none_o


All'interno di questa rubrica abbiamo sempre ospitato temi non di attualità, bensì legati alla storia, storia sociale, politica, ambientale e storia di ricordi del nostro territorio. Ora vorremmo estendere la visuale storica, impegnandoci in un obiettivo ambizioso: fornire un quadro generale della vita delle comunità rurali dell'800 nel comune di Vecchiano.

Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
. . . . . se si parte dalle crociate medievali (1096-1270) .....
La storia è una perfetta sconosciuta su questo forum, .....
. . . . . . . . . . . . condotta da Jader Jacobelli .....
. . . minacce e offese al di fuori degli anni "70, .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


UN IMPEGNO COSTANTE PER MANTENERE VIVO IL PASSATO E FRUIRNE ANCORA IN FUTURO

Vecchiano Civica presenta i propri candidati
none_a
A NODICA-Piazza Enzo Ferrari: Sabato dalle 9.00 alle 19.00
none_a
Un Cuore per Vecchiano
none_a
Insieme per Vecchiano
Filettole, 19 settembre
none_a
Insieme Per Vecchiano - Candidate/Candidati
none_a
Insieme Per Vecchiano - Candidate/Candidati
none_a
pubblicazione Candidati
none_a
di EROS CARLOPPI ( Presidente del C. D. Provinciale del PSI)
none_a
Vecchiano Civica presenta i propri candidati
none_a
Insieme per Vecchiano - Candidate/Candidati
none_a
“Il Parlamento farà ciò che ritiene”: nello scontro con Franceschini tutta l’indipendenza di Draghi
none_a
Rifiuti, Mazzetti (FI)
none_a
di Ernesto Galli della Loggia
none_a
Di Salvatore Carollo
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Misericordia del CEP, Gabella (Calci)
none_a
Metato
none_a
Il Bargellona si accontenta della Coppa Limiti
none_a
È con te
Facciamo oggi quella scelta
Oggi in due ma restiamo sempre noi
È con te
Che la vita è come foglia
Noi leggeri saggi dentro vuoti mai
Sei .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
none_o
CHIAVI IN MANO
di Madamadoré

8/1/2012 - 9:34

Quanta fatica costa essere se stessi? Portarsi dietro la propria storia, che è un po' il nostro passato, è tanto del nostro presente e per il futuro ci chiede coerenza. Ma questo bagaglio ha due pesi e due misure, un conto è quello che noi crediamo di essere e altro è quello che gli altri credono che noi siamo, un conto è quello che vorremmo essere e altro è quello che gli altri ci rimandano di noi, un conto è la facilità con cui noi rimuoviamo quello che non ci piace altro è la capacità mnemonica degli altri delle cose che non ci piacciono di noi.


Tutto questo carico della nostra storia, del nostro modo di abitare il mondo, di essere e di fare, di dire e non dire, di sparire o comparire, diventa elemento fondamentale nelle relazioni che decidiamo di intrattenere con le persone che incontriamo sulle strade che ogni giorno ci troviamo a percorrere.


Quanta fatica facciamo per essere ricordati, accettati, accolti, quanto impegno nel confronto, nel dialogo, nel mediare e anche nel litigare. Quante strategie diverse mettiamo in atto per affermare le nostre idee, per creare legami significativi o per troncare legami che non ci interessano più.


Ognuno in base alla storia di cui è portatore si inserisce sulla scena delle relazioni con le cose, con i pensieri, con le parole, con i fatti, con le persone. Ognuno ha un suo modo, ognuno sceglie chi e che cosa curare, chi e che cosa trascurare. Ognuno di noi ha il suo stile.


Nella vita reale, quella fatta di persone con un nome e una faccia riconosciute e riconoscibili, noi siamo come siamo, come ci vedono, come ci interpretano, ma c'è una zona più soft: la vita virtuale.


Apri una pagina su facebook, inizialmente cominci un po' in sordina, timidamente, a cercare le persone che conosci già, poi arrivano richieste di estranei, o di amici degli amici, poi non sai più neanche te cosa succede, è come dipanare un gomitolo e arrivi a 500 amici in un batter d'occhio e sono pure pochi.


Ma cosa vuol dire avere 500 amici su fb? All'inizio riesci a leggere quello che viene postato o linkato, poi leggi solo quello che prende evidenza, una specie di dominanza incontrollata, o una prepotenza dovuta alla presenza, alla attività...quante foto metti, quanti commenti fai, quante variazioni di stato posti.


Che relazione si può intrattenere con 500 amici? Solitamente si posta qualcosa, o si linka una pagina e scattano i MiPiace e se sei fortunato i commenti, i cuoricini, le faccine, gli emoticon. La relazione è molto semplificata nel mondo di fb, se qualcosa non ti piace puoi ignorarla con facilità, non sei obbligato a scontrarti, la scorri, oppure la fai scomparire dal tuo schermo senza conseguenze, l'altro non lo saprà e quindi non te ne chiederà conto. Se per qualche ragione ti senti obbligato puoi spargere una quantità esagerata di Mipiace, nessuno vedrà la tua faccia che dice esattamente il contrario, e sei salvo con un tasso di fatica vicino allo zero.
Nel mondo di fb anche partecipare, essere attivi è facile, basta un clic sui link giusti e dai una mano a qualsiasi causa sociale, politica, culturale...ma un proverbio dice che tra il dire e il fare c'è di mezzo il fare.


Dico questo consapevole del fatto che movimenti come quelli di Se non ora quando hanno trovato in fb un mezzo molto efficace di coinvolgimento, una specie di altoparlante che ha moltiplicato le voci, un tamtam moderno. Ma in ogni caso non riesco a non pensare che questo mondo virtuale ci può disabituare all'utile fatica della costruzione di relazioni concrete, faccia a faccia.


Come sono faticose le relazioni amorose, familiari o amicali, altrettanto lo sono le relazioni per affinità di interessi, dove la partecipazione vuol dire presenza, lavoro, coerenza, trasparenza, impiego di tempo e di energie, vuol dire conflitto, o meglio capacità di so-stare nel conflitto dovuto alla diversità di idee, di vedute, di scelta e di strategie. Partecipare, prender parte, essere parte delle cose, delle azioni, dei pensieri, delle relazioni risponde ad un bi-sogno, scritto così perchè è duplice il suo significato.

Uno risponde al bisogno personale di fare qualcosa, di sentirsi utile, di essere ricordato...l'altro risponde al sogno di realizzare qualcosa che avrà un significato o un'utilità che andrà oltre noi. Sia come sia, la partecipazione ad un progetto ha bisogno del mondo reale, delle persone in carne ed ossa, del loro lavoro e del loro impegno che però nel nostro mondo attuale non può fare a meno dell'altro mondo, quello virtuale sia fb o un canale come questo.


Quello che non capisco sono gli attacchi, a volte ingenerosi, le critiche aspre senza via d'uscita che si sentono muovere a chi ha alzato il proprio sedere dal divano ed è uscito, abbandonando per un po' il pc in standby, e ha deciso di impegnare e spendere la sua faccia, le sue energie per prender parte ad un progetto, portando quello che è, quello che sa, quello che può e mettendolo a disposizione, correndo il rischio di doverlo mutare, stravolgere o addirittura lasciare da parte per far posto a qualcosa di più efficace. Chi prende parte, chi partecipa, corre il rischio, si espone al rischio della relazione, dell'interpretazione, della non comprensione, del conflitto, della fatica relazionale.


Chi critica, chi mette in discussione postando commenti, slogan, resoconti ha realmente provato a fare qualcosa, a uscire di casa e andare nei luoghi dove accade quel qualcosa di cui non siamo soddisfatti e portarci un atteggiamento diverso, un fare e un dire diverso, con ostinazione, tenacia, passione e onestà insistendo fino a che qualcuno ha ascoltato o fino a che qualcosa è cambiato?


Credo che questo accada poco frequentemente e lo credo perchè se fosse diversamente vorrebbe dire che le assemblee di questa o quella cosa sarebbero affollate, o che quando viene chiesto chi si occupa di questo o di quello di mani alzate ce ne sarebbero talmente tante da avere l'imbarazzo della scelta, da doversi porre il problema dell'alternanza.

 

Allo stesso tempo credo nella autenticità di quello che leggo sulla rete, ci voglio credere, perchè questo mi dà l'immagine della possibilità di vedere molte persone motivate che potrebbero assumere incarichi, che si accollerebbero impegni e responsabilità  e correrebbero dei rischi per dar voce ai loro bi-sogni.

 

Lo credo perchè se si riuscisse a costruire un'altra strada per  il flusso delle denunce e dei clic sulle cause on line, o per l'indignazione a cascata su fb, se provassimo a frequentare i luoghi, invece di commentarli e criticarli e basta, forse scopriremmo che c'è gente che sa farsi da parte, se qualcuno arriva, se la strada da percorrere la percorriamo insieme.

 

Sono certa che scopriremmo che nessuna porta è blindata abbastanza se si è in tanti. Ma qualcuno deve aprire quella porta,  e sono sicura che ognuno di noi possiede le chiavi giuste, basta volerle trovare con onestà e passione.
 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

9/1/2012 - 16:08

AUTORE:
Trilussa

Caro Zoraccio,
io e Madamadoré non possiamo che ringraziarti per l’assiduità con cui leggi i nostri scritti settimanali su cui immancabilmente lasci un piccolo commento.
Sai noi non siamo giornalisti professionisti ma semplici persone, naturalmente non pagate, che si dilettano ogni settimana a cercare di dire qualcosa, esprimere un’opinione, stimolare la discussione su argomenti vari.
Ci dispiace veramente molto che tu non apprezzi i nostri scritti, spesso realizzati con fatica nei momenti liberi dal lavoro, ma questo è il massimo che riusciamo a fare e di cui ci scusiamo. Proponiamo alcune soluzioni per rimediare a questo tuo disagio nella lettura. La prima potrebbe essere quella di non leggere più i nostri articoli, e questo sarebbe poco male, ma la seconda è assai più stimolante ed è quella di scrivere tu stesso degli articoli assai più interessanti dei nostri che saremo lieti di leggere settimanalmente e a cui non faremo mancare, naturalmente, le nostre anonime riflessioni.

9/1/2012 - 10:00

AUTORE:
Sonia

Quello che dici Madamadoré lo associo all'argomento trattato nel libro "Ama il prossimo tuo" scritto a quattro mani da Massimo Cacciari e don Enzo Bianchi, presentato dagli autori sabato 7 gennaio nella trasmissione "Che tempo che fa" di Fabio Fazio.
Un sacerdote co-scrittore di Cacciaeri mi sembrava una stranezza invece, ascoltandoli, ho capito che la convergenza di opinioni vedute intenti ecc. è molto più affine di quello che potevo immaginare...

8/1/2012 - 16:50

AUTORE:
Zoraccio

Una vagonata di parole per dire che cosa? Strizza strizza un ci sorte fori niente. Magari questaquì penserà di avere detto chi lo sa che cosa.... Aria fritta!!

8/1/2012 - 10:27

AUTORE:
u.m.

Cara amica, tre sono le chiavi che dici di "dovere avere":
quella coppia che tieni sotto la fronte e che ti guida, quella che hai da passepartout nel petto alla sinistra e che apre ogni serratura e l'altra coppia sotto il bacino che ti porta alla meta, ce le abbiamo tutti, ma solo pochi le usano.