (circa 1.500 unità l'anno), e allo stesso tempo, in alcuni periodi dell'anno, abbiamo bisogno di supporto dalle altre regioni (circa 2.500 unità). Ma non si deve in alc un modo parlare di perdita di autosufficienza. In Toscana, a fronte di una situazione di sostanziale autosufficienza su base annuale, si alternano periodi di eccedenza e periodi di carenza. E' normale».


Il modello trasfusionale toscano ha visto nel 2009 la presenza di 40 strutture pubbliche, 56 unità di raccolta fisse associative e 4 autoemoteche: 3 Fratres e 1 Anpas. Questa la rappresentatività delle associazioni di volontariato a livello regionale: 56,2% Avis, 36,6% Fratres, 4,9% Anpas, 2,3% Cri.
«Il sistema sangue - conclude Daniela Scaramuccia - si basa su donazioni volontarie, anonime, gratuite, consapevoli e periodiche di donatori che hanno fiducia nel sistema sanitario e nelle associazioni. Gli allarmismi, ripeto, rischiano di incrinare questo clima di fiducia, con gravi ripercussioni per tutto il sistema trasfusionale».

Fonte: Regione Toscana
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: