none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

Nelle discussioni dei candidati per l'europa non si .....
. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
“anche il ritardo nella giustizia è di per se ingiustizia”
none_a
Editoriale di Christian Rocca (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
di Stefano Ceccanti, costituizionalista (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
IMMAGINA San Giuliano Terme
none_a
REDAZIONE - de Il Foglio
none_a
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
SAN GIULIANO - PISA
A rischio quarantadue posti di lavoro al supermercato Carrefour

18/6/2011 - 8:15


PISA.

 A rischio 42 posti al Carrefour. Il supermercato francese della Fontina, a Ghezzano, si ridimensiona, colpa della crisi che porta a vendere meno a gente che di soldi da spendere ne ha sempre più pochi. Dopo quanto avvenuto l’anno scorso a Massa, dove ci fu la richiesta di mobilità per 30 persone, che portò alla fine, dopo una lunga trattativa, al prepensionamento di una decina di volontari, il problema si ripropone anche quest’anno, con il taglio, in Toscana, annunciato, di 77 esuberi.

 

Quattro i punti vendita nella regione, a Lucca e Calenzano, che non verranno toccate da questo ridimensionamento, e poi di nuovo a Massa, dove sono state annunciati per lettera 35 messe in mobilità, e infine la sede di San Giuliano, dove le richieste di mobilità sono 42.Una situazione che ha messo in fermento il personale: la richiesta è stata annunciata mercoledì alle organizzazioni sindacali e alle istituzioni con la richiesta di un incontro entro una settimana. Per legge ora ci sono 75 giorni di tempo da dedicare all’eventuale trattativa, il ché rimanda tutto a fine agosto-primi di settembre. Il tutto arriva dopo una lunga serie di accordi sulle ferie, la disponibità al lavoro domenicale, la flessibilità interna per diminuire i costi di gestione.

Fonte: Il Tirreno
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

18/6/2011 - 13:35

AUTORE:
cittadino

ma la crisi non era finita? Ecco l'ennesima bugia del governo che viene smentita dalla realtà.
Cari governanti, a quanto pare avete sbagliato ancora una volta le previsioni, la crisi è solo all'inizio e il governo non sta facendo nulla.
Questo governo deve dimettersi! Berlusconi non sa fare nulla per il paese, pensa solo alle sue leggi personali.
Mi auguro che i 42 licenziati del carrefour possano trovare posto nello staff del governo, che è ormai l'unico "datore di lavoro" che, anzichè licenziare, assume.
L'ufficio stampa della presidenza del consiglio si è suddiviso in tre sotto-uffici e i dipendenti sono così triplicati.
Anche i posti di ministro e sottosegretario aumenteranno prossimamente per dare una risposta ai "responsabili".
Vergogna!

18/6/2011 - 13:13

AUTORE:
Massimo

Come vedete i conti non tornanano più. La grande distribuzione è in crisi. Ecco perchè dobbiamo pensare per bene che tipo di sviluppo vogliamo.