none_o

Poche righe, molto concrete, che non lasciano spazio ad altre interpretazioni o strumentalizzazioni.
Liliana Segre, la senatrice a vita sopravvissuta all'olocausto e oggetto, nelle ultime settimane, di numerosi attacchi sul web, ha declinato in maniera netta la proposta, partita dal mondo del giornalismo e poi ripresa anche da diversi esponenti politici, di essere candidata al ruolo di Presidente della Repubblica. 

Circolo ARCI Migliarino
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
San Ranieri miraoloso.

Levato quer viziaccio .....
. . non al Carroccio
6000 sardine 200 scorfani 100 gallinelle e il caciucco .....
"Questo è il segnale che se tutti ci muoviamo, forse .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
I racconti di Michele
none_a
Consorzio Vino Chianti
none_a
Le squadre di Val Di Serchio
di Marlo Puccetti
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Alla cassa di un supermercato una signora anziana sceglie un sacchetto di plastica per metterci i suoi acquisti.
La cassiera le rimprovera di non adeguarsi .....
SAN GIULIANO
Mazzarri e Nicosia confermano la fiducia al sindaco Panattoni

31/12/2010 - 8:08

SAN GIULIANO. I consiglieri comunali del Pd Giusto Nicosia ed Elisabetta Mazzarri non accettano l'espulsione dal partito e annunciano la volontà di intraprendere tutte le strade per farsi riconoscere i loro diritti, compresa quella del Tribunale. L'espulsione dei due consiglieri è stata confermata di recente anche dalla commissione di granzia regionale del Pd toscano.

I due esprimono un giudizio critico contro i veritci del partito e prendono atto , intanto, che la stessa commissione di garanzia regionale «ha ammesso a chiare lettere che nell’esame della documentazione prodotta e acquisita, nonché nelle informazioni assunte mediante le audizioni, ha rilevato la presenza di irregolarità e inadempienze nello svolgimento della procedura che ha portato alla decisione di espulsione».

 

I due confermano che la loro «colpa è stata quella di voler parlare liberamente ed esprimere democraticamente il proprio dissenso». Insieme alla «perplessità sulle modalità di gestione interna del Pd, dal livello locale a quello nazionale», ribadiscono la loro fiducia al sindaco Paolo Panattoni «pur ritenendo opportuno che sia da parte di quest’ultimo sia da parte del presidente del consiglio, sarebbe doveroso porci le scuse». Su un punto insistono: «Ci riteniamo pienamente di maggioranza mentre la collocazione forzata del gruppo misto ci pone all’opposizione contro la nostra volontà».

Fonte: Il Tirreno
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: