none_o

Se la guerra si dovesse decidere in televisione probabilmente sarebbe una guerra infinita, stante le diverse e spesso divergenti opinioni. Su tutto, sulle cause, le strategie, le soluzioni. Ma ogni opinione è di per sé, per definizione, rispettabile, se non presa per interesse personale o strategia politica. Ognuno ha il diritto costituzionale di esprimere la sua evitando sempre di offendere gli altri.

La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....
Apprezzo l’impegno, ma il risultato è scarso, .....


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.


Quando ero bambina aspettavo con entusiasmo la seconda domenica di maggio perché era la festa della mamma e coincideva con quella del paese di Migliarino dove vivevo con la mia famiglia.

di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Giovanni Frullano eletto segretario all’unanimità
none_a
Sinistra Civica Ecologista–Sinistra Italiana–Europa Verde Verdi
none_a
L'opinione di LILLY CAMOLESE
none_a
dal web (a cura di BB, red VdS)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
VECCHIANO
Balatri: tubone inutile, per salvare il lago va riallagato il padule

3/12/2010 - 6:58

Riportiamo l'intervento del geologo Roberto Balatri a proposito del lago di Massaciuccoli

 

VECCHIANO - Anche se indirettamente la rottura arginale a Nodica, avvenuta durante la piena del Serchio del 25 dicembre, mette in risalto la debolezza idrica del bacino del lago di Massaciuccoli.
Per prosciugare completamente, il conseguente lago artificiale che si è venuto a creare con danni ingenti alla zona industriale di Migliarino e al sistema viario Pisa-Viareggio, occorreranno mesi. E si è rischiata la catastrofe anche nella bonifica di Massarosa, dove per giorni e giorni il livello del lago ha minacciato la tenuta degli argini, lasciando con il fiato sospeso per le gravi conseguenze che avrebbe subito l’area industriale di Montramito. Adesso come sempre si invocheranno ingenti finanziamenti per rinforzare gli argini del Massaciuccoli e potenziare gli impianti idrovori.
Ma non è così che si risolve la grave crisi che investe il bacino del lago di Massaciuccoli, dove ormai un perverso sistema di bonifica spinta alle sue estreme conseguenze impone l’abbassamento del livello piezometrico della falda, anche di 5 metri al di sotto del livello medio marino, con il conseguente richiamo continuo di acqua di mare che inesorabilmente insieme ad una quantità elevata di inquinanti provenienti dal sistema agro-florovivaistico finisce nel lago.
E tantomeno il problema può essere risolto dal "tubone" (grande derivazione dal fiume Serchio) che lascia aperte molte incertezze sulla reale possibilità della sua efficacia.
Non possiamo più continuare a rimuovere gli effetti senza rimuoverne le cause e cioè senza rimuovere le origini degli inquinanti e quelle dei rischi idraulici.
Occorre allora il coraggio amministrativo di imporre il riallagamento di alcune aree di bonifica a partire da quelle più critiche di Massarosa, responsabili in primis dell’eutrofizzazione del Massaciuccoli e della sua elevata salinità, occorre intervenire sugli inquinanti agricoli e florovivaistici, senza pensare di diluirli con l’acqua del "tubone", ed è solo questa la strada che può riportare in vita il lago di Massaciuccoli.

Roberto Balatri - geologo

Fonte: Movisat
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri