none_o

 
 
 

Una conversazione con il filosofo Sebastiano Maffettone riscritta in forma di lettera. Il Coronavirus ha aumentato la consapevolezza della nostra fragilità. L’idea della vulnerabilità e della morte dell’intera umanità è distruttiva, ma può farci recuperare l’idea che siamo esseri umani che appartengono alla stessa specie.

Mettetevela la mascherina, magari esteticamente ci .....
Il negazionismo di alcuni politici è assimilabile .....
. . . . . . . . . . . . . per interesse fazioso o .....
A parte che in questo momento le cuffie sono uno strumento .....
Il chiarimento dell'assessore Roberto Sbragia di F.Italia
none_a
FI Pisa
none_a
di MARIA ANTONIETTA SCOGNAMIGLIO
none_a
Madonna dell'Acqua, 7 agosto
none_a
di Andrea Paganelli, politico
none_a
di Lino Banfi
none_a
Mazzeo allo Scolmatore di Pontedera
none_a
#fabiopolisindaco #polisindaco #cascina2020
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
Pontasserchio, 7-8-9 agosto
none_a
Marina di Pisa, 7-8-9 agosto
none_a
Tirrenia, 8-9 agosto
none_a
Tirrenia
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Pontedera, 30 luglio
none_a
Marina di Pisa, 1° agosto
none_a
FIAB-Pisa
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Sono disponibili 521 articoli in archivio:
 [1]  ...  [16]   [17]   [18]   [19]   [20]   [21] 
none_o

29/1/2012 - 9:57

Si dice che la fame faccia uscire il lupo dal bosco ed anche gli italiani, dopo anni di malcelata invidia per chi evadeva le tasse, si sono accorti che lo cosa non andava per il giusto verso. I governi precedenti, e l’ultimo in particolare, non hanno operato con sufficiente decisione per rimediare a questo malcostume che in Italia ha raggiunto da tempo livelli allarmanti.  Il clima è cambiato ma per raggiungere lo scopo è indispensabile il contributo di tutti.

none_o

22/1/2012 - 9:58


 “Avete visto la pubblicita' dell'auto a bordo della quale una ragazza teme di essere rimproverata dalla madre per un tatuaggio che le fuoriesce dal pantalone?Avete notato la risposta della mamma?Quella della demente mammamichetta che mostrando il suo, di lato b, fa vedere alla figlioletta che si preparava alla sgridata che " Il suo si' che e' un tatuaggio!" dato che occupa entrambe le natiche o quasi...
Bene, saro' antica e odiosa ma penso alla parola Responsabilita'.

none_o

15/1/2012 - 10:30


Ci stiamo abituando al peggio.

Siamo poveri di valori e principi, siamo passivi consumatori e accettiamo tutto quello che ci propinano, da quello che dobbiamo mangiare a quello che ci viene fornito come il modello di sviluppo migliore per noi, per il nostro futuro e per quello dei nostri figli.

Così ricompare Ikea con il suo mensile di 600 euro. E’ questo lo sviluppo giusto per la nostra comunità?

none_o

8/1/2012 - 9:34

Quanta fatica costa essere se stessi? Portarsi dietro la propria storia, che è un po' il nostro passato, è tanto del nostro presente e per il futuro ci chiede coerenza. Ma questo bagaglio ha due pesi e due misure, un conto è quello che noi crediamo di essere e altro è quello che gli altri credono che noi siamo, un conto è quello che vorremmo essere e altro è quello che gli altri ci rimandano di noi

none_o

1/1/2012 - 13:11

Un altro anno è passato, un altro centimetro nel metro della vita.

L’augurio per tutti è che quello nuovo sia un anno intenso, importante per ognuno di noi.

Sappiamo che sarà un anno di sacrifici per tutti, un anno cruciale per il futuro dell'Italia  e dell’intera Europa, ma facciamo in modo che sia anche un anno di impegno civile, di crescita, un anno di rinascita, per diventare finalmente adulti.

none_o

25/12/2011 - 9:07

 Ci sono mondi pieni di luci ed altre dove le  luci si appannano, affievoliscono. In quei mondi sono le ombre a prendere il sopravvento e spesso hanno le forme di una madre o di un padre al capezzale del proprio figlio malato, spesso di un male incurabile. E assieme a loro medici e infermieri che fanno della loro professione un atto di coraggio. Per tutti loro, ancora di più, un Buon Natale.

none_o

18/12/2011 - 9:58

E’ la storia della ragazzina che si dice violentata da un Rom.

Nessuno si chiede se sia vero, d’altra parte i Rom sanno fare questo ed altro. Ma la ragazzina ha un fidanzatino e non riesce a mantenere quella purezza che i genitori facevano controllare mensilmente.

Non è disobbedienza, dice piangendo, ma violenza!

Parte la rappresaglia ed il campo Rom è distrutto.

Solo l'indomani la verità.

none_o

11/12/2011 - 18:19


Una scimmia venne catturata e rinchiusa in una gabbia, troppo bassa per stare in piedi e troppo stretta per stare seduta.La gabbia aveva queste caratteristiche per ammorbidire e rendere ammaestrabile la scimmia. Cosa dispone all'ammaestramento? L'impossibilità di una via d'uscita.In tali condizioni o muori o sopravvivi diventando disponibile, facile all'ammaestramento.

none_o

4/12/2011 - 11:16

Molti in Svizzera portano i loro soldi.
Lucio Magri vi ha portato il proprio corpo. Se n’è andato con la stessa dignità e stile con cui aveva sempre vissuto. Non poteva farlo in Italia, la legge non lo permette, un problema ancora aperto con problemi etici e religiosi ancora da affrontare. Ma alla base c’è sempre la depressione, malattia devastante e crudele, una vera e propria perdita del futuro.

none_o

27/11/2011 - 8:50

La famiglia e molto cambiata e sono cambiati anche i figli. Il matrimonio è diventato solo una festa, sempre più spesso ne facciamo a meno. Il lavoro ci toglie sempre più tempo ed energie. I figli ci sembrano ormai degli estranei, con i loro abiti stravaganti, le loro mode incomprensibili, quelle apparenze che ci spaventano. Ed invece hanno bisogno di noi, del nostro  ascolto, della nostra attenzione.

none_o

20/11/2011 - 9:57

Ci sono piccole cose che colpiscono e lasciano stupiti.

Che dimostrano esattamente il livello di stupidità a cui si può giungere per ottenere un obbiettivo, sia pure condivisibile, come quello del risparmio di risorse pubbliche in questo grave momento di crisi. Ne raccontiamo qui un  esempio molto piccolo ma eclatante per ignoranza e soprattutto per la sproporzione fra il risparmio e il danno e l'offesa provocata.

Di una stupidità assoluta.

none_o

13/11/2011 - 18:02

Siamo veramente poveri o è solo apparenza come dice qualcuno?

I ristoranti sono pieni, i luoghi di villeggiatura affollati. Non è utile parlare di povertà, non fa audience, non c'è gossip,  non interessa molto alla politica che ha ben altro di cui preoccuparsi.

Si spende comunque molto, ma solo per benevolenza. Una specie di carità che non incide sulle cause di fondo  e nemmeno su tutti i tipi di povertà, su quella ad esempio legata al lavoro, ai diritti, alla salute, alla casa, alla giustizia. Una cura che non guarisce la malattia.

none_o

5/11/2011 - 9:50

Cos'è il Debito Pubblico? Chi lo produce, chi lo detiene, da dove arriva, dove ci può portare?

Riteniamo utile cambiare per una volta l'argomernto di questo spazio per riportare questo lungo  articolo elaborato dal Nuovo Modello di Sviluppo di  Vecchiano sull'origine di un problema di cui oggi molto si parla e che ci riguarda così tanto da vicino.

Un modo diverso di affrontare il problema ma soprattutto utile per capire quale sia la strada migliore per risolverlo.

 

none_o

30/10/2011 - 11:27

Parassita è chi si nutre a spese di altri. Parassita sociale è quello che usufruisce dei beni comuni prodotti da altri non dando niente in cambio, vivendo cioè sulle spalle e sul lavoro di altri, di  quelli che si alzano tutte le mattine e ancora buio vanno a compiere il proprio dovere in fabbrica o in ufficio. Sono tanti nel nostro paese, sono troppi e spesso completamente sconosciuti a chi non frequente i salotti buoni delle grandi città. Non fanno niente e non producono niente, vivono di rendita, non tassata. Per non condivisibile principio.

none_o

23/10/2011 - 10:51

La nostre tante paure generano rabbia e indignazione. Spesso queste si traducono in atti singoli, disordinati, inutili che rischiano di farci chiudere sempre di più in noi stessi. L’indignazione, come anche la speranza, vanno invece tradotti in azioni, in partecipazioni, in progetti, in proposte sicuramente più difficili ma più utili per noi e per gli altri.

“Per noi” dice saggiamente Pietro Ingrao” indignarsi era tutt’uno con l’impegnarsi!"

Questo è il segreto, riuscire a trasformare la nostra rabbia in passione civile.

none_o

16/10/2011 - 10:34

Il nostro patrimonio artistico e naturale è in grande pericolo.

Il Governo guarda da un’altra parte, le amministrazioni locali sono combattute fra difficoltà economiche e pressioni speculative di grandi gruppi privati, il nostro futuro come paese turistico è incerto per mancanza di fondi. Ancora una volta sono i cittadini chiamati ad intervenire con il loro sostegno.

In fretta perché se rimaniamo troppo a guardare fra poco non ci resterà più niente da guardare.

none_o

9/10/2011 - 10:39

Il tempo non è più.

Lo conoscevamo e lo accettavamo senza drammi e senza affanni. Si invecchiava dolcemente perdendo in salute e bellezza quello che acquistavamo in saggezza. I nonni erano nonni, i bambini erano bambini, e soprattutto si comportavano da bambini. Ora non lo sappiamo più, vedendo nonne che sembrano giovani mamme e bambini che sembrano vecchi adulti. Stiamo percorrendo la strada giusta? Il futuro appare sempre più impegnativo e preoccupante. Si stanno perdendo anche i sogni, oramai costretti in un eterno presente.

none_o

3/10/2011 - 0:03

Una nuova epidemia sta scuotendo il mondo. Non solo gli strati più poveri della popolazione mondiale, le nazioni meno evolute, il sud del mondo, ma anche gli stati più ricchi, quelli dalle economie apparentemente indistruttibili che pensavano di essere immuni da questa malattia.Una malattia spesso subdola, con sintomi nascosti, difficilmente percepibili, come una specie di tumore che alla fine si manifesta con effetti devastanti e letali.

E’ la nuova peste, la peste del XXI° secolo.

none_o

25/9/2011 - 11:02

"È l'umore di chi la guarda che dà alla città di Zemrude la sua forma. Se ci passi fischiettando, a naso librato dietro al fischio, la conoscerai di sotto in su: davanzali, tende che sventolano, zampilli. Se ci cammini col mento sul petto, con le unghie ficcate nelle palme, i tuoi sguardi s'impiglieranno raso terra, nei rigagnoli, i tombini, le resche di pesce, la cartaccia. Non puoi dire che un aspetto della città sia piú vero dell'altro, però della Zemrude d'in su senti parlare sopratutto da chi se la ricorda affondando..

none_o

18/9/2011 - 11:30

Ci sarebbe da sorridere se non facesse rabbia. In questo momento di crisi economica e sociale pare che il principale problema del Paese, e quello più urgente, sia quello di bloccare le intercettazioni telefoniche. Ne va di mezzo l'economia forse, o il lavoro, lo stato sociale? No, solo per coprire le nefandezze di personaggi politici corrotti e amorali, di cui speriamo di liberarci al più presto. I motivi della mia contrarietà alla legge che le vuole imbavagliare.

none_o

11/9/2011 - 18:49


Dominanti o dominati,  sembra la tendenza prevalente di questa nostra società, a cui sembra di non potere sfuggire.

Tendenza che avvolge le relazioni con le persone, con gli oggetti, con l'ambiente in cui viviamo.

Eppure si avverte sempre più impellente la necessità di costruire un'alternativa reale che ci offra la possibilità di resistere e di mettere in moto un cambiamento.

none_o

4/9/2011 - 10:42

Dopo mesi di gossip ininterrotto siamo affondati, sprofondati finalmente nella consapevolezza della crisi. Una crisi che c’era, e si vedeva già dalle condizioni di incuria  del territorio, dalle difficoltà delle amministrazioni locali, dai problemi delle famiglie. Mancanza di fondi, ed ora finalmente si scopre che l’evasore fiscale non è un furbastro da imitare ma un parassita da condannare. Finalmente si fanno spots televisivi, manovre di contenimento. Manca solo un altro passo: la realizzazione di una vera coscienza civica.

none_o

28/8/2011 - 8:33

L’estate sta finendo… e un anno se ne va! Un brutto anno per il nostro Paese dove le ombre hanno superato di molto le luci. Ecco una carrellata di notizie, buone, cattive, curiose, volgari tutte concorrenti a dare l’idea di una Italia disordinata, piena ancora di privilegi, di ingiustizie, dove oramai la finanza e il denaro hanno sopraffatto non solo i cittadini ma anche la politica. Ecco la nascita del decalogo per donne sole, la proposta della scomparsa delle feste laiche, i privilegi della casta. Che sia tutta colpa dei rom??

none_o

22/8/2011 - 7:58

Questo spazio per un libro. Un libro sul più cattivo degli uomini, nientemeno sul capo assoluto dei famigerati talebani, il Mullah Omar. Imprendibile, invisibile ma che riesce dal suo nascondiglio segreto e con poche armi a tenere testa da dieci anni all’esercito più potente e tecnologico del mondo. Ma è proprio così? Questo libro parla della sua figura, della sua storia e di quella del suo popolo mettendola a confronto di quella ufficiale. Una lettura molto utile per capire meglio. 
 

none_o

21/8/2011 - 20:28


L'estate sta finendo...ma fa ancora molto caldo. Sotto l'ombrellone con gli occhi persi nella distesa del mare, i pensieri si muovono liberi, qualcuno si affaccia e se ne va, qualche altro entra prepotente, fino a che iniziano a mettersi in fila, si connettono e trovano un filo, un trait d'union leggero, forse un po' frivolo...ma d'altra parte il luogo non permette di andare oltre.

Sono disponibili 521 articoli in archivio:
 [1]  ...  [16]   [17]   [18]   [19]   [20]   [21]