none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
. . . non siamo sui canali Mediaset del dopodesinare .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
IL PROVERBIO
Chi pecora si fa....

3/6/2011 - 15:33



Il proverbio di oggi:

Chi pecora si fa
il lupo se la mangia!
 
Il modo di dire:
O mangiar questa minestra….
O saltar questa finestra, o bere o affogare: modi di dire indicanti la mancanza di alternative, la necessità di seguire una condotta sia pure con molti evidenti aspetti negativi


 
Dal libro “Le parole di ieri” di G.Pardini
 
R  come Rossa
 
 Al telefono.
 
Pronto, buongiorno, e’ pronta la macchina che avevo a verniciare ?
Si, è quasi pronta, volevo solo sape ‘r  colore?
Ma!……. facciamola rossa.
Rossa, rossa come?
Rossa!
Ma rossa come, come questa penna?  
(Mario- Migliarino)
 
 
RABACCHIOTTO
Lett: RABACCHIO.
Termine arcaico [derivato dal verbo RAPARE, forse tosare. Rapax-cis in latino significa fanciullo].
In dialetto è stato modificato con l’aggiunta di un suffisso di valore vezzeggiativo, come in ragazzotto, bambinotto, scemotto ecc.
Si attribuiva questo aggettivo ad un bambinetto robusto e ben fatto, sveglio ed intelligente.
 
RAFANI
Lett: RAFANO.
Il rafano è il [ravanello] e in floricoltura anche la costola longitudinale delle piante.
Entrambe le cose non hanno niente a che fare con il significato dialettale del termine che è quello  di essere nei guai.
Son proprio ne rafani!” : sono proprio nei guai!
E’ espressione usata ancora oggi con identico significato.
 
RAMARE
Lett: RAMARE. [In agricoltura spargere il solfato di rame sulle viti o simili].
Ramare indicava appunto l’atto di spargere sulle viti un composto di solfato di rame e calce spenta che prendeva il nome di ramato o, in questa zona, semplicemente rame o verderame.
Il composto si otteneva sciogliendo in un capace recipiente dei cristalli di solfato di rame, una polvere azzurrina, che veniva messa dentro un sacchetto di balla e legato in cima ad un bastone, come un manico di scopa, ed immerso nell’acqua.
Si lasciavano sciogliere i cristalli girando il composto di tanto in tanto, talvolta con l’aiuto di una granata molto consumata conservata appositamente per questo scopo, badando a girare sempre nello stesso verso per non far impazzire il rame e farlo diventare bruscoloso. Quando era pronto si aggiungeva della calce spenta, bianca, e si mescolava fino ad ottenere un composto che assumeva una colorazione verdastra.
La calce viva (ossido di calcio) era una sostanza caustica che veniva comprata a zolle e spenta mescolandola con dell’acqua, in modo da farle perdere il potere caustico. Questo veniva fatto semplicemente scavando in terra una fossa poco profonda, di solito in forma rettangolare, e aggiungendo alla calce, ancora viva, la quantità di acqua necessaria. Si formava così un composto bianco, morbido, che si depositava sul fondo lasciando alla superficie un velo d’acqua. Quando serviva veniva prelevava con una pala e mescolata al rame.
La stessa calce, con una maggiore diluizione, serviva anche ad imbiancare le abitazioni, la famosa imbiancatura a calcina, che aveva anche un utile effetto disinfettante in un periodo in cui ancora le malattie infettive mietevano molte vittime.
Le fosse della calcina erano spesso trappole per i bambini che correndo ci cadevano dentro, con grande spavento dei genitori.
Il rame veniva poi sparso sulle viti con un attrezzo chiamato semplicemente macchina del rame, formato da un contenitore per il liquido, una leva che serviva per pompare l’aria ed un tubo di  gomma che proseguiva con un’asta metallica terminante in punta con un ugello, per vaporizzare la miscela.
Il rame aveva una funzione preventiva contro l’attacco della peronospora, un parassita delle viti assai temuto dai contadini.
Per curiosità riportiamo che questa miscela veniva chiamata anche “poltiglia bordolese” perché scoperta casualmente nella città di Bordeaux circa un secolo prima.

 

(Foto: una foto storica di alcuni componenti-fondatori della Pubblica Assistenza di Migliarino)

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri