none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

Circolo ARCI Migliarino- 13 giugno ore 21
none_a
Di Claudia Fusani
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . e lo ha detto chi momentaneamente ha occupato .....
. . . se per caso, o altro, Renzi lasciasse la politica, .....
Nicola Zingaretti, disse a Matteo Renzi: non ti presentare .....
. . . magari.
Resta da capire se Iv è un partito .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
il richiamo di cose
perdute, stanotte, dilaga
per il chiostro dell'anima
mia vaga, come bruma di seta
che lenta si sfà.
Filamenti di volti,
laceri .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
VECCHIANO
Presentato il piano della telefonia: ecco le sedi per le nuove antenne

27/7/2011 - 9:02


VECCHIANO. Due aree pubbliche, una in via di Bracciolo e l’altra nell’area golenale, a disposizione per l’installazione di nuovi impianti per la telefonia mobile. Questo uno dei risultati del piano di rete di telefonia mobile di Vecchiano, che lunedì sera è stato illustrato in un consiglio comunale aperto.Il piano, commissionato dal Comune all’Università di Firenze, analizza lo stato degli impianti attualmente presenti e, appunto, indica aree potenzialmente disponibili per nuove antenne. Una scelta che l’amministrazione comunale ha compiuto dopo l’ordinanza che la precedente giunta Pardini aveva emanato per bloccare gli impianti in via del Paduletto, zona in cui erano presenti abitazioni e addirittura una scuola materna. Lo studio del professor Gianfranco Cellai del Laboratorio di fisica ambientale per la qualità edilizia dell’ateneo fiorentino, fotografa la situazione attuale a Vecchiano dove sono presenti 10 postazioni.

 

L’Amministrazione Comunale di Vecchiano, nella seduta del Consiglio Comunale aperto del 25 luglio, ha illustrato alla cittadinanza le modalità per consentire ai cittadini di prendere parte alla procedura di partecipazione per la redazione definitiva del Piano di Rete di Telefonia Mobile sul territorio.

Il documento inerente il Piano è consultabile sul sito web del Comune di Vecchiano (www.comune.vecchiano.pisa.it) oppure presso lo Sportello Unico delle Attività Produttive (SUAP), ubicato al 2° piano del Palazzo di Via G.B. Barsuglia 182, che mette a disposizione la documentazione negli orari di ricevimento, il martedì ed il venerdì dalle 9 alle 13.

I documenti relativi al Piano di Rete sono, inoltre, raccolti in un CD-Rom disponibile presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) in Via XX Settembre: per ottenere il CD il costo è di € 2,00 a titolo di rimborso spese. C’è tempo fino al prossimo 5 settembre per i cittadini che vogliano apportare commenti, pareri e contributi al Piano di Rete di Telefonia Mobile.

Gli interessati possono inviare i propri apporti documentali nelle seguenti modalità: tramite fax al numero 050/859973; tramite posta ordinaria; tramite posta elettronica al seguente indirizzo: suap@comune.vecchiano.pisa.it. È, inoltre, possibile consegnare il proprio contributo a mano, presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico.

"Riteniamo che sia giusto coinvolgere la cittadinanza nel Piano di Rete di Telefonia Mobile che già la Giunta Pardini aveva messo in conto di realizzare", afferma il sindaco Giancarlo Lunardi. "Auspichiamo che i cittadini inviino i loro contributi in modo da giungere insieme alla migliore soluzione possibile per il nostro territorio".

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri