none_o


Reparto di Oncologia dell’ospedale di Pisa. Davanti all’edificio molti persone in attesa perché l’ingresso è riservato ai soli pazienti oncologici. Ero fortunatamente un accompagnatore e sono rimasto educatamente fuori come tutti gli altri. Devo dire che eravamo tutti con la mascherina, non so se per paura del contagio o per rispetto degli altri ma la situazione era appagante, come quando si vede il rispetto delle regole da parte di tutti i cittadini.

. . . giorni sta prendendo dei punti la Raggi. . . .....
. . . . . . . . . . . . . . . . l'ha capito? La DaD .....
. . . . . . . . . . . . è iniziata i primi giorni .....
. . . la ragione non sta mai da una sola parte ed aggiungo .....
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
San Giuliano Terme, 23 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 24 ottobre
none_a
Molina di Quosa, 25 ottobre
none_a
Teatro Nuovo Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 25 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 17 ottobre
none_a
Sabato 17 ottobre al Grand Hotel Duomo
none_a
SAn Giuliano Terme, 18 ottobre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


di Marlo Puccetti
none_a
la ZONE di Pisa
none_a
CSI – Centro Sportivo Italiano-
none_a
Coppa Toscana Juniores sotto la Torre
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Se non si capiva niente prima, come pretendere che si capisca qualcosa oggi?

Qualcuno dice che non intende usare i 40 miliardi del MES, perché in .....
none_o
ORGANIZZAMOCI!!

15/2/2011 - 23:00


Poi, a quattrocchi, Vi racconterò la barzelletta, "sudicetta", alla quale fanno riferimento titolo e anteprima, ma penso che non ce ne sia bisogno!  

Cambiamo decisamente genere e pensiamo a cosa si può  riferire-abbinare la foto:

Cadeva il Sol: de’ topi alfin la schiera

confusa si ritrasse e intimorita;

e fu la guerra in un sol dì compita.

 Dato che i topini sono felicemente in riposo, qui un minimo di riferimento ci potrebbe essere, scomodando il sommo Leopardi che chiuse con questi versi il suo "La guerra dei topi e delle rane", un poemetto scritto nel 1815.

La guerra finì con la disfatta dei topi che  erano stati battuti sì dalle rane, ma che si erano fatte aiutare da altri animali:

... Venner certi animali orrendi e strani
con otto piè, due capi e bocca dura;
gli occhi nel petto avean, fibre per mani;
le spalle risplendenti per natura,
obliquo camminare, e largo dosso;
le lor branche e la pelle eran sol osso.

 

(Granchi eran detti... scrive subito dopo).

 

Andiamo indietro nel tempo e prendiamo un genere ancora diverso.

Quest'altro abbinamento non è altrettanto accettabile solamente pensando a come sono teneri quelli ritratti, e dispettosi questi descritti:


Un topo e una topa e un topetto

m'hanno, con lor assedio, consumato.

È, quand'io dormo, escono de l'agguato:

un va da piedi e l'altro dal ciuffetto,

l'altro mi piscia addosso per dispetto; 

e quando senton ch'io sono svegliato,

l'un qua e l'altro là subito entrato

e' non li veggio, che sian benedetto.

E, per pigliar li topi maladetti,

trappole ho tese lor e risogallo,

arsenico con lardo ed altri archetti; 

ed ho due gatti, da fame constretti,

che non li piglian, vedendoli al ballo, 

sì tosto d'imbucar par che s'affretti.

E con questi dispetti 

io vivo: pensa se ho da consumarmi,

che da tre topi non posso aitarmi.

 

La poesia di Domenico di Giovanni, meglio noto come il Burchiello (1404 – 1449), mi fa pensare che ultimamente ho visto un viavai di piccoli batuffolini che vanno e vengono dagli scatoloni di vecchi giornali e libri:

 

"sarà mica che si sono riempiti di tutti quegli scritti ed hanno mischiato sapere e piacere, calore e sapore?"


fate vobis!

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: