none_o

La Sanità Toscana sta vivendo un periodo di grande crisi e i Pronto Soccorso sono prossimi al collasso. Paramedici che fuggono e medici che non si trovano rendono la situazione drammatica a cui si aggiunge il ricorso improprio ad una struttura d’urgenza per cause banali e la nuova maleducazione dei pazienti.

Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Elezioni del 25 settembre 2022
none_a
Invece di strillare cose assurde, leggi e informati. .....
. . . non vengono messi da un simpatizzante a nome .....
Saranno gli elettori a decidere con il proprio cervello .....
Che tu sia militante, simpatizzante o che tu voglia .....


"Fra gli alberi" Opera pittorica di Patrizia Falconetti

Di Umberto Mosso (a cura di BB Red, VdS)
none_a
di Michele Curci - Coordinatore comunale Forza Italia Cascina
none_a
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Verso le elezioni del 25 settembre 2022
none_a
di Tonino Frisina, scrittore
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
POSTE ITALIANE
none_a
Io, Medico (dr. Pardini e altri)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
"Cinema Sotto le Stelle" a Calci
none_a
BUTI
none_a
ANIMALI CELESTI
teatro d’arte civile
none_a
COMITATO PER LA DIFESA DI COLTANO (PARCO MSRM)
none_a
Dalla rivista Toscana Economy
none_a
Capita che ci si perde in tempi lontani, dove niente fiorisce spontaneamente.
Ma la vita vive lo stesso
In zone diverse, con ritmi diversi.
Avevo .....
ASSEMBLEA PUBBLICA ASBUC DEL 21 LUGLIO 2022
Ricordiamo che il 21 Luglio 2022 alle ore 20, 30 presso la Sala Consiliare del Comune di Vecchiano, sita .....
PROVINCIA DI PISA
Report emergenza neve. Fi-Pi-Li: azione delle 3 Province verso la società di global service

20/12/2010 - 18:44



*Report criticità causa neve e maltempo; lunedì 20 dicembre.Fi-Pi-Li: un’azione di verifica, ed eventuale rivalsa, delle Province di Pisa, Firenze e Livorno,nei confronti della società di gestione del ‘global service’ della superstrada*Fare chiarezza sulle circostanze che hanno portato alla paralisi della Fi-Pi-Li nel corso dell’emergenza meteo di questo fine settimana, aperta dalla nevicata di venerdì scorso, 17 dicembre; immediata azione di verifica, ed eventualmente di rivalsa, insieme alle Province di Firenze e Livorno, nei confronti della società titolare del servizio di gestione ‘global service’ della superstrada (un’associazione temporanea di imprese con capofila Autostrade per l’Italia). E’ uno dei fatti nuovi che il presidente della Provincia di Pisa, Andrea Pieroni, pone sul tavolo in coincidenza con il superamento del picco di criticità sulle strade del territorio. Ma non è la sola priorità: in agenda c’è anche un esame delle modalità con cui l’anomala ondata di maltempo, e le sue conseguenze, sono state affrontate per quel che ha riguardato specificamente la rete viaria di competenza provinciale. “Una situazione fronteggiata – sottolinea il presidente Pieroni - nella cornice di gravi carenze in cui versano gli enti locali alla luce dei tagli operati dal governo sulle risorse ad essi destinate”.IL CASO FI-PI-LI. Per fare luce sulle dinamiche che hanno mandato in tilt la superstrada, il presidente Pieroni ha sentito oggi i colleghi delle Province attraversate dalla superstrada, Andrea Barducci (Firenze) e Giorgio Kutufà (Livorno). L’intenzione è quella di avviare un percorso congiunto per rilevare se vi siano state inefficienze da parte della società di global service; per avere garanzie affinché se ne eviti il ripetersi; per identificare le eventuali responsabilità circa quanto accaduto in questi giorni e, nel caso, le connesse misure da assumere.LA VIABILITÀ PROVINCIALE. Passando al ‘capitolo’ della viabilità provinciale, il presidente Pieroni annuncia l’intenzione di aprire – con i propri assessori di competenza: Gabriele Santoni (mobilità) e Valter Picchi (protezione civile) – un tavolo di verifica, insieme ai Comuni del territorio, sulla capacità di risposta espressa nella circostanza dal sistema locale, “con l’ovvio obiettivo di migliorarla in vista di future simili urgenze”. Intanto, il presidente della Provincia riassume il piano di interventi messo in atto dall’amministrazione; evidenziando anche le problematiche con cui quegli interventi si sono scontrati.In termini di protezione civile, il Centro Operativo Emergenze della Provincia (via Nenni, Pisa) è stato attivo fin dalla mattina di venerdì 17 e lo è stato, permanentemente, con il proprio recapito di reperibilità partecipando anche al lavoro del CCS-Centro soccorsi costituito presso la Prefettura di Pisa, per coordinare tra l’altro operatori e volontari impegnati nell’assistenza agli utenti della superstrada rimasti bloccati.A tutte le attività hanno preso parte agenti e veicoli della Polizia Provinciale, in servizio a turnazione ininterrotto da venerdì a oggi stesso. Tra gli interventi svolti: scorta e assistenza al presidio medico allestito sulla Fi-Pi-Li (area di servizio Gello di Lavaiano) per le auto bloccate in coda; operatività volta a far defluire il traffico sui percorsi alternativi alla superstrada.Sul fronte specifico delle strade, il Servizio Viabilità, anch’esso attivo fin dalle prime ore di venerdì 17, ha messo in moto mezzi propri e di 13 ditte esterne – in tutto oltre 40 tra spalaneve e spargisale – incaricati di raggiungere tutte le aree del territorio provinciale. L’approvvigionamento di sale è stato effettuato utilizzando le scorte già disponibili e con successivo prelievo di carichi dallo stabilimento della Solvay di Rosignano: in totale il quantitativo sparso è arrivato a circa 200 tonnellate.“Queste sono le cifre”, prosegue Pieroni. “Chiaramente il punto è capire come esse hanno inciso nella gestione della situazione; e in tale ottica occorre tener conto di alcuni fattori oggettivamente penalizzanti. Primo, a fronte di previsioni che parlavano di neve per venerdì, lo spargimento preventivo di sale sulla viabilità di propria competenza è stato effettuato dalla Provincia nei tratti dove le condizioni di temperatura e umidità lo rendevano utile; su strade asciutte il sale ad esempio non serve, perché viene asportato dagli pneumatici delle auto in transito”.Secondo punto. “Nel momento in cui hanno iniziato a viaggiare, i nostri mezzi di intervento hanno presto trovato l’ostacolo dei rallentamenti causati dal fatto che molti utenti della strada, di fronte a quella che doveva essere una spruzzata (le previsioni parlavano di una conversione da neve a pioggia per le 11 di venerdì), si sono messi in movimento senza grosse precauzioni, trovandosi invece alle prese con una tormenta che li ha costretti prima a procedere a bassa velocità, poi a fermarsi, quando non ha provocato incidenti e blocchi della circolazione”.Terzo punto. “Il tutto è stato complicato dalla paralisi della Fi-Pi-Li, che da un lato ha trasferito la congestione sullo stesso reticolo della viabilità adiacente, intasandola; dall’altro ha impegnato forze operative anche della Provincia, quando la competenza della gestione è assegnata alla società di global service, che dovrebbe essere autonoma, mentre nella fattispecie non lo è stata. Al contrario è mancata non solo tempestività negli interventi; ma anche, e totalmente, attività d’informazione ad emergenza in corso”.I TAGLI AGLI ENTI LOCALI. “Quanto accaduto in questo fine settimana dimostra purtroppo la fondatezza delle proteste di Province e Comuni. Che fin dall’estate hanno lanciato moniti sulle difficoltà con cui, a causa del vero e proprio prosciugamento delle risorse destinate agli enti locali, devono convivere quotidianamente nello svolgimento delle proprie competenze. Ebbene, tali difficoltà diventano drammatiche a fronte di emergenze particolari, che fatalmente possono capitare”.AGGIORNAMENTISituazione generale - In miglioramento su tutto il territorio provinciale.Strade e infrastruttureAlta Valdicecina - Frana nell'alveo del Botro Casanova con tracimazione e conseguente allagamento di aree a verde e parcheggio nel centro abitato di Saline di Volterra. In corso attività di monitoraggio a seguito di realizzazione primi interventi di ripristino da parte del Centro Intercomunale Alta Valdicecina. L'emergenza risulta comunque terminata; sono comunque necessari ulteriori lavori.Comune Santa Luce – Ancora in corso attività di monitoraggio, spazzamento e spargimento  sale.Comuni Valdera - Continua attività dei comuni per ripristino condizioni di normalità.Scuole - Prevista per domani, martedì 21 dicembre, l’apertura delle scuole di ogni ordine e grado in tutte le zone del territorio provinciale: Area Pisana, Valdera, Valdarno, Valdicecina.
Fonte: Ufficio Stampa Provincia di Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri