none_o

Proseguendo la serie di articoli sulle vicende ( e leggende) del territorio, Agostino Agostini ci regala il resoconto immaginifico del serpente-alato, che abitava il castello dei Pagano da Vecchiano. Fu ucciso - secondo la leggenda - da Nino Orlandi nel 1109 nella selva palatina di Migliarino (oggi tenuta Salviati). Imbalsamato fu posto nel Duomo di Pisa ma ando' perduto nell'incendio del 1595. Una ulteriore riprova della grande ricchezza storica del nostro territorio.

Buongiorno a tutti, sono Costanza Modica, ho 17 anni, .....
Ammetto l'errore, ho solo visto il simbolo di presentazione, .....
. . . . Buonafede Alfonso, candidato sindaco di Firenze, .....
Cosa ci dicono le votazioni in Sardegna?

Calenda .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
none_a
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Eccolo
Come una furia scatenata
è arrivato il vento
a riportare tormento
alle marine
Prima con le piogge
che hanno colpito
la montagna
con smottanento
frane .....
LA TARI è ARRIVATA E SALATA
MA IL KIT PER LA RACCOLTA NON ANCORA
SIAMO A MARZO.

COME MAI?
COSì NON VA BENE.
VECCHIANO
Mozione della lista Tradizione e Futuro

23/11/2011 - 23:08


Lista Civica “Tradizione e Futuro”
Galleria Giusti 177 -  Vecchiano             
                                                                                  Vecchiano, 21/11/2011
Alla Segreteria del Consiglio Comunale di Vecchiano

Oggetto :

 mozione della lista Tradizione e Futuro redatta in conformità all'articolo 16 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale
La sottoscritta consigliera comunale, capo gruppo della lista Tradizione e Futuro
 A verifica delle linee programmatiche illustrate nel consiglio comunale del 31/05/2011 al riguardo di:
collegamenti con l’ospedale di Cisanello
Chiede al Consiglio
Vista la collaborazione con il Comune di San Giuliano Terme su diverse importanti tematiche  (ad esempio approdi Bocca di Serchio, Piano di Assetto idro-geologico del fiume Serchio, costituzione di parte civile per eccidio della Romagna ecc.)
Ritenuto che anche questa tematica sia di rilevante importanza in quanto riguardante la salute della cittadinanza del nostro Comune
Di spronare il Comune di San Giuliano Terme a sollecitare il gruppo Ferrovie dello Stato per una rapida conclusione dei lavori per la costruzione dei sottopassaggi alla linea ferroviaria Pisa-Lucca e, comunque,  a prendere qualsiasi  iniziativa concreta affinché ci sia una sollecita risoluzione dei disagi riscontrati da residenti nel nostro Comune, sia privati cittadini sia associazioni,  per raggiungere agevolmente il Pronto Soccorso spostato già dal 09/12/2010  presso l’ospedale di Cisanello.    
                                                          Laura Barsotti – Tradizione e  Futuro                                                                                                              

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

29/11/2011 - 16:23

AUTORE:
Manzi

c'è giustamente chi "non s'è curato di te", ma io tempo e ti chiedo di nuovo: da bi laureato citami altri testi universitari dai quali si apprende questa nostra bella lingua.Insisti in un linguaggio di denigrazione e ciò dimostra la tua poca e banale cultura

28/11/2011 - 22:08

AUTORE:
discepolo del maestro Manzi

Vedendo questo insulso e banalissimo comunicato stampa, nella speranza vana che qualcuno capisca la citazione, mi limito a dire: "non ragioniam di lor, ma guarda e passa".

28/11/2011 - 19:15

AUTORE:
Manzi

Invito colui o colei che si definisce mio discepolo a definirsi discepolo di qualcun altro. Lo scarso rispetto che questo sedicente discepolo ha verso l'interlocutore non mi appartiene. Definisce "da terza media" la maggior parte dei commentatori credendo di definirli in questo modo ignoranti. "Pochezza culturale" utilizza . E io rispondo: bisogna vedere che terza media, caro discepolo di qualcun altro. E c'è una bella differenza tra istruzione e cultura.
E poi basta con la citazione di De Mauro, e mica ci sarà soltanto lui ad insegnarci l'italiano! E' vero che ha scritto degli ottimi testi commerciali, ma ce ne sono molti altri di lavori encomiabili. Ce li citi che è bi-laureato

26/11/2011 - 9:32

AUTORE:
discepolo maestro Manzi

Con profonda tristezza prendo atto della pochezza culturale della maggioranza dei commenti. Sicuramente la maggior parte di coloro che hanno scritto sulla questione non è andata oltre la terza media. Ciò non è ovviamente una loro colpa o dei loro genitori; è un indice però delle modalità con cui l'istruzione è stata gestita negli ultimi quarant'anni nel nostro Paese, pensando solo al profitto economico, tipico della classe dirigente italiana. Emerge un chiaro "analfabetismo di ritorno". Purtroppo è un fenomeno dilagante in Italia. Del resto la classe politica italiana dimostra di non saper scrivere. Non sapendo scrivere, non sa neanche comunicare il proprio legittimo pensiero.
In ogni caso, tornando al mio primo commento, non era mia intenzione dileggiare il sapiente lavoro svolto dalla signora Capogruppo a cui va il mio rispetto. La mia era solo una legittima critica politica. Non c'era alcun intento denigratorio. Se questa è stata l'impressione, me ne scuso. La invito però, oltre a leggere l'encomiabile lavoro del Di Mauro, ad approfondire le questioni legate al drafting. Sicuramente la Sua attività ne trarrà un beneficio.

25/11/2011 - 22:33

AUTORE:
anziano lettore

sentir parlare del maestro Manzi mi riporta ai tempi che furono Il maestro Manzi ha reso un grande servizio a combattere l'analfabetismo nel nostro Paese. Mi spiace constatare che chi si definisce suo discepolo lo è solo perché è stato alfabetizzato da lui, pensavo che volesse rendere, come il maestro, un servizio pubblico che il discepolo invece non ha dato.

25/11/2011 - 18:29

AUTORE:
Maestra

Mi è arrivata poco fa la mail di un'amica che ha appena letto su questo forum il trafiletto “Ahi, ahi, professori” e mi chiede se è vero che una signora sedicente bilaureata ha scritto crechi al posto di crei. Se le rispondo che è vero riporterà quest'esempio di ipercorrezione nella sezione speciale “Parlare dialettale, popolare, ipercorrettismo e censura linguistica.” di un atlante paremiologico al quale sta lavorando per l'Università di Urbino.
Questa dottoressa (vera) segue da molto tempo i linguaggi e le forme espressive di molti blog e rubriche di “lettere al direttore” di molti giornali italiani, e, come si capisce, segue anche il forum di questo giornale, da cui ricava un'infinità di materiale e di spunti per il suo lavoro.
Le ho risposto che è vero. E così anche Vecchiano, per i meriti di una bilaureata, entrerà a pieno titolo nella fenomenologia linguistica e della disabilità intellettiva.

25/11/2011 - 14:09

AUTORE:
Imparziale

perché è imparziale lui! Finalmente si è scoperto: ci comunica ufficialmente che "la maggioranza scrive i suoi comunicati in un italiano fluente e non burocratico" e così dice tutto. Siccome ciò non corrisponde al vero e ce ne sono ampie prove, pensi ad essere imparzizle lui e saggio soprattutto, come chiunque abbia potuto e voluto farsi un po' più di cultura dovrebbe essere. Non si firma, millanta titoli che non sembra in pratica che abbia conseguito e parlando in generale parla di istituti. Chi ha davvero la mente aperta non giudica e sa benissimo che la preparazione dipende da fattori molto più importanti che un nome di un istituto o Università: il cervello umano, le capacità intellettive e di apprendimento dello studente, all'interno dell'istituto l'insegnante che ha trasmesso il sapere........
Poi la cultura non è arroganza e prevaricazione e dalla risposta del sedicente discepolo al prof, che non ha fatto che il suo lavoro, si dimostra, se ce ne fosse bisogno, che l'istruzione e la cultura sono lontane lontane dal caro discepolo. Quando ne ha parlato lui non erano banalità? Se gli viene risposto pan per focaccia anziché argomentare usa un linguaggio per sminuire l'interlocutore...ahi ahi e qui cascò l'asino.

25/11/2011 - 12:37

AUTORE:
L.G.M.

Ora anche il discepolo del maestro Manzi ci viene a dire che ha due lauree. A leggere quel che scrive mi viene in mente la signora che vantava due lauree e che fece ridere tutto il mondo scrivendo "crechi" invece di "crei" (voce del verbo creare) perché "crei" le sembrava detto in vecchianese.

25/11/2011 - 8:46

AUTORE:
discepolo del Maestro Manzi

Con tutto il necessaio rispetto, il cosiddetto Prof probabilmente non è imparziale nel suo ragionamento. Capirei le sue argomentazioni solo se si fosse limitato ad acquisire il conseguimento dell'obbligo scolastico. Non potrei infatti giustificare in altro modo tali banalità. Quanto al massimo dei voti - parlo in generale - dipende dove uno li ha conseguiti: c'è differenza tra istituto ed istituto. Si pensi ad esempio a chi, come il sottoscritto, ha studiato alla Sapienza di Roma e ha preso un secondo titolo di studio all'Università Cattolica di Milano. Detto questo, non è mia intenzione giudicare l'opposizione. Prendo atto che la maggioranza scrive i suoi comunicati in un italiano fluente e non burocratico.

24/11/2011 - 23:36

AUTORE:
Prof

Non vedo perché Barsotti sarebbe dovuta intervenire nel dibattito. Questo è lo schema per la presentazione delle mozioni. E forse il saccente "discepolo" non si è informato al riguardo. L'importante è la sostanza delle cose alla quale Tradizione e Futuro mira comunque.
Qui poi si rispetta anche la forma!
A quel che mi risulta poi la Signora è laureata con i massimi voti e ho letto degli ottimi articoli, scritti in italiano finalmente.
Poi si decida: è un atto amministrativo e non si può usare spronare, ma al tempo stesso non va bene il burocratese.
Incipi (voleva scrivere Incipit)
etimi
mi sa che l'utilizzo di termini "alti" voglia giustificare il suo intervento fuori luogo.

N.B. Ho analizzato qualche suo appunto e se parla di "italiano":
-non può sostituire 'spronare' della principale con 'sollecitare' che è scritto già nella subordinata
-non può assolutamente usare il punto e virgola dopo i periodi che dice, semmai una virgola ma comunemente non si fa in questo tipo di atti
-il soggetto è il promotore della mozione, quindi la capo gruppo (parola composta)della lista civica che chiede al Consiglio Comunale un'azione, una pronuncia.
Infine un appunto: l'impaginazione non aiuta di certo la comprensione.

24/11/2011 - 21:26

AUTORE:
Uno di bocca

....che i discepoli sono assai peggiori degli originali, quelli bravi sul serio non sono mai seguaci di nessuno perchè brillano di luce propria; si renderà conto con il passare dei mesi, che molti argomenti verranno periodicamente sollecitati da questa opposizione, le cose da fare sono tante, troppi anni sono passati senza affrontare con la giusta tempestività l'evolversi di certe situazioni, come appunto il Pronto Soccorso che si trasferiva dal Santa Chiara a Cisanello.
Vede ci sono persone che sono abituate a lavorare nel mondo contemporaneo con i ritmi che esso impone, percui meglio sorvolare su una virgola scappata, che su un collegamento stradale di vitale importanza per il nostro Comune.

24/11/2011 - 21:20

AUTORE:
discepolo del maestro Manzi

Gentile signor Socrate,
sicuramente Lei non possiede il sapere del suo illustre omonimo greco. Mi par ovvio che, a proposito dei punti e virgola, mi riferivo al termine delle frasi che hanno come incipi gli etimi "Vista" e "ritenuta". Ho voluto solo dare un consiglio alla signora: comunque a tutti i lettori "lessico e grammatica" di Tullio de Mauro.
Spiace solo che la Signora non sia intervenuta nel dibattito. Se lei mi consente, o Socrate, potrà certamente notare da solo che quel comunicato non risponde al parlato di tutti i giorni. Se vuole, Le riscrivo il testo della mozione in un italiano fluente e grammaticalmente corretto.

24/11/2011 - 20:16

AUTORE:
Socrate

Capperi!, Signor discepolo del maestro Manzi, ma come ce li vede Lei i punti e virgola dopo le parole "vista" e "ritenuta"? E il burocratese dove lo legge?
Creda, non è mai troppo tardi per ridimensionare il proprio sapere ed evitare di fare brutte figure.

24/11/2011 - 17:53

AUTORE:
ciccio

caro allievo del Manzi, secondo me sei sempre abituato a quando L'opposizione non c'era, per cui ti da fastidio tutto quello che la signora Barsotti e gli altri 3 consiglieri fanno gratuitamente e con tantissimi sacrifici qualcosa per il nostro comune.Io penso che con una buona opposizione, l'amministrazione è ancora più motivata a fare.Comunque è stata molto chiara nello specifico,per cui rilassati e non fare commenti da sapientone, perchè quì siamo a vecchiano enon a oxford o come cavolo si chiama, dove la cittadinanza vuole i fatti non i discorsi.

24/11/2011 - 9:14

AUTORE:
discepolo del maestro Manzi

Gentile Signora,
mi permetta alcune considerazioni. Le sembra corretto in un atto amministrativo usare il verbo "spronare"? Non sarebbe stato meglio scrivere "sollecitare",
"impegnare"? Le sembra comprensibile per i cittadini il linguaggio burocratese che usa? "Capogruppo" si scrive unito, non staccato. Vedo altresì che non usa i punti e virgola. Sarebbero stati utili al termine sia del "Vista" e del "Ritenuta". Inoltre il soggetto della mozione non è LEi, gentile Signora, bensì il Consiglio Comunale. Quindi Lei avrebbe dovuto proporre una mozione che avesse come soggetto il Consiglio, quale organo collegiale. Anche un altro Suo collega di opposizione è caduto in simili errori. Dovrebbe approfondire le questioni relative alla semplificazione del linguaggio. Mi creda: il burocratese non aiuta la Sua azione politica. Con viva cordialità.